Coronavirus

Coronavirus: perché tutti avevano torto

La risposta immunitaria al virus è più forte di quanto tutti pensassero

L’articolo originale è stato pubblicato sulla rivista svizzera Weltwoche (World Week) il 10 giugno. L’autore, Beda M Stadler è l’ex direttore dell’Istituto di immunologia dell’Università di Berna, biologo e professore emerito. Stadler è un importante medico professionista in Svizzera..

Questo articolo parla della Svizzera e non suggerisce che la situazione sia esattamente la stessa a livello globale. Suggerisco anche di leggere fino alla fine, perché Stadler arriva a punti cruciali sui test per Sars-CoV-2.

Perché tutti avevano torto

Il coronavirus si sta lentamente ritirando. Che cosa è realmente accaduto nelle ultime settimane? Gli esperti hanno perso le connessioni di base. La risposta immunitaria contro il virus è molto più forte di quanto pensassimo.

Di Beda M Stadler

Non si tratta di un’accusa, ma di uno spietato bilancio della situazione attuale. Potrei schiaffeggiarmi, perché ho guardato al Sars-CoV2 troppo a lungo con il panico addosso. Sono anche un po ‘seccato con molti dei miei colleghi di immunologia che finora hanno lasciato la discussione su Covid-19 a virologi ed epidemiologi. Sento che è tempo di criticare alcune delle dichiarazioni pubbliche principali e completamente sbagliate su questo virus.

In primo luogo, era errato affermare che questo virus fosse nuovo. In secondo luogo, era ancora più sbagliato affermare che la popolazione non avrebbe già avuto un’immunità contro questo virus. In terzo luogo, è stato il coronamento della stupidità affermare che qualcuno potrebbe avere il Covid-19 senza alcun sintomo o addirittura trasmettere la malattia senza mostrare alcun sintomo.

Ma diamo un’occhiata a uno a uno.

1. Un nuovo virus?

Alla fine del 2019 un coronavirus è stato rilevato in Cina. Quando la sequenza genica, ovvero il modello di questo virus, è stata identificata ha ricevuto un nome simile a quello che venne dato al virus della Sars identificato nel 2002, ovvero Sars-CoV-2, avremmo dovuto già chiederci fino a che punto [questo virus] è collegato ad altri coronavirus, che possono far ammalare gli esseri umani. Ma no, invece abbiamo discusso da quale animale provenisse e da quale parte del menu cinese il virus sarebbe potuto derivare. Ora che stiamo parlando di sviluppare un vaccino contro il virus, vediamo improvvisamente studi che dimostrano che questo cosiddetto nuovo virus è fortemente correlato a Sars-1 e ad altri beta-coronavirus che ci fanno ammalare ogni anno sotto forma di raffreddore. A parte le pure omologie nella sequenza tra i vari coronavirus che possono far ammalare le persone, [gli scienziati] attualmente lavorano per identificare un numero di aree del virus, nello stesso modo in cui vengono identificate dalle cellule immunitarie umane. Non si tratta più della relazione genetica, ma di come il nostro sistema immunitario vede questo virus, ovvero quali parti di altri coronavirus potrebbero essere potenzialmente utilizzate in un vaccino.

Quindi: Sars-Cov-2 non è poi così nuovo, ma semplicemente un virus del raffreddore stagionale che è mutato e scompare in estate, come fanno tutti i virus del raffreddore, che è ciò che stiamo osservando a livello globale in questo momento. A proposito, i virus dell’influenza mutano significativamente di più e nessuno avrebbe mai sostenuto che un nuovo ceppo virale fosse completamente nuovo. Molti veterinari sono stati quindi infastiditi da questa affermazione di novità, poiché hanno vaccinato per anni gatti, cani, maiali e mucche contro i coronavirus.

2. La fiaba dell’assenza di immunità

Dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a tutti i virologi su Facebook, tutti hanno affermato che questo virus era particolarmente pericoloso, perché non c’era immunità contro di esso, perché era un nuovo virus. Perfino Anthony Fauci, il più importante consigliere dell’amministrazione Trump, ha dichiarato all’inizio e in ogni apparizione pubblica che il pericolo del virus risiedeva nel fatto che non vi era alcuna immunità nei suoi confronti. Tony e io ci siamo spesso seduti uno accanto all’altro a seminari di immunologia presso il National Institute of Health di Bethesda negli Stati Uniti, perché all’epoca lavoravamo in campi correlati. Quindi per un po ‘ero piuttosto acritico verso le sue dichiarazioni, dato che era un mio rispettabile collega. Il penny è caduto solo quando mi sono reso conto che il primo test di anticorpi disponibile in commercio [per Sars-CoV-2] è stato messo insieme da un vecchio test di anticorpi che doveva rilevare la Sars-1. Questo tipo di test valuta se ci sono anticorpi nel sangue di qualcuno e se sono nati attraverso una lotta precoce contro il virus. [Gli scienziati] hanno persino estratto gli anticorpi da un lama in grado di rilevare Sars-1, Sars-CoV-2 e persino il virus Mers. Si è anche saputo che Sars-CoV-2 ha avuto un impatto meno significativo nelle aree della Cina dove Sars-1 aveva colpito in precedenza. Questa è una chiara prova che suggerisce che il nostro sistema immunitario considera Sars-1 e Sars-Cov-2 almeno parzialmente identici e che un virus potrebbe probabilmente proteggerci dall’altro.

Fu allora che mi resi conto che il mondo intero sosteneva semplicemente che non c’era immunità, ma in realtà nessuno aveva un test pronto a provare una simile affermazione. Non si trattava di scienza, ma pura speculazione basata su una sensazione viscerale che è stata poi pappagallata da tutti. Ad oggi non esiste un singolo test anticorpale in grado di descrivere tutte le possibili situazioni immunologiche, come ad esempio: se qualcuno è immune, da quando, quali sono gli target degli anticorpi neutralizzanti e quante strutture esistono su altri coronavirus che possono ugualmente portare all’immunità .

A metà aprile, il lavoro è stato pubblicato dal gruppo di Andreas Thiel alla Charité di Berlino. Un documento con 30 autori, tra cui il virologo Christian Drosten. Ha mostrato che nel 34% delle persone a Berlino che non erano mai state in contatto con il virus Sars-CoV-2 hanno mostrato comunque l’immunità a cellule T (l’immunità a cellule T è un diverso tipo di reazione immunitaria, vedi sotto). Ciò significa che le nostre cellule T, cioè i globuli bianchi, rilevano le strutture comuni che compaiono su Sars-CoV-2 e i virus del raffreddore regolari e quindi combattono entrambi.

Uno studio di John PA Ioannidis dell’Università di Stanford – secondo la Fondazione Einstein di Berlino, uno dei dieci scienziati più citati al mondo – ha dimostrato che l’immunità contro Sars-Cov-2, misurata sotto forma di anticorpi, è molto più elevata di quanto si pensasse in precedenza. Ioannidis non è certamente un teorico della cospirazione che vuole solo nuotare contro corrente; tuttavia ora viene criticato, poiché i test anticorpali utilizzati non erano estremamente precisi. Con ciò, i suoi critici ammettono di non avere ancora test del genere. E a parte, John PA Ioannidis ha un peso talmente rilevante nel mondo della scienza che tutti i virologi tedeschi combinati sono un peso leggero in confronto.

3. Il fallimento dei modellisti

L’epidemiologo cadde anche per il mito che non vi era immunità nella popolazione. Inoltre, non volevano credere che i coronavirus fossero virus del raffreddore stagionali che sarebbero scomparsi in estate. Altrimenti i loro modelli di curve avrebbero avuto un aspetto diverso. Quando gli scenari peggiori iniziali non si sono avverati da nessuna parte, alcuni hanno iniziato ad aggrapparsi ancora ai modelli che prevedono una seconda ondata. Lasciamoli con le loro speranze: non ho mai visto un ramo scientifico che si è mosso così tanto nel fuorigioco. Inoltre non ho ancora capito perché gli epidemiologi fossero molto più interessati al numero di morti, piuttosto che al numero che poteva essere salvato.

4. Immunologia del senso comune

Come immunologo mi fido di un modello biologico, vale a dire quello dell’organismo umano, che ha costruito un sistema immunitario adattato e collaudato. Alla fine di febbraio, tornando a casa dalla registrazione di [uno spettacolo di dibattito televisivo politico svizzero], ho parlato di Daniel Koch [ex capo della sezione federale svizzera “Malattie trasmissibili” dell’Ufficio federale della sanità pubblica] che sospettava ci fosse un’immunità generale nella popolazione contro Sars-Cov-2. Ha discusso contro il mio punto di vista. In seguito l’ho difeso comunque, quando ha detto che i bambini non erano un fattore trainante nella diffusione della pandemia. Sospettava che i bambini non avessero un recettore per il virus, il che ovviamente non ha senso. Tuttavia, abbiamo dovuto ammettere che le sue osservazioni erano corrette. Ma il fatto che ogni scienziato lo abbia attaccato in seguito e abbia chiesto studi per dimostrare il suo punto, era un po ‘ironico. Nessuno ha chiesto studi per dimostrare che le persone in alcuni gruppi a rischio stavano morendo. Quando le prime statistiche dalla Cina e successivamente i dati in tutto il mondo hanno mostrato la stessa tendenza, vale a dire che quasi nessun bambino di età inferiore ai dieci anni si è ammalato, tutti avrebbero dovuto sostenere che i bambini devono essere immuni. 

Ma questo senso comune sembra aver eluso molti, chiamiamoli “negazionisti dell’immunità” solo per divertimento. Questa nuova razza di negazionisti ha dovuto osservare che la maggior parte delle persone che si sono dimostrate positive per questo virus, cioè che il virus era presente in gola, non si è ammalata. Il termine “portatori silenziosi” è stato tirato fuori dal cilindro e hanno iniziato ad affermare che si potrebbe essere malati senza avere sintomi.  Se questo principio d’ora in poi si naturalizzasse nel regno della medicina, gli assicuratori sanitari avrebbero davvero un problema, ma anche gli insegnanti i cui studenti potrebbero ora dichiarare di avere qualsiasi malattia per saltare la scuola, se alla fine non avessero bisogno di sintomi per essere ammalato.

La battuta successiva condivisa da alcuni virologi era l’affermazione che coloro che erano malati senza sintomi potevano ancora diffondere il virus ad altre persone. I malati “sani” avrebbero così tanto del virus in gola che una normale conversazione tra due persone sarebbe sufficiente per il “sano” di infettare l’altro sano. A questo punto dobbiamo analizzare ciò che sta accadendo qui: se un virus sta crescendo in qualsiasi parte del corpo, anche nella gola, significa che le cellule umane decadono. Quando le cellule [umane] scompaiono, il sistema immunitario viene immediatamente avvisato e viene causata un’infezione. Uno dei cinque sintomi cardinali di un’infezione è il dolore. È comprensibile che coloro che sono stati colpiti da Covid-19 potrebbero non ricordare quell’iniziale gola graffiante e poi continuare a sostenere di non aver avuto sintomi. Ma per medici e virologi trasformare questo in una storia di persone “sane” malate, alimenta il panico e spesso è stato dato come motivo per misure di blocco più rigorose. Almeno l’OMS non ha accettato l’affermazione di infezioni asintomatiche e ha persino contestato tale affermazione sul suo sito web.

Ecco un breve e breve riassunto, specialmente per i negazionisti dell’immunità, su come gli esseri umani sono attaccati dai germi e su come reagiamo ad essi: se ci sono virus patogeni nel nostro ambiente, allora tutti gli esseri umani, sia immuni che non, vengono attaccati da questo virus . Se qualcuno è immune, inizia la battaglia con il virus. Innanzitutto cerchiamo di impedire al virus di legarsi alle nostre cellule con l’aiuto di anticorpi. Questo funziona normalmente solo parzialmente, non tutti sono bloccati e alcuni virus si attaccano alle cellule appropriate. Ciò non deve comportare sintomi, ma non è nemmeno una malattia. Perché la seconda guardia del sistema immunitario è ora chiamata in azione. Queste sono le cellule T sopra menzionate, i globuli bianchi, che possono determinare dall’esterno in quali altre cellule il virus si sta nascondendo per moltiplicarsi. Queste cellule, ora stanno incubando il virus.

Quindi, se eseguiamo un test corona PCR su una persona immune, non viene rilevato un virus, ma una piccola parte in frantumi del genoma virale. Il test torna positivo fintanto che restano minuscole parti del virus in frantumi. Corretto: anche se i virus infettivi sono morti da molto tempo, un test corona può tornare positivo, perché il metodo PCR moltiplica anche una minima parte del materiale genetico virale [da rilevare]. Questo è esattamente quello che è successo, quando ci sono state le notizie a livello globale, persino condivise dall’OMS, che 200 coreani che hanno già avuto il Covid-19 sono stati infettati una seconda volta e che quindi probabilmente non c’era immunità contro questo virus. La spiegazione di ciò che è realmente accaduto e delle scuse è arrivata solo più tardi, quando era chiaro che i coreani immunizzati erano perfettamente sani e avevano solo una breve battaglia con il virus. È probabile che un gran numero di numeri di infetti segnalati quotidianamente siano dovuti esclusivamente a detriti virali.

5. Il problema con l’immunità

Cosa significa tutto ciò nella vita reale? Il tempo estremamente lungo di incubazione da 2 a 14 giorni – e i rapporti da 22 a 27 giorni – dovrebbero svegliare qualsiasi immunologo. Oltre all’affermazione secondo cui la maggior parte dei pazienti non secernerebbe più il virus dopo cinque giorni. Entrambe le [affermazioni] a loro volta portano effettivamente alla conclusione che esiste – in un certo senso sullo sfondo – un’immunità di base che contesta gli eventi, rispetto a un ciclo atteso [di un’infezione virale] – cioè porta a un lungo periodo di incubazione e rapida immunità. Questa immunità sembra anche essere il problema per i pazienti con un decorso grave della malattia. Il nostro titolo anticorpale, ovvero l’accuratezza del nostro sistema di difesa, si riduce con l’avanzare dell’età. Ma anche le persone che seguono una cattiva alimentazione o che sono malnutrite possono avere un sistema immunitario indebolito, motivo per cui questo virus anche i problemi medici di un paese.

Se una persona infetta non ha abbastanza anticorpi, cioè ha una risposta immunitaria debole, il virus si diffonde lentamente in tutto il corpo. Ora che non ci sono abbastanza anticorpi, rimane solo la seconda gamba di supporto della nostra risposta immunitaria: le cellule T iniziano ad attaccare le cellule infestate da virus in tutto il corpo. Questo può portare a una risposta immunitaria esagerata, sostanzialmente a un massacro massiccio; questo si chiama Cytokine Storm. Molto raramente ciò può accadere anche nei bambini piccoli, in quel caso chiamato Sindrome di Kawasaki. Questo evento molto raro nei bambini è stato utilizzato anche nel nostro paese per alimentare il panico. È interessante, tuttavia, che questa sindrome sia curata molto facilmente. I bambini [colpiti] ottengono anticorpi da donatori di sangue sani, cioè persone che hanno sofferto di raffreddori legati ai coronavirus.

E adesso?

Il virus è sparito per ora. Probabilmente tornerà in inverno, ma non sarà una seconda ondata, ma solo un raffreddore.Quelle persone giovani e sane che attualmente vanno in giro con una maschera sul viso farebbero meglio a indossare un elmetto, perché il rischio che gli cada qualcosa in testa è maggiore di quello di ammalarsi gravemente di Covid-19.

Se osservassimo un aumento significativo delle infezioni in 14 giorni [dopo che la Svizzera ha allentato il blocco], avremmo almeno saputo che una delle misure era utile. Oltre a ciò, raccomando di leggere l’ultimo lavoro di John PA Ioannidis in cui descrive la situazione globale sulla base dei dati del 1 ° maggio 2020: le persone di età inferiore ai 65 anni rappresentano solo lo 0,6-2,6% di tutti i casi fatali di Covid. Per far fronte alla pandemia, abbiamo bisogno di una strategia che si concentri semplicemente sulla protezione delle persone a rischio di età superiore ai 65 anni. Se questa è l’opinione di un grande esperto, un secondo blocco è semplicemente assurdo.

Sulla via del ritorno alla normalità, sarebbe positivo per noi cittadini se qualcuno si scusasse. Come i dottori che desideravano un triage di pazienti Covid di oltre 80 anni per smettere di ventilarli. Anche i media che continuavano a mostrare video allarmanti degli ospedali italiani per illustrare una situazione che in quanto tale non esisteva. Tutti i politici che chiedono “test, test, test” senza nemmeno sapere cosa misura effettivamente il test. E il governo federale per un’app non potranno mai sapere o avvertirmi se qualcuno vicino a me è positivo, anche se non sono contagiosi.

In inverno, quando l’influenza e altri raffreddori fanno di nuovo il giro, possiamo quindi tornare a baciarci un po ‘meno, e dovremmo lavarci le mani anche senza un virus presente. E le persone che si ammalano possono comunque indossare le loro maschere per mostrare agli altri ciò che hanno imparato da questa pandemia. E se non abbiamo ancora imparato a proteggere i nostri gruppi a rischio, dovremo aspettare un vaccino che si spera sia efficace anche nelle persone a rischio.

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Margherita De Pellegrin

Povere qs donne. ???

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!