Home Coronavirus Con l’Emergencies Act Inquiry, i giochi sono fatti per Justin Trudeau

Con l’Emergencies Act Inquiry, i giochi sono fatti per Justin Trudeau

46
0

Con l’Emergencies Act Inquiry, il gioco è pronto per Justin Trudeau e il tempo stringe per il primo ministro. 

Almeno per quanto riguarda la verità.

Presto sapremo che Trudeau conosceva molto bene i fatti del Freedom Convoy, ma scelse di ignorarli e di distorcere la realtà ai propri fini politici. 

Le prove vanno tutte in questa direzione.

Il trio di Trudeau, il sindaco di Ottawa Jim Watson e persino il premier conservatore dell’Ontario Doug Ford, hanno dipinto il Freedom Convoy come un gruppo di incendiari razzisti, misogini, terroristi domestici che hanno ballato sulla Tomba del Milite Ignoto.

Una dopo l’altra tutte queste bugie sono crollate rovinosamente quando la polizia e altre autorità hanno ammesso tranquillamente che i manifestanti del convoglio di Ottawa non avevano pistole, non avevano profanato monumenti e non avevano dato fuoco agli edifici.  

Ora sappiamo che il Canadian Security Intelligence Service (CSIS) non vedeva i manifestanti come nazisti o estremisti di estrema destra, ma come cittadini che si opponevano agli obblighi vaccinali. 

“Un piccolo numero di bandiere rifletteva visioni del mondo razziste e bigotte. La presenza di queste bandiere, tuttavia, non è un’esclusiva di questo evento e viene spesso vista in occasione di eventi anti-lockdown in tutto il paese”, ha scritto il CSIS in un promemoria segreto intitolato  Freedom Convoy 2022: The Imagery and Significance of Flags .  

Il report suggerisce che gli agenti del CSIS hanno esaminato l’attività sui social media dei manifestanti del convoglio per determinare se sposassero politiche estremiste.

Inoltre non descrive specificamente alcun manifestante che porta una bandiera nazista in buona fede , ma afferma che alcuni manifestanti “hanno aggiunto una svastica alla loro bandiera, non necessariamente per identificarsi come nazisti ma per implicare che il primo ministro e il governo federale si stanno comportando come nazisti imponendo obblighi per la salute pubblica”. 

“Il convoglio fa parte di un più ampio movimento per le restrizioni”, afferma la nota del 2 febbraio. “Come con qualsiasi movimento, solo un piccolo elemento marginale sostiene l’uso della violenza o potrebbe essere disposto a impegnarsi in essa”. 


I nostri articoli:


“Il servizio non è a conoscenza della presenza di gruppi estremisti ideologicamente motivati ​​alle proteste di questo fine settimana”, afferma il memorandum. “La libertà di espressione è costituzionalmente protetta in Canada”. 

Ricorda che queste parole provengono dall’agenzia di intelligence di Trudeau, non dagli apologeti del Freedom Convoy. Ma è piacevole vedere che alcuni agenti non stanno adattando i loro rapporti ai voleri del governo Trudeau. 

Se Trudeau ha letto la nota e l’ha ignorata, è colpevole di aver deliberatamente ignorato la propria intelligence e di anteporre i suoi obiettivi politici ai fatti. Se non ha consultato la propria agenzia di intelligence o non ha letto la nota, è colpevole di incompetenza e grave negligenza. Forse era troppo impegnato a fare una serenata ai suoi fan in un piano bar che gli permetteva di cantare senza mascherina. 

Durante la protesta del Freedom Convoy, Trudeau sembrava ossessionato dall’idea di diffamare i manifestanti come nazisti intenti a rovesciare violentemente il governo. Ha persino accusato una parlamentare ebrea, Melissa Lantsman (CPC-Thornhill), di stare “con persone che sventolano svastiche”.  

L’inchiesta sull’invocazione dell’Emergencies Act dovrebbe inizia il 13 ottobre. Molte figure di spicco del Freedom Convoy e del governo federale saranno chiamate a testimoniare, tra cui Trudeau.  

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleIL MINI CERVELLO UMANO CREATO IN LABORATORIO IMPARA A GIOCARE A PONG
Next articleAscesa dell’ordine mondiale multipolare
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.