Quantcast
Database Italia

COPS FOR COVID TRUTH : UN APPELLO ALLE FORZE DI POLIZIA DI TUTTO IL MONDO !

Riceviamo in questi giorni, da una cara amica Australiana, un documento molto importante, una lettera di un funzionario della Polizia del South Wales in Australia al Governo e ai suoi colleghi.

Un’analisi precisa di questa emergenza sociale e contro la dittatura sanitaria, in cui si parla di dati reali e statistiche inattaccabili, dell’inutilità del test PCR e dei vari Lockdown come strategia di prevenzione, della pericolosità del futuro vaccino Covid e un appello a tutte le forze di Polizia per non sottostare più a questa Dittatura Globale. Buona lettura:

26 Ottobre 2020 To: Michael Fuller Police Commissioner of New South Wales

Lettera aperta riguardante l’applicazione da parte della polizia delle restrizioni COVID-19 in corso.
Scriviamo per sollevare le nostre preoccupazioni sull’uso della polizia per far rispettare le restrizioni in corso imposte ai nostri cittadini in relazione al COVID-19, che ha seriamente eroso la fiducia della comunità nella nostra grande forza di polizia.
Da quando il procuratore generale ha dichiarato lo stato di emergenza per il nuovo coronavirus, i nostri governi hanno agito in base a determinati poteri per imporre restrizioni ai suoi cittadini, usando la polizia per far rispettare le loro regole.

A causa della nuova natura del virus SARS-CoV-2, la maggior parte delle persone sanno che le restrizioni dovrebbero essere seguite, finché non si saprà di più sul virus. Con l’adeguamento iniziale dell’Imperial College nel Regno Unito e dell’Istituto Peter Doherty qui in Australia, che hanno indicato un numero catastrofico di casi che avrebbero gravato sul nostro sistema ospedaliero e avrebbero causato fino a 150.000 morti australiane, è facile capire perché i nostri governi hanno risposto come hanno fatto e perché la maggioranza della popolazione si è conformata.
Con queste spaventose proiezioni è diventato evidente che dovevamo trovare un modo per far diagnosticare rapidamente la malattia. Eppure il Center for Disease Control negli Stati Uniti lo afferma “Al momento non sono disponibili campioni isolati di virus quantificati del 2019-nCoV”.
Quindi anche senza che il virus fosse isolato, il test RT PCR è stato scelto per diventare lo standard per il test. Notiamo che sono stati riscontrati gravi errori di calcolo di questo modello, tali che gli esperti che in seguito lo hanno esaminato hanno detto che “nessuno scienziato serio lo darebbe come valido”. E ora il test RT PCR si è dimostrato inaffidabile nella migliore delle ipotesi, con l’inventore che afferma che non dovrebbe “mai essere usato per diagnosticare malattie infettive”, perché non può dire se ciò che ha rilevato è vivo o morto. Questo test è ancora considerato come critico e importante per le decisioni nell’interesse della salute e della sicurezza pubblica.
Allo stesso modo in cui non possiamo utilizzare un dispositivo di rilevamento della velocità impreciso per sorvegliare la velocità delle auto dei civili, lo stesso principio deve essere richiesto per un test RT PCR che è difettoso e come tale, la polizia non dovrebbe in alcun modo imporre di testare il covid-19 o fare affidamento su questi risultati.

Ora che abbiamo quasi 12 mesi di dati statistici su cui fare affidamento, basati su un modello computerizzato difettoso, queste statistiche mostrano una realtà che è lontana da queste proiezioni standardizzate, su cui si è basato il Gabinetto nazionale nella sua risposta. Ad esempio, ora sappiamo che circa il 45% delle persone che contraggono il virus hanno una trasmissione asintomatica che è compresa tra 0-2,2% . Sappiamo anche che l’80% delle persone che contraggono il virus avrà solo sintomi lievi e che solo gli anziani e gli immunocompromessi sono a rischio di grave sintomi che potrebbero provocare la morte.
Al momento della scrittura di questa lettera, il tasso di sopravvivenza a livello mondiale per covid-19 è del 97,3%. L’influenza ordinaria è del 99,9%. Inoltre, le statistiche mostrano chiaramente che sebbene i casi confermati possano essere in aumento, la percentuale di morti sta precipitando.

Svezia e Taiwan non hanno imposto il blocco ai propri cittadini come ha fatto gran parte del mondo. Sebbene la Svezia non sia riuscita a prendere precauzioni migliori per proteggere gli anziani all’inizio fasi, il loro tasso di mortalità è comparabile e quello di Taiwan. Le statistiche mostrano che c’è un alto tasso di infezione in tutto il mondo, ma bassissimi decessi; indipendentemente dal fatto che ci siano stati lockdown forzati o meno.
Quindi dall’analisi di ciò, possiamo capire che questi due modi nettamente diversi hanno avuto più o meno lo stesso risultato.

Notiamo dal recente bilancio federale, un enorme debito e disoccupazione, e che i lockdown hanno creato una serie di problemi che ora sembrano superare la minaccia posta dal virus. Nel nostro lavoro, sappiamo che i problemi socioeconomici si trasformeranno in una minaccia di gran lunga più grande, mentre le persone lottano per affrontare il danno collaterale che ciò sta causando. Ci è stato detto che il consiglio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è una parte fondamentale per la risposta del gabinetto nazionale, ma il dottor David Nabarro dell’OMS ha recentemente affermato: “Noi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità non sosteniamo i lockdown come mezzo principale di controllo di questo virus ” .
Quindi, nonostante i fatti, così come stanno adesso, sembrerebbe che il governo nazionale abbia agito in ritardo nella sua capacità di adattarsi alla realtà della situazione e questo stia causando il venir meno al loro dovere di rispondere in proporzione al rischio. Il rischio che emerge in modo schiacciante è per gli anziani e gli immunocompromessi.

Ciò che è ancora più preoccupante è il divieto di prescrivere idrossiclorochina per COVID-19, quando i 121 studi scientifici hanno dimostrato che il farmaco è efficace nel trattamento e nella prevenzione della malattia. Invece, il governo federale ha concluso un accordo sui vaccini con AstraZeneca e gli australiani hanno detto che non possono aspettare di tornare alla normalità fino all’arrivo di un vaccino.
AstraZeneca è stata dichiarata colpevole di reati relativi a registrazioni di farmaci non approvati e della promozione di prodotti medici, di presentazione di false dichiarazioni, tangenti e corruzione, violazione della protezione dei consumatori, reati sanitari, violazioni dei contratti governativi e altro ancora.
Dal 2000 sono stati multati per oltre 1,1 miliardi di dollari per questi reati e violazioni. Tuttavia, hanno ottenuto protezione da future richieste di risarcimento per responsabilità del prodotto relativo al vaccino COVID-19. In modo allarmante, il primo ministro Scott Morrison ha dichiarato che faranno il vaccino ” obbligatorio in quanto puoi eventualmente farlo “, nonostante la fedina penale del suo produttore, la loro esenzione da pretese di responsabilità, il fatto che abbiamo già almeno due farmaci approvati estremamente sicuri in Ivermectina e idrossiclorochina; avendo dimostrato di essere trattamenti efficaci e la realtà che il virus non rappresenta una seria minaccia per la salute. Sembra che queste decisioni siano per interessi aziendali, e non per la salute pubblica e per il suo benessere, come affermato.

Tutto ciò indica che le restrizioni in corso sulla popolazione sana sono una risposta sproporzionata, ma ci si aspetta che la polizia continui a far rispettare le misure rischiando di essere costretti a vaccinarsi, con un vaccino che non ha avuto studi di sicurezza a lungo termine e quindi di forzare la popolazione a farlo. L’evidenza suggerisce che sarebbe meglio indirizzare le risorse per la protezione dei soggetti più vulnerabili.
Siamo preoccupati per la legittimità delle azioni che dobbiamo intraprendere contro i cittadini dell’Australia.
Stati e territori non possono elevarsi al di sopra della Costituzione del Commonwealth così come i trattati internazionali di cui siamo firmatari, eppure questo sta accadendo. Nello stato di emergenza, i requisiti di emergenza non possono richiedere che un individuo sia isolato, detenuto, testato, vaccinato, curato clinicamente o fisicamente per un ordine di controllo sulla biosicurezza emesso, contro un individuo. Queste misure sono indicate come misure di biosicurezza e sono raccolte nella Sottodivisione B, della divisione 3 della parte 3 del capitolo 2 del Biosecurity Act 2015 (I poteri di emergenza e di sanità pubblica, negli Stati e nei Territori, non prevedono carta bianca per violare i diritti umani di un individuo isolandolo o trattenendolo o per testarli prima senza le notifiche e le valutazioni del rischio necessarie). L’articolo 7 della convenzione internazionale dei diritti civili e politici afferma che “nessuno deve essere sottoposto a tortura o a trattamenti o punizioni crudeli inumani o degradanti. In particolare, nessuno potrà essere sottoposto senza il suo libero consenso a cure mediche o scientifiche sperimentali.” L’Articolo 27 della Convenzione di Vienna sul diritto del trattato “Una parte non può invocare l’applicazione della sua legge interna come giustificazione per la mancata esecuzione di un trattato. ” La sezione 109 della costituzione del Commonwealth d’Australia afferma che “quando una legge di uno stato è incompatibile con una legge del Commonwealth, quest’ultima prevarrà sulla prima, nella misura in cui l’incoerenza è dimostrata. ” Con le violazioni della legislazione federale e internazionale, si supporrà che siamo complici e consensuali nel loro impegno nei confronti del popolo australiano, potenzialmente rendendoci penalmente responsabili ai sensi del Crimes Act 1914, così come il Criminal Code Act 1995.

Molti membri della forze dell’ordine sono stufi dell’approccio per far rispettare le regole oppressive poste sulla popolazione in nome di COVID-19 e l’obbligatorietà incombente delle vaccinazioni. Sentiamo una vera chiamata a fare la nostra parte per fermare questa oppressione, quindi scriviamo per sollevare le seguenti questioni:

  1. I dipendenti delle forze di polizia hanno la “scelta” di ricevere o meno i vaccini;
  2. La polizia crede che anche tutti i membri della comunità abbiano diritto alla scelta se ricevere vaccini;
  3. La polizia non partecipa in alcun modo all’obbligo dei vaccini sulla popolazione;
  4. Che l’Associazione di Polizia inizi a prepararsi a difendere i dipendenti di Polizia per la libertà di scelta sulle vaccinazioni.
  5. Per lanciare l’allarme che è in atto una dittatura globale e la Polizia viene utilizzata come strumento per promuovere questi programmi globali e aziendali sulla popolazione; e
  6. Avvisare le Forze dell’Ordine di non acconsentire a queste richieste, regole e leggi e agire nel migliore interesse della sua popolazione, non per la tirannia del governo.
    Recentemente sono state scritte lettere ai nostri dirigenti dall’Associazione degli avvocati, inclusa quella dei Giudici, L’Australian Institute for Progress firmato da 30 persone, dall’Associazione degli Intellettuali di cui 15 professori di discipline pertinenti, uno dei quali è consulente di economia della salute e del benessere presso il governo del Regno Unito, lettera aperta di “Advocate Me” a tutti i leader che cercano di rivedere la risposta sproporzionata a SAR-CoV-2, così come centinaia di medici della confraternita medica. Nonostante il governo stia continuamente ripetendo a pappagallo che stanno seguendo i consigli degli “esperti”, tutte queste richieste sono state ignorate e la polizia usata come esecutori di queste regole insensate.
    Chiediamo di considerare le informazioni fornite nel presente documento e la dichiarazione dei valori delle forze di polizia del NSW: Ciascun membro delle forze di polizia deve agire in modo tale da: ▪ porre l’integrità al primo posto; ▪ sostenere lo stato di diritto; ▪ Preservare i diritti e le libertà degli individui; ▪ Cercare di migliorare la qualità della vita attraverso il coinvolgimento della comunità nelle attività di polizia; ▪ Di adoperarsi per la soddisfazione personale dei cittadini e della polizia; ▪ Capitalizzare la ricchezza delle risorse umane; ▪ Fare un uso efficiente ed economico delle risorse pubbliche; e ▪ Assicurare che l’autorità sia esercitata in modo responsabile.

    Molti di noi credono che stiamo rimuovendo i nostri diritti e le nostre libertà applicando queste regole sulla comunità, compresi i nostri familiari e amici. E la comunità è confusa dall’intensificarsi dell’ingerenza della polizia intorno alle proteste pacifiche per la libertà e per l’ incoerenza rispetto alle proteste di Black Lives Matter. Questa contraddizione sta distruggendo ulteriormente la fiducia del pubblico. Stiamo contattando tutti i nostri colleghi agenti di polizia in tutto il paese per scrivere un messaggio ai rispettivi commissari di polizia, o firmare il nostro modulo a link https://advocateme.wixsite.com/copsforcovidtruth per mostrare il sostegno a questa petizione, che abbiamo chiamato “Cops for Covid Truth”.
    Con la fiducia nelle nostre forze di polizia ora gravemente erosa, vi chiediamo di riflettere ora sfidando la necessità delle restrizioni in corso per ripristinare la fiducia della comunità, essendo parte integrante del ritorno alla normalità del nostro Stato e del nostro Paese.

    Saluti Alexander Cooney Senior Constable Coffs / Clarence Highway Patrol NSW Police Force Grafton Police Station 5 Duke Street Grafton NSW 2460 E altri firmatari

    Avremmo bisogno anche noi di Poliziotti coraggiosi e preparati, pronti a denunciare i fatti come veramente stanno. Avremmo bisogno anche noi di una Polizia non più nemica del popolo perché troppo asservita ad una dittatura Sanitaria che sta devastando le nostre vite. Avremmo bisogno di una Polizia preparata e coraggiosa, pronta a dire NO anziché fare cariche ingiustificate, dare manganellate a ragazzi e ragazze anche giovani, pronti a lanciare fumogeni o a puntare la pistola ad altezza uomo contro persone inermi che decidono di scendere in piazza per difendere i propri diritti e ribellarsi a provvedimenti criminali emanati da Governi corrotti. Avremmo bisogno di tutto questo e forse un giorno questo appello si diffonderà anche nel nostro Bel Paese.

questo è il link della lettera



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments