Home Diritto Cos’è la sentenza Montgomery e perché è così importante? (La complessità del...

Cos’è la sentenza Montgomery e perché è così importante? (La complessità del consenso informato)

0

Quando medici e pazienti decidono il miglior corso di trattamento per un paziente, è necessario soddisfare determinati standard etici relativi al “consenso”, in modo che il trattamento sia amministrato nel rispetto della legge. Ovviamente la medicina forzata è illegale, così come la medicina proposta sotto false pretese, cioè in una situazione in cui al paziente non sono stati forniti tutti i fatti sulle possibili conseguenze del trattamento, compresi e soprattutto i rischi.

Gli obblighi dei medici di rivelare il livello di rischio ai pazienti sono cambiati in modo molto significativo nel 2015, quando è stata introdotta la sentenza Montgomery. Prima di questa sentenza, il consenso all’interno della medicina era regolato dal test di Bolam, che affermava che i medici erano obbligati a informare i pazienti solo di eventuali rischi che erano “in linea con un organo di parere medico responsabile”.

In altre parole, se altri medici non consideravano un rischio significativo, il medico curante non era obbligato a parlarne al paziente, anche se il medico ne era consapevole come una possibilità e sapeva che le conseguenze potevano essere gravi. Ciò significava che se il paziente avesse poi sviluppato quel grave effetto collaterale di cui il medico non aveva avvertito, il medico sarebbe stato isolato da qualsiasi azione punitiva, poiché il test di Bolam lo avrebbe protetto – farebbe infatti notare che gli altri medici non considerano il rischio abbastanza significativo da rivelare, quindi non era nemmeno obbligato a farlo.

La natura problematica di questo approccio è evidente. Solo perché alcuni medici considerano un rischio raro, non significa che sia inesistente, né che sia insignificante per coloro che sviluppano quell’effetto. Non rivelando tutti i fatti ai pazienti, il loro consenso è rimasto parzialmente oscurato e dato in assenza di informazioni che, se avessero avuto, avrebbero potuto compiere scelte diverse.

Ciò è stato illustrato in modo decisivo dal caso di Nadine Montgomery, una donna che ha vissuto un parto traumatico che ha lasciato il figlio con disabilità significative. Il medico curante sapeva che c’era una possibilità che queste disabilità si verificassero se la signora Montgomery avesse avuto un parto naturale, poiché era sia molto piccola che diabetica, e il rischio sarebbe stato notevolmente ridotto con un taglio cesareo. Tuttavia, il medico non le ha consigliato nè prospettato questa possibilità e quindi ha acconsentito a un parto naturale, cosa che non avrebbe fatto se fosse stata pienamente informata dei rischi.

Nadine Montgomery ha quindi portato il SSN in tribunale per contestare la loro definizione di “consenso informato” e ha vinto. Il risultato di questo caso seminale è stato che il paternalistico “test Bolam” – in cui le opinioni dei medici erano considerate l’ultima parola – è stato sostituito dalla sentenza Montgomery, molto più incentrata sul paziente, che afferma che i pazienti devono essere avvertiti di “tutti i rischi materiali a cui una persona ragionevole nella posizione del paziente attribuirebbe un significato”.

La sentenza Montgomery ha sottolineato che la frequenza di un rischio non è l’unico fattore determinante per determinare se è significativo, ad esempio, solo perché un rischio è considerato raro, non è un motivo per cui un medico non ne parli a un paziente .

Pertanto, se un paziente si reca in un ambulatorio medico o in un altro ambiente sanitario per una vaccinazione e non viene informato in anticipo di tutti i rischi materiali di quel vaccino – che, nel caso della vaccinazione Covid, sono noti per includere gravi disturbi del cuore, cervello e sistema nervoso – quindi il loro consenso non viene informato, secondo i principi della sentenza Montgomery, e, di conseguenza, coloro che somministrano quel vaccino operano al di fuori della legge.

“Sei un professionista sanitario?”

Questa domanda ci viene posta spessissimo da persone che criticano il nostro lavoro, con l’implicazione che: “se non lo sei, perché stai dispensando consigli sulla salute?”

La risposta è che, sebbene non siamo formalmente impiegati nel settore sanitario, la sfortunata realtà è che la maggior parte di coloro che lo sono non stanno adempiendo agli obblighi della loro professione, né operano nel rispetto della legge, quando si tratta di consenso informato. Gli operatori sanitari che somministrano le vaccinazioni non stanno adempiendo ai loro doveri legali ed etici di rivelare ai pazienti il ​​profilo di rischio completo delle vaccinazioni e, pertanto, spetta a quelli al di fuori di quella particolare professione che si preoccupano dell’etica, della legalità e dell’ottimizzazione del benessere del paziente, di attirare l’attenzione su queste sorprendenti omissioni e inadempienze del dovere.

Si prega di notare che i laici che sfidano gli operatori sanitari sono fondamentali per garantire che la professione rimanga rigorosa e basata sull’integrità, poiché è stata esattamente una sfida del genere che ha galvanizzato il cambiamento all’interno della medicina dal test Bolam alla sentenza Montgomery. Gli operatori sanitari non sono onnipotenti e possono commettere errori (ed essere inclini all’arroganza e a chiudere i ranghi quando vengono sfidati). Pertanto, devono essere tenuti pienamente responsabili nei confronti di coloro che servono. Per favore ricorda sempre che il tuo dottore lavora per te, non il contrario, e sono le tue tasse che pagano il suo stipendio. Pertanto, se agisce in modo non etico o illegale, hai tutto il diritto e l’obbligo di contestarlo.

Uno dei motivi per cui gli operatori sanitari spesso non adempiono ai propri obblighi in materia di consenso informato è che la maggior parte è stata formata prima del 2015 e quindi ha appreso del consenso informato attraverso il quadro del test Bolam, che ha rappresentato un modo molto più paternalistico, “farai come medico dice” scuola di medicina, piuttosto che la sentenza Montgomery, molto più incentrata sul paziente, che chiarisce che la scelta finale – una volta forniti tutti i fatti salienti – è del paziente, non del medico.

Un paziente non può fare una scelta informata senza i fatti completi e gli operatori sanitari di routine non li dispensano quando si tratta di vaccinazione.

Per garantire che il tuo consenso sia pienamente informato alla vaccinazione e a qualsiasi altra procedura medica, è consigliabile chiedere prima al membro del personale amministratore se ha familiarità con la sentenza Montgomery e se ha adempiuto ai propri obblighi legali ai sensi della presente sentenza, informandoti di tutti i rischi materiali del trattamento.

Sullo stesso argomento:

Se non possono rispondere in modo esauriente, stanno operando al di fuori della legge e pertanto sconsigliamo vivamente di consentire loro di somministrare qualsiasi trattamento medico a te o alla tua famiglia.

Ricorda che la tua salute non appartiene al tuo medico, al SSN, all’OMS o a qualsiasi altro individuo o organismo, non importa quanto siano impressionanti le loro credenziali. Appartiene a te e, in definitiva, sarai tu ad assumerti la responsabilità se una procedura medica va storta (c’è pochissimo aiuto o supporto disponibile dallo stato per le reazioni avverse a un vaccino). Purtroppo, non possiamo più fare affidamento sul sistema medico statale per avere le nozioni di cui abbiamo bisogno per fare una scelta informata, motivo per cui esiste questa risorsa: per fornirti tutti i fatti e garantire che tutte le scelte mediche che fai siano fatte in modo consapevole, con sicurezza e libertà – e che il tuo consenso sia davvero pienamente informato.

Previous articleEsplosioni a Washington DC e sul tetto dell’edificio dell’FBI. Video del 12 ottobre 2022
Next articleL’ARDUO PERCORSO VERSO LA VITTORIA. UNITI ABBIAMO GIA’ VINTO | Raccolta fondi di ottobre
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.