Database Italia

Cosa c’è dietro al Gasdotto Nord Stream 2 e perché l’avvelenamento di Navalny potrebbe interromperne il completamento?

Tutto quello che c’è da sapere sul mega gasdotto russo-tedesco.

La conferma che il leader dell’opposizione russa Alexei Navalny è stato avvelenato con Novichok ha intensificato le richieste alla Germania di rivedere il suo sostegno al Nord Stream 2, il mega progetto di gasdotto di Gazprom che collega i due paesi.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel non escluderà tali conseguenze per il progetto se la Russia non riesce a indagare a fondo sull’incidente, ha detto lunedì il suo portavoce, sollevando le speculazioni su una possibile inversione del supporto di lunga data di Berlino per il Nord Stream 2, che avrebbe dovuto essere attivo dalla fine del 2019.

I critici – compreso il governo degli Stati Uniti e molti ex paesi comunisti dell’Europa orientale e centrale – affermano che il Nord Stream 2 sarà dannoso per la sicurezza energetica dell’Europa ed è inappropriato date le numerose trasgressioni di Mosca contro l’Occidente negli ultimi anni. 

I sostenitori sostengono che l’Europa già acquista una notevole quantità di gas russo, che il gasdotto potrebbe aiutare a ridurre i prezzi e che gli interessi commerciali sono alla radice dell’opposizione degli Stati Uniti.

Cos’è Nord Stream 2?

Nord Stream 2 è un doppio set di gasdotti di 1.230 chilometri con la capacità di trasportare ogni anno 55 miliardi di metri cubi di gas dalla Russia alla Germania.

Gazprom ha stimato il costo totale del progetto a circa $ 10 miliardi, di cui la metà proviene da un consorzio di società energetiche europee: Shell, Engie, OMV, Uniper e Wintershall Holding. Gazprom è azionista del 51% nella società con sede in Svizzera Nord Stream AG , che gestisce la costruzione del gasdotto.

Il gasdotto corre parallelamente all’esistente Nord Stream, entrato in funzione nel 2012. Quando sarà operativo, porterà la capacità combinata dei gasdotti che corrono direttamente tra Russia e Germania attraverso il Mar Baltico a 110 miliardi di metri cubi, ovvero più della metà del totale delle attuali esportazioni di gas in Europa.

Nel 2019, Gazprom ha esportato 199 miliardi di metri cubi di gas in Europa secondo il sito web dell’azienda . Circa due terzi della capacità totale passa attraverso reti di condotte terrestri che attraversano l’Ucraina o la Bielorussia, paesi che accettano tariffe di transito considerevoli per l’uso delle loro reti.

Dalla Germania, il gas potrebbe quindi essere trasportato in tutta Europa attraverso le infrastrutture esistenti. In base alle previsioni dei prezzi attuali e operando a piena capacità, Nord Stream 2 invierà ogni anno circa 10 miliardi di dollari di gas russo in Europa. 

La costruzione è attualmente congelata con circa il 94% del gasdotto completo, l’intero percorso tranne un breve tratto attraverso le acque danesi.

Perché è controverso?

Il progetto si è rivelato controverso sin dall’inizio, come il primo collegamento Nord Stream quando è stato proposto più di dieci anni fa.

Gli oppositori affermano che il progetto aumenterà la dipendenza dell’Europa dalla Russia per i suoi bisogni energetici, dando a Mosca una forte leva di potenziale controllo sul continente. 

I paesi dell’Europa centrale e orientale si sono opposti al gasdotto da anni. Nel 2016, otto leader dell’UE hanno scritto alla Commissione europea contro l’iniziativa, affermando che poneva “rischi per la sicurezza energetica” all’UE.

Più recentemente, gli Stati Uniti sono diventati uno dei più accaniti avversari del Nord Stream 2. Il presidente Donald Trump ha detto dell’oleodotto : “è una cosa orribile quello che sta facendo la Germania. La Germania è prigioniera della Russia “. 

Gli ambasciatori degli Stati Uniti in tutta Europa hanno esercitato pressioni feroci contro l’iniziativa sia pubblicamente che privatamente. In una lettera aperta , gli inviati statunitensi in Germania, Danimarca e Bruxelles hanno recentemente affermato: “Il gasdotto Nord Stream 2 aumenterà la suscettibilità dell’Europa alle tattiche di ricatto energetico della Russia”.

Un’altra forma di critica è l’impatto che il progetto avrà sull’Ucraina, dove le tasse di transito del gas rappresentano il 3% del PIL del paese. 

Una scheda informativa del Dipartimento di Stato USA che spiega la sua opposizione al progetto afferma: “Il Nord Stream 2 è uno strumento che la Russia sta usando per sostenere la sua continua aggressione contro l’Ucraina … Il Nord Stream 2 consentirebbe alla Russia di bypassare l’Ucraina per il transito del gas verso l’Europa, il che priverebbe l’Ucraina di sostanziali entrate di transito e aumenterebbe la sua vulnerabilità all’aggressione russa “.

Nella versione più estrema, alcuni temono che la Russia possa utilizzare la minaccia – di chiudere i rubinetti per esercitare pressioni politiche o economiche sull’UE o sui governi di tutta Europa.

Nel tentativo di fermare il progetto, gli Stati Uniti hanno imposto una serie di sanzioni contro la sua costruzione, incluso il divieto alle navi occidentali ad alta tecnologia di posare tubi. Ciò ha impedito la costruzione, della sezione finale attraverso le acque danesi. La Russia insiste sul fatto che sarà completato, anche se non sarà operativo prima del prossimo anno. La Germania ha detto di aver respinto “l’imposizione di sanzioni extraterritoriali” per una questione di principio.

Cosa dicono i sostenitori?

Prima dell’avvelenamento di Navalny, la Germania aveva fermamente cercato di mantenere la questione del Nord Stream 2 separata dal resto della sua politica con la russia, inclusa la guerra nell’Ucraina orientale, le accuse di interferenze elettorali e attacchi informatici, l’avvelenamento di Sergei Skripal nel Regno Unito e un generale deterioramento delle relazioni di Mosca con l’occidente.

La Merkel aveva precedentemente respinto l’idea che il Nord Stream 2 rappresentasse un rischio per la sicurezza energetica e ha insistito sul fatto che la forza trainante del gasdotto è di natura economica: ridurre il prezzo che l’Europa paga alla Russia per il gas mentre intraprende una decennale transizione energetica verso fonti più pulite di carburante.

Gli analisti sospettano anche che ci siano interessi commerciali dietro l’opposizione americana. Vale a dire, il desiderio di vendere gas naturale liquefatto (GNL) più costoso in Europa.

Poiché l’Europa acquista già circa il 40% del suo gas dalla Russia, il gasdotto Nord Stream 2 è più incentrato sul meccanismo di consegna che sulla dipendenza complessiva dalla Russia, affermano i sostenitori. Inoltre, date le tensioni tra Kiev e Mosca, la forte dipendenza dal transito attraverso l’Ucraina potrebbe essere una forma di instabilità, con la Russia altrettanto in grado – e forse più probabile – di interrompere l’approvvigionamento attraverso quel gasdotto, come ha fatto nel 2009 .

In che modo l’avvelenamento da Navalny influisce su Nord Stream 2?

La conferma della Germania che Navalny è stato avvelenato da Novichok – un’arma chimica controllata – ha aggiunto nuovo carburante alla campagna contro ilNord Stream 2.

Le voci dell’opposizione si sono alzate, chiedendo che la Germania ripensi il progetto. 

Ma anche nuove voci dall’interno della Germania si sono levate contro il gasdotto.

“Questo tentato omicidio apertamente attraverso le strutture mafiose del Cremlino non dovrebbe solo preoccuparci, ma deve avere conseguenze reali. Il Nord Stream 2 non è più qualcosa che possiamo perseguire congiuntamente con la Russia “, ha detto Katrin Göring-Eckardt, il co-presidente del Partito dei Verdi tedesco, che è secondo nei sondaggi ai Democratici Cristiani (CDU) della Merkel, nel Bundestag come citato da The Guardian .

Il presidente della commissione per gli affari esteri della Germania e candidato alla leadership della CDU Norbert Röttgen ha chiesto su Twitter che il Nord Stream 2 venga demolito , scrivendo: “Dopo l’avvelenamento di Navalny abbiamo bisogno di una forte risposta europea, che Putin possa comprendere. L’UE dovrebbe decidere congiuntamente di fermare il Nord Stream 2. “

In un passo significativo, lo stesso governo tedesco ha avvertito la Russia che il futuro del progetto è sul tavolo.

“Spero che i russi non ci costringano a cambiare la nostra posizione riguardo al Nord Stream 2”, ha detto al quotidiano Bild il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, che ha anche chiesto la sospensione del progetto in un editoriale la scorsa settimana.

Un portavoce della Merkel ha affermato che un’eventuale sanzione del progetto è un’opzione. 

Cosa succederà?

Gli analisti ritengono ancora che il gasdotto abbia maggiori probabilità di andare avanti che di essere demolito, soprattutto vista la fase avanzata della sua costruzione.

Qualsiasi passo indietro su Nord Stream 2 rappresenterebbe un enorme cambiamento nella politica dalla Germania, e in particolare dalla Merkel, che ha investito un capitale politico significativo nel progetto contro le critiche degli Stati Uniti e all’interno dell’UE.

Proprio venerdì scorso il Cancelliere ha sostenuto che l’avvelenamento di Navanly dovrebbe essere ” disaccoppiato ” dal problema di Nord Stream 2, aggiungendo: “La nostra opinione è che il Nord Stream 2 dovrebbe essere completato”. E nonostante gli avvertimenti del ministro degli Esteri Maas, ha anche detto che qualsiasi punizione per l’avvelenamento di Navanly dovrebbe essere “individuata efficacemente” riconoscendo che una cancellazione danneggerebbe sia la Germania che la Russia.

L’ opposizione  degli Stati Uniti potrebbe persino ritorcersi contro, secondo alcuni analisti, se un’inversione di rotta su Nord Stream 2 sembrasse una scalata di fronte alla pressione americana.

Tuttavia, la forza della risposta della Germania fino ad ora – e il coinvolgimento personale della Merkel – ha colto alcuni di sorpresa, indicando una potenziale volontà di agire.

“Questo suggerisce la profondità della sua preoccupazione. Anche pochi giorni fa l’intenzione delle autorità tedesche era di nuovo di porre fine alla questione del Nord Stream 2, ma questo – per lo meno – la riporta al centro della scena “, ha detto Nigel Gould-Davies, senior fellow per Russia ed Eurasia presso l’International Institute for Strategic Studies. 

In ogni caso, una risposta formale all’avvelenamento di Navalny avverrà tra alcune settimane , affermano esperti che hanno familiarità con il processo di sanzioni dell’UE. La Germania ha detto che è “troppo presto” per iniziare a considerare sanzioni specifiche e sembra – per ora – utilizzare Nord Stream 2 come strumento per spingere Mosca a lanciare un’indagine completa e trasparente sull’avvelenamento.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.