Database Italia

CORRELAZIONE TRA ALLUMINIO E AUTISMO – SCIENZIATO LEADER NELLA RICERCA MESSO IN GINOCCHIO DA GATES E BIG PHARMA


Il 20 luglio 2021, abbiamo appreso la triste notizia che la Keele University nello Staffordshire ha preso la decisione interna di porre fine alla posizione del professor Christopher Exley all’università. Gli è stato detto che deve lasciare i locali entro la fine di agosto.

Exley, come molti di voi sapranno, è il massimo esperto mondiale di alluminio e questa mossa dell’università metterà fine a 35 anni di ricerca sull’alluminio da parte non solo del professore ma anche di tutto il suo team.

Ha scritto nella sua mailing list che:

“Abbiamo, ovviamente, cercato di trovare una nuova sede per la nostra ricerca. Tuttavia, i costi per spostare un laboratorio e stabilirlo altrove sono molto alti. È anche difficile trovare istituti accademici che non siano stati sedotti (corrotti)  da Gates,  GAVI ecc.

Grazie per la vostra collaborazione, supporto e amicizia in tanti anni. Spero che la mia “uscita dall’edificio” non sia una carta bianca per l’industria dell’alluminio per inquinare ulteriormente il nostro mondo con i loro prodotti e senza risarcimento”.

L’unità guidata dal professor Exley all’università è iniziata con tre temi generali, il cui focus di gruppo era l’alluminio e il silicio in biologia. Guidati da Exley, FRSB, gli attuali temi di ricerca all’interno del gruppo sono vari, inclusi metalli e amiloidi; biosilicizzazione in specie vegetali; esposizione umana all’alluminio, sia intenzionale (ad esempio in antitraspiranti o coadiuvanti) o non intenzionale; e idrossialluminosilicati. [1]

Da quando Exley si è unito all’università, l’unità è andata sempre più rafforzandosi e le vaste aree di ricerca che il team ha prodotto sono state oltre l’esemplare; quindi, perché i superiori dell’università hanno deciso di porre fine alla ricerca di Exley?

La ricerca del professor Exley era troppo scomoda per essere gestita?

Il lavoro del professor Exley è iniziato nel 1984, alla Stirling University in Scozia, esaminando la tossicità dell’alluminio nei pesci. Da quando si è trasferito a Keele, lui e il suo team hanno studiato un’enorme varietà di argomenti riguardanti l’alluminio e hanno scritto centinaia di articoli.

Il suo lavoro include una serie di articoli che spiegano come l’uso dell’alluminio nelle vaccinazioni possa essere responsabile di disturbi neurologici cerebrali nei bambini.

Nel 2017, la ricerca intrapresa da Exley e dal suo team ha lasciato ai genitori pochi dubbi sul fatto che l’alluminio svolga un ruolo cruciale nel tessuto cerebrale delle persone con autismo.

Per la prima volta, Exley e il suo team hanno avuto l’opportunità unica di esaminare il tessuto cerebrale di individui morti con una diagnosi di autismo e ciò che hanno scoperto è stato davvero scioccante. Il loro studio ha determinato che il tessuto cerebrale di individui morti con una diagnosi di autismo conteneva i più alti livelli di alluminio di qualsiasi altro tessuto cerebrale che fosse stato esaminato dal team.

In un video pubblicato il 29 novembre 2017, Exley ha spiegato le sue scoperte. Ha affermato che:

“Siamo stati in grado di fare due cose: siamo stati in grado di misurare quanto alluminio c’era nel cervello in individui che erano morti con autismo, e siamo stati anche in grado di guardare l’alluminio nel tessuto usando una tecnica di microscopia chiamata fluorescenza. La quantità di alluminio nel tessuto cerebrale era, direi,  straordinariamente alta ».  [2]

Vorrei chiarire il fatto che questi individui sono morti con una diagnosi di autismo, non sono morti di autismo.

I risultati del loro studio hanno scioccato il team perché, nel corso degli anni, avevano esaminato il tessuto cerebrale di oltre un centinaio di individui e, secondo Exley, il tessuto cerebrale degli individui morti con una diagnosi di autismo conteneva i livelli più alti di alluminio che il team avesse mai visto.

Come previsto, la loro ricerca è stata criticata da molti esperti e scienziati perché il team aveva accesso solo a un numero limitato di cervelli disponibili per essere esaminati. Tuttavia, dal cervello che il team è stato in grado di esaminare, i risultati dei loro studi hanno lasciato pochi dubbi sul fatto che il contenuto di alluminio fosse estremamente elevato.

Tuttavia, nonostante le critiche, Exley è rimasto imperterrito; ha spiegato che gli unici cervelli che aveva visto contenere quantità simili di alluminio erano i cervelli dei pazienti che erano morti con una diagnosi di malattia di Alzheimer familiare. [3]

Ha affermato che:

“In questo gruppo relativamente giovane di persone, circa tredici, quattordici, quindici anni, abbiamo visto più alluminio di quanto ne avessimo visto in altre circostanze”.

La dichiarazione di Exley è davvero scioccante, soprattutto se si considera che lui e il suo team avevano precedentemente esaminato il tessuto cerebrale di pazienti più anziani morti di Alzheimer. Ci si aspetterebbe di scoprire che gli individui morti tra i settanta e gli ottanta anni avrebbero una concentrazione di alluminio nel cervello molto maggiore di quelli che erano morti alla tenera età di tredici anni.

Exley ha continuato rivelando che:

“Forse altrettanto importanti se non più importanti sono stati gli studi di microscopia. Gli studi di microscopia ci hanno permesso di identificare dove si trovava l’alluminio nel tessuto cerebrale. Quando abbiamo esaminato il cervello delle persone con una diagnosi di autismo, abbiamo trovato qualcosa di completamente diverso, qualcosa che non avevamo mai visto prima, in nessun altro insieme di cervelli umani. Abbiamo scoperto che la maggior parte dell’alluminio era in realtà all’interno delle cellule, ‘intracellulare’”.

Ha spiegato che queste cellule trasportavano con sé un carico di alluminio dal corpo al cervello. Ha affermato che:

“Abbiamo anche visto prove che le cellule della linfa e del sangue stavano passando nel cervello, quindi stavano portando con sé un carico di alluminio dal corpo al cervello. Questa è la prima volta in qualsiasi tessuto cerebrale che lo abbiamo visto, quindi questa è un’osservazione eccezionale e ancora unica nell’autismo”.

Questo ci porta a chiederci, da  dove proveniva l’alluminio?

Siamo bombardati dall’alluminio ogni giorno

Come molti di noi sanno, stiamo vivendo in quella che Exley chiama “l’era dell’alluminio”. Il corpo umano viene bombardato con alluminio nei prodotti di uso quotidiano. Ad esempio, molti dei nostri alimenti, vaccinazioni, farmaci, prodotti per l’infanzia, cosmetici, prodotti per la pulizia e persino arredi morbidi contengono alluminio e sembra che siamo impotenti a prevenire l’attacco sempre crescente.

Prima di intraprendere questo studio, Exley credeva che non esistesse un’alternativa sicura all’alluminio come adiuvante nelle vaccinazioni. Tuttavia, da quando ha studiato il legame alluminio/autismo, ha cambiato idea.

Ha spiegato che:

“Poiché ho visto le stesse cellule di quelle viste nel sito di iniezione trasportare un carico di alluminio nel tessuto cerebrale di individui morti di autismo, ora direi che dobbiamo da pensare molto attentamente a chi riceve un vaccino che include un coadiuvante di alluminio.

Dobbiamo riflettere attentamente, questo vaccino è un vaccino salvavita o no? Se lo è, non farlo con un adiuvante in alluminio.

Per leggere lo studio peer-reviewed del professor Exley sull’alluminio nel tessuto cerebrale nell’autismo, vedere il riferimento [4].

Un’altra vaccinazione che contiene un livello eccezionalmente alto di alluminio è il vaccino contro il papillomavirus umano (HPV) Gardasil, e nel settembre 2018 ho avuto la rara opportunità di intervistare il professor Exley sulle sue preoccupazioni, e quello che aveva da dire era, a nostro avviso, davvero scioccante.

Durante questa intervista, Exley mi ha spiegato in modo approfondito la sicurezza dei sali di alluminio utilizzati come adiuvante nelle vaccinazioni. Quello che ha rivelato, crediamo, è estremamente preoccupante perché, secondo lui, la vaccinazione HPV non solo contiene più alluminio di qualsiasi altra vaccinazione in commercio, ma anche, secondo i dati, si dice che abbia causato più reazioni avverse di qualsiasi altro vaccino. Ha affermato che:

“L’opinione comune in tutto il mondo è sempre che questi sono sali relativamente sicuri, che l’alluminio non provoca danni e quindi poter usare qualcosa che è considerato sicuro, che come ho detto non costa assolutamente nulla al produttore, ma anche per il quale non c’è mai stata una sorta di prova di sicurezza, non c’è mai stato alcun tipo di regolamento, quindi puoi usarla tanto o poco quanto vuoi”.

Exley ha confermato che Merck ha elencato un’ampia varietà di reazioni avverse che vanno dall’intorpidimento del braccio fino alla morte nel foglio illustrativo del prodotto.

Exley ha chiesto:

“Ora, se i genitori sapessero che 1 su 50 destinatari del vaccino HPV si ammalerà in seguito e che quella malattia può essere qualsiasi cosa, da una malattia debilitante come la paralisi del braccio fino alla morte, penserebbero che prendere un vaccino, prendere qualcosa quando sei perfettamente sano ne vale la pena o no e i risultati sarebbero stati gli stessi?”

La nostra ipotesi è che pochissimi genitori accetterebbero che il loro bambino riceva un vaccino noto per causare un numero elevato di reazioni avverse, ma poiché pochissimi genitori hanno mai messo gli occhi sul foglietto illustrativo del prodotto prima che il loro bambino sia vaccinato, questo è qualcosa che non sapremo mai . [5]

La ricerca condotta da Exley e dal suo team non è seconda a nessuno, quindi perché la Keele University dovrebbe deliberatamente cercare di porre fine alla sua ricerca una volta per tutte? Il suo lavoro era troppo impegnativo per essere gestito in un mondo che crede che la vaccinazione alla fine eliminerà le malattie? O potrebbe esserci un altro motivo per cui è stata presa la decisione di chiudere il suo dipartimento?

Prima l’università ha bloccato tutti i finanziamenti al dipartimento di Exley. Quindi hanno interrotto il fatto che Exley ricevesse qualsiasi finanziamento dal pubblico per continuare la sua ricerca.

In effetti, erano così disperati nel mettere in ginocchio Exley e il suo team che hanno persino rifiutato una donazione di $ 15.000 dall’organizzazione Children’s Health Defense di Robert F. Kennedy Jr., affermando che:

“Personaggi o fondazioni pubbliche di spicco potrebbero mettere l’istituzione in una situazione etica e reputazionale” e “potrebbe generare una copertura mediatica potenzialmente negativa e potrebbe anche mettere a repentaglio le forti  relazioni che intrattiene con i suoi principali finanziatori  e partner esistenti ” [6] (enfasi propria)

Chi sono i principali finanziatori dell’università?

Il Liberty Beacon  crede che il motivo per cui l’università sia così disperata per impedire a Exley di continuare la sua ricerca è il fatto che l’università è sostenuta finanziariamente dalla Bill and Melinda Gates Foundation.

Hanno dichiarato sul loro sito web che:

“Keele sta affrontando alcuni dei problemi più urgenti del mondo. Stiamo conducendo un progetto, in parte supportato dalla  Bill & Melinda Gates Foundation , per sviluppare tecnologie di guida genetica nelle zanzare per aiutare a eliminare la malaria e ridurre il tasso di mortalità di 1.700 persone al giorno nell’Africa sub-sahariana. Per ulteriori informazioni sulla ricerca di Keele, consultare la sezione Ricerca sul nostro sito web. ” [7] (enfasi propria)

Sebbene Exley si aspettasse che l’università interrompesse tutti i legami con lui da tempo, la loro mossa lo ha ancora scioccato, deluso e fatto arrabbiare. Mi ha detto che rilascerà una dichiarazione completa sulla loro decisione a settembre.

Di TLB Contributing Partner: Christina England, BA, Hons

••••

Riferimenti:

  1. Gruppo di ricerca sull’alluminio  https://mattmold.wixsite.com/aluminium
  2. Alluminio nel cervello dei bambini con autismo  https://www.youtube.com/watch?v=SmkVv8pcVhc
  3. Alluminio nel tessuto cerebrale nella malattia di Alzheimer familiare  https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0946672X16303777
  4. Alluminio nel tessuto cerebrale nell’autismo  https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0946672X17308763
  5. Christina England intervista il professor Christopher Exley sul vaccino HPV  https://www.youtube.com/watch?v=SANh64T1IzU
  6. Freenations  https://freenations.net/gates-money-stops-vaccine-danger-research-vaccine-deaths-and-reactions-vaccines-not-licensed/
  7. Sito web della Keele University  https://www.keele.ac.uk/connect/givingtokeele/yourgivingcould/

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione su Patreon o seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita) in qualsiasi modo a loro piaccia gratuitamente. Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments