Database Italia

Coronavirus: il governo inglese rifiuta la richiesta degli scienziati di porre fine alle restrizioni

La Dichiarazione di Great Barrington ha ottenuto il sostegno di oltre 7.000 scienziati e medici in tutto il mondo.

Downing Street ha respinto l’appello del gruppo di scienziati Great Barrington per la fine delle misure di blocco, sostenendo che la loro argomentazione si basa sul “presupposto non dimostrato” che sarebbe possibile proteggere i più vulnerabili.

La controversa Dichiarazione di Great Barrington, firmata da più di 7.000 scienziati e medici in tutto il mondo, richiede una nuova strategia per consentire ai giovani di vivere la loro vita normalmente offrendo una “protezione mirata” agli anziani e alle persone con condizioni mediche sottostanti che sono maggiormente a rischio di coronavirus .

Ha ottenuto il sostegno di scienziati britannici, tra cui il professor Karol Sikora, e il backbencher dei Tory Steve Baker ha esortato i parlamentari a offrire il loro sostegno, in una sfida diretta alla strategia del governo.

Ma il portavoce ufficiale di Boris Johnson oggi ha chiarito che il primo ministro non accetta gli argomenti fondamentali alla base della richiesta.

“Abbiamo considerato l’intera gamma di opinioni scientifiche durante il corso di questa pandemia e continueremo a farlo”, ha detto il portavoce.

“Ma quello che vorrei anche dire è che non è possibile fare affidamento su un’ipotesi non dimostrata che sia possibile per le persone a minor rischio, qualora dovessero contrarre il virus, evitare di trasmetterlo successivamente a coloro che sono a rischio più elevato e rischierebbe di finire in ospedale o, peggio, in un’unità di terapia intensiva “.

La Dichiarazione avverte di “gravi preoccupazioni per gli impatti dannosi sulla salute fisica e mentale” causati dalle restrizioni imposte dai governi di tutto il mondo nel tentativo di portare il Covid-19 sotto controllo.

Avverte che le politiche di blocco stanno producendo effetti “devastanti” sulla salute pubblica a breve e lungo termine, attraverso tassi di vaccinazione infantili più bassi, peggioramento degli esiti delle malattie cardiovascolari, meno screening per il cancro e deterioramento della salute mentale. E descrive come tenere gli studenti fuori dalla scuola sia “una grave ingiustizia”.

La dichiarazione afferma che mantenere le misure di blocco in atto fino a quando un vaccino non sarà disponibile “causerà danni irreparabili, con effetti collaterali sproporzionati” e chiede che scuole, negozi, luoghi di ospitalità, intrattenimento e sport si aprano liberamente per consentire lo sviluppo di una “immunità di gregge”.

Purtroppo però, tali argomenti non sono supportati dalle autorità mediche tradizionali come l’Organizzazione mondiale della sanità e le sue conclusioni sono state contestate da molti scienziati.

Il dott. Rupert Beale, del Laboratorio di biologia cellulare delle infezioni del Francis Crick Institute, ha affermato che “non è stato un contributo utile al dibattito”.

“Questa dichiarazione dà la priorità solo a un aspetto di una strategia sensata – proteggere i vulnerabili – e suggerisce che possiamo costruire in sicurezza” l’immunità di gregge “nel resto della popolazione”, ha detto il dott. Beale.  

“Questo è un pio desiderio. Non è possibile identificare completamente gli individui vulnerabili e non è possibile isolarli completamente.  

“Inoltre, sappiamo che l’immunità ai coronavirus diminuisce nel tempo ed è possibile la reinfezione, quindi è molto improbabile che si possa ottenere una protezione duratura degli individui vulnerabili stabilendo ‘l’immunità di gregge’ in assenza di un vaccino”.

Il portavoce del signor Johnson ha affermato che il direttore sanitario Chris Whitty ha chiarito durante la crisi che l’impatto sulle condizioni mediche non Covid è stato preso in considerazione quando si elaborano le restrizioni.

Fonte: The Independent



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments