CoronavirusEditorialiPolitica

Coronavirus. Il capitalismo globale schiaccia gli Stati Nazione

La crisi ridefinisce la struttura del panorama economico globale.L’intento non espresso del capitalismo globale è la distruzione dello stato nazionale e delle sue istituzioni che portano alla povertà globale su una scala senza precedenti.

Nei consigli di governo, dobbiamo proteggerci dall’acquisizione di influenza ingiustificata, ricercata o meno, da parte del complesso militare-industriale.Il potenziale per il disastroso aumento del potere mal posto esiste e persisterà. (Presidente Dwight D. Eisenhower, 17 gennaio 1961)

Il mondo viene ingannato sulle cause e sulle conseguenze della crisi da Coronavirus

La crisi COVID-19 è caratterizzata da una “emergenza” della salute pubblica guidata dai consigli e dalle linee guida dell’OMS che viene utilizzata come pretesto e giustificazione per innescare un processo mondiale di ristrutturazione economica, sociale e politica.

Il social engineering viene applicato. I governi sono spinti ad estendere il blocco, nonostante le sue devastanti conseguenze economiche e sociali.

Ciò che sta accadendo non ha precedenti nella storia del mondo.

Scienziati di spicco sostengono il blocco senza battere ciglio, come “soluzione” a un’emergenza sanitaria globale.

E’ ben documentato, le stime sui malati di COVID-19, inclusa la mortalità, sono ampiamente manipolate.

Eppure le persone obbediscono ai loro governi. Perché? Perché hanno paura?

Cause Vs. soluzioni?

La chiusura delle economie nazionali applicate in tutto il mondo comporterà inevitabilmente povertà, disoccupazione di massa e un aumento della mortalità. È un vero e proprio atto di guerra economica.

Fase uno: guerra commerciale contro la Cina

Il 30 gennaio 2020 il Direttore Generale dell’OMS ha stabilito che l’epidemia di coronavirus costituisce un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (PHEIC). La decisione è stata presa sulla base di 150 casi confermati al di fuori della Cina, primi casi di trasmissione da persona a persona: 6 casi negli Stati Uniti, 3 casi in Canada, 2 nel Regno Unito.

Il Direttore Generale dell’OMS aveva il sostegno della Fondazione Bill e Melinda Gates, Big Pharma e World Economic Forum (WEF). La decisione dell’OMS di dichiarare un’emergenza globale è stata presa a margine del World Economic Forum (WEF) a Davos, in Svizzera (21-24 gennaio).

Il giorno dopo (31 gennaio) il lancio dell’emergenza globale dell’OMS, l’amministrazione Trump ha annunciato che avrebbe negato l’ingresso a cittadini stranieri “che hanno viaggiato in Cina negli ultimi 14 giorni”. Ciò ha innescato immediatamente una crisi nel trasporto aereo, nel commercio tra Cina e Stati Uniti e nel settore del turismo. L’Italia ha seguito l’esempio, cancellando tutti i voli per la Cina il 31 gennaio.

La prima fase è stata accompagnata dall’interruzione delle relazioni commerciali con la Cina e da una parziale chiusura del settore manifatturiero delle esportazioni.

Fu immediatamente lanciata una campagna contro la Cina i cittadini di etnia cinese. The Economist riporta che:

“Il coronavirus diffonde il razzismo contro etnie cinesi”

“La comunità cinese britannica affronta il razzismo per lo scoppio del coronavirus”

Secondo lo SCMP:

“Le comunità cinesi all’estero stanno affrontando sempre più l’abuso e la discriminazione razziste nel corso dell’epidemia di coronavirus. Alcuni cittadini di etnia cinese che vivono nel Regno Unito affermano di aver vissuto una crescente ostilità a causa del virus mortale che ha avuto origine in Cina “.

E questo fenomeno si sta verificando in tutti gli Stati Uniti

Seconda fase: Il crash finanziario guidato dalla paura e dalla manipolazione del mercato azionari

Nel corso del mese di febbraio si è verificata una crisi finanziaria globale, culminata in un drammatico crollo delle borse e in un forte declino del valore del greggio.

Questo crollo è stato manipolato. Era oggetto di insider trading e prescienza. La campagna sulla paura ha svolto un ruolo chiave nell’attuazione del crollo del mercato azionario. A febbraio, circa 6 trilioni di dollari sono stati spazzati via dal valore dei mercati azionari di tutto il mondo. Si sono verificate enormi perdite di risparmi personali (ad esempio per il ceto medio americano ) per non parlare dei fallimenti personali e di quelli aziendali. È stata una manna per gli speculatori istituzionali, compresi gli hedge fund aziendali. Il tracollo finanziario ha portato notevoli trasferimenti di ricchezza monetaria nelle tasche di una manciata di istituti finanziari.

Terza fase: blocco, confinamento, chiusura dell’economia globale

Il crollo finanziario di febbraio è stato immediatamente seguito dal blocco all’inizio di marzo. Il blocco e il confinamento supportati dall’ingegneria sociale sono stati fondamentali nella ristrutturazione dell’economia globale. Applicato quasi contemporaneamente in un gran numero di paesi, ha innescato la chiusura dell’economia nazionale, unita alla destabilizzazione di attività commerciali, di trasporto e di investimento.

La pandemia costituisce un atto di guerra economica contro l’umanità che ha provocato povertà globale e disoccupazione di massa.

I politici mentono. Né il blocco né la chiusura delle economie nazionali costituiscono una soluzione alla crisi della salute pubblica.

Chi controlla i politici?

Perché i politici mentono?

Sono gli strumenti politici dell’establishment finanziario, inclusi i “filantropi ultra ricchi”. Il loro compito è realizzare il progetto di ristrutturazione economica globale che consiste nel congelare l’attività economica in tutto il mondo.

Nel caso dei democratici negli Stati Uniti, sono in gran parte preoccupati di opporsi alla riapertura dell’economia americana come parte della campagna elettorale del 2020. Questa opposizione alla riapertura delle economie nazionali e globali è sostenuta da “Big Money”.

È opportunismo o stupidità. In tutte le principali regioni del mondo, i politici sono stati incaricati da potenti interessi finanziari di mantenere il blocco e impedire la riapertura dell’economia nazionale.

La campagna della paura prevale. Il rafforzamento sociale viene applicato. L’economia è chiusa. Sono state imposte misure totalitarie.

In alcuni paesi, i pazienti possono lasciare l’ospedale accettando di indossare un braccialetto elettronico. Questo è solo un esempio di tutte le misure totalitarie pianificate o addirittura già decise dai nostri governi a favore della crisi del coronavirus. Questo colpisce una buona parte del mondo, se non il mondo intero.

Gli “istinti pastorali” dei politici

Sono governi corrotti che agiscono come “cani poliziotto” con “istinti di pastore” che inseguono le loro pecore.

“Il branco” è troppo spaventato per inseguire il “governo”?

L’analogia può essere semplicistica ma comunque considerata rilevante dagli psicologi.

“Alcune razze di cani [politici corrotti] hanno istinti di pastorizia che possono essere messi in luce con il giusto addestramento e incoraggiamento [tangenti]. …. insegna al tuo cane [procura politica] l’obbedienza di base e vedi se mostra di seguire del branco. … Cerca sempre un addestratore che usi metodi di addestramento basati sulla ricompensa [bustarelle, guadagno personale, supporto politico, adesione alla carica superiore] “(Come insegnare al tuo cane ad obbedirti )

Ma c’è un’altra dimensione. I politici in carica che hanno il compito di “convincere il loro gregge” in realtà credono alle menzogne ​​che vengono imposte loro dalle autorità superiori.

La bugia diventa la verità. I politici approvano il contenimento, impongono l ‘”ingegneria sociale”, credono nelle proprie bugie.

Non è un’epidemia, è un’operazione

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ammette tacitamente in una dichiarazione alquanto contraddittoria che il COVID-19 è un “Esercizio dal vivo”, un “Operazione”:

“Non si tratta di punizione, … La questione sta andando avanti – stiamo facendo un esercitazione dal vivo in modo da farla come si deve.”

Al che il presidente Trump ha ribattuto “avresti dovuto dircelo”.

Quelle parole passeranno alla storia.

Geopolitica

Non illudiamoci, questa è un’operazione attentamente pianificata. Non c’è nulla di spontaneo o accidentale. La recessione economica è progettata a livello nazionale e globale. A sua volta, questa crisi è anche integrata nella pianificazione militare e dell’intelligence USA-NATO. Intende non solo indebolire la Cina, la Russia e l’Iran, ma consiste anche nel destabilizzare il tessuto economico dell’Unione europea (UE).

“Governance globale”

Si sta aprendo una nuova fase nell’evoluzione del capitalismo globale. Un sistema di “governance globale” controllato da potenti interessi finanziari, tra cui fondazioni aziendali e gruppi di riflessione di Washington, sovrintende al processo decisionale a livello sia nazionale sia globale. I governi nazionali diventano subordinati alla “governance globale”. Il concetto di governo mondiale è stato sollevato dal compianto David Rockefeller al Bilderberger Meeting, Baden Germania, giugno 1991: 

David Rockefeller


“Alcuni addirittura credono che facciamo parte di una cabala segreta che lavora contro i migliori interessi degli Stati Uniti, caratterizzando la mia famiglia e me come” internazionalisti “e di cospirare con altri in tutto il mondo per costruire una struttura politica ed economica globale più integrata, una mondo se vuoi. Se questo è l’accusa, sono colpevole e ne sono orgoglioso. ”

Le persone non mettono in discussione il consenso, un consenso che rasenta l’assurdo.

Capitalismo globale e “The Economic Landscape”

La crisi ridefinisce la struttura del panorama economico globale. Destabilizza le piccole e medie imprese di tutto il mondo, fa precipitare interi settori dell’economia globale, compresi i viaggi aerei, il turismo, il commercio al dettaglio, l’industria manifatturiera, fino al fallimento. Il blocco crea carestia nei paesi in via di sviluppo. Ha implicazioni geopolitiche.

Il Pentagono e l’intelligence americana sono coinvolti. La crisi del Coronavirus colpisce l’andamento delle guerre guidate dagli Stati Uniti e la NATO in Medio Oriente, tra cui Siria, Iraq, Afghanistan e Yemen. Viene anche utilizzato per colpire paesi specifici tra cui l’Iran e il Venezuela.

Questa crisi ingegneristica non ha precedenti nella storia del mondo. È un atto di guerra.

Il blocco avvia un processo di disimpegno delle risorse umane e materiali dal processo produttivo. L’economia reale è bloccata. La riduzione dell’attività economica mina la “riproduzione della vita reale“. Ciò non riguarda solo la produzione effettiva delle “necessità della vita” (cibo, salute, istruzione, alloggio), ma riguarda anche la “riproduzione” di relazioni sociali, istituzioni politiche, cultura, identità nazionale. Al momento della stesura, il blocco non sta solo innescando una crisi economica, ma sta anche minando e distruggendo il tessuto stesso della società civile per non parlare della natura del governo e delle istituzioni dello stato (paralizzato dai debiti crescenti), che preferisce essere privatizzato sotto la supervisione dei creditori di Big Money.

Ci sono conflitti all’interno del sistema capitalista che raramente vengono affrontati dai media mainstream. Miliardari, potenti istituti bancari e finanziari (che sono creditori di governi e società) stanno conducendo una guerra non dichiarata contro l’economia reale. Mentre gli istituti finanziari e bancari di Big Money sono “creditori”, le entità aziendali dell’economia reale che vengono destabilizzate e portate al fallimento sono “debitori”.

Bancarotta

Questo processo diabolico non si limita a spazzare via le piccole e medie imprese. Big Money è anche il creditore di grandi società (tra cui compagnie aeree, catene alberghiere, laboratori di alta tecnologia, rivenditori, società di import-export, ecc.) Che sono ora sull’orlo della bancarotta.

L’establishment finanziario globale non è monolitico. È caratterizzato da divisioni e rivalità. La fazione dominante di Big Money cerca di destabilizzare i suoi concorrenti dall’interno. I risultati sarebbero una serie di fallimenti di istituti bancari regionali e nazionali, nonché un processo di consolidamento finanziario globale.

Negli Stati Uniti, numerosi rivenditori, compagnie aeree, catene di ristoranti e alberghi hanno presentato istanza di fallimento. Ma questo è solo l’inizio. La grande ondata di fallimenti si verificherà a seguito del blocco (“La nuova normalità”). E al momento in cui scrivo, l’establishment finanziario sta incessantemente spingendo i governi nazionali (corrotti) a rinviare la revoca del blocco. E i governi ci stanno dicendo che si tratta di “proteggere le persone dal virus”.

La provincia canadese dell’Alberta, ampiamente dipendente dalle entrate petrolifere, è in bancarotta.

“I paesi che rappresentano oltre il 50% del PIL globale del mondo sono chiusi per le imprese. Gli economisti in cerca di confronti storici menzionano il crollo del 1929, la crisi economica del 1974 o la recessione del 2008. Ma ammettono che tutti questi sono inferiori al pedaggio che questa pandemia potrebbe avere. ” (Wired News UK, 29 aprile 2020)

In Gran Bretagna, recenti rapporti affermano “non sappiamo quanti siano falliti “.

Una parte del panorama imprenditoriale britannico potrebbe essere già stata definitivamente cancellata, poiché circa 21.000 altre aziende del Regno Unito sono crollate nel solo marzo rispetto allo stesso mese di un anno fa, secondo i dati raccolti dall‘Enterprise Research Center, un gruppo di ricercatori universitari.

Ciò che questi rapporti non menzionano sono le cause non dette: una campagna per la paura da parte dei creditori, istruzioni di governi corrotti per chiudere l’economia, presumibilmente per “salvare vite umane”, che è una grande menzogna. Le vite non vengono salvate e lo sanno.

La crisi del coronavirus “ha bloccato gli affari degli Stati Uniti”. Le economie nazionali sono destabilizzate. L’obiettivo di Big Money è quello di indebolire i loro concorrenti, “raccogliere i pezzi” ed eventualmente acquistare o eliminare le società fallite. E ce ne sono molti tra cui scegliere.

Capitalismo finanziario globale

Gli interessi di Big Money (interessi finanziari globali) si sovrappongono a quelli di Big Pharma, Big Oil, i contraenti della Difesa, ecc. I principali istituti bancari negli Stati Uniti tra cui JP Morgan Chase, Bank of America, Citigroup, Wells Fargo, State Street Co. e Goldman Sachs, stanno investendo nell’economia di guerra, incluso lo sviluppo di armi nucleari nell’ambito del programma di armi nucleari da 1,2 trilioni di dollari di Trump (istituito per la prima volta sotto Obama).

L’obiettivo finale di “Big Money” è trasformare gli stati nazionali (con le proprie istituzioni e un’economia nazionale) in “territori economici aperti”. Questo è stato il destino di Iraq e Afghanistan. Ma ora possono farlo senza inviare truppe, semplicemente ordinando governi delegati asserviti integrati da politici corrotti per chiudere la loro economia per motivi umanitari, la cosiddetta “Responsabilità di proteggere” (R2P) senza la necessità di un intervento militare.

Impossibile stimare o valutare. Sicuramente più della metà dell’economia globale è sconvolta o ferma.

Cerchiamo di essere chiari. Questa è un’agenda imperialista. Cosa vogliono le élite finanziarie globali? Privatizzare lo Stato? Possedere e privatizzare l’intero pianeta?

La tendenza è verso la centralizzazione e la concentrazione del potere economico. I governi nazionali fortemente indebitati sono strumenti di Big Money. Sono delegati. Gli appuntamenti politici chiave sono controllati da gruppi di pressione che rappresentano Wall Street, il complesso industriale militare, Big Pharma, Big Oil, Corporate Media e Digital Communications Giants, ecc.

Big Money in Europa e in America (attraverso i gruppi della lobby di Washington) cercano di controllare i governi nazionali.

In che direzione stiamo andando? Qual è il futuro dell’umanità? L’attuale crisi del Coronavirus è un sofisticato progetto imperiale, che consiste nella dominazione mondiale da una manciata di conglomerati da svariati miliardi di dollari. Questa è la terza guerra mondiale? Il capitalismo globale sta distruggendo il capitalismo nazionale.

L’intento non espresso del capitalismo globale è la distruzione dello stato nazionale e delle sue istituzioni che portano alla povertà globale su una scala senza precedenti.

La successiva citazione di Lenin, datata dicembre 1915, nel pieno della prima guerra mondiale, indicava in anticipo alcune delle contraddizioni che stiamo affrontando. D’altra parte, dovremmo capire che non esistono soluzioni facili e che questa crisi ha lo scopo di rafforzare l’imperialismo e la stretta del capitalismo globale:

“Non vi è dubbio che lo sviluppo stia andando nella direzione di un singolo trust mondiale che inghiottirà tutte le imprese e tutti gli stati senza eccezioni. Ma lo sviluppo in questa direzione sta procedendo sotto tale stress, con un tale ritmo, con tali contraddizioni, conflitti e convulsioni non solo economici, ma politici nazionali, ecc. Ecc. Che prima che venga raggiunta una fiducia nel mondo unico, prima della rispettiva situazione finanziaria le capitali nazionali avranno formato una “Unione mondiale” di ultra imperialismo, l’imperialismo esploderà e il capitalismo si trasformerà nel suo opposto.

(V. I. Lenin, Introduzione all’imperialismo e all’economia mondiale di N, Bukharin, Martin Lawrence, Londra, stampato negli Stati Uniti, edizione russa, novembre 1917)

Come invertire la marea. La prima priorità è l’abrogazione della menzogna.

A questo proposito, è un peccato che molte persone “progressiste” (compresi eminenti intellettuali di sinistra), nonostante le menzogne, sostengano il blocco e la chiusura dell’economia come soluzione all’emergenza della sanità pubblica. Questa è la posizione del Partito Democratico negli Stati Uniti, che va contro il buon senso.

La verità è un’arma potente per abrogare le bugie dei media aziendali e dei governi.

Quando la menzogna diventa la verità non si può tornare indietro.

Senza la campagna della paura e la propaganda dei media, le azioni intraprese dai nostri governi non avrebbero una gamba su cui restare in piedi.

Il “Distanziamento sociale” non impedisce alle élite finanziarie di fornire istruzioni ai politici corrotti.

D’altra parte, il “distanziamento sociale” combinato con il confinamento viene utilizzato come mezzo di subordinazione sociale. Impedisce alle persone di incontrarsi e di protestare contro il cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale.

Organizzazione, verità e solidarietà sono essenziali per invertire la tendenza. Il primo passo di un movimento mondiale è la “contro-propaganda”.

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!