Quantcast
Database Italia

Cremlino: “La Russia ha informazioni su Navalny, La CIA gli invia istruzioni”

MOSCA – Il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov giovedì ha dichiarato che Mosca ha informazioni ceete che la figura dell’opposizione russa Alexei Navalny sta collaborando con la CIA (Central Intelligence Agency) degli Stati Uniti. La dichiarazione bomba arriva poche ore dopo che il politico dell’opposizione russa, attualmente in Germania, ha affermato che dietro il suo avvelenamento si nasconda il presidente Vladimir Putin, ha riferito Sputnik.

“Sì, abbiamo queste informazioni, posso anche essere più specifico: oggi lo staff della CIA lavora con lui. Non è la prima volta che riceve istruzioni “, ha detto Peskov ai giornalisti.

Il portavoce ha anche sottolineato che per quanto riguarda le accuse di Navalny contro il presidente Putin, fanno acqua da tutte le parti.

“Riteniamo che tali accuse contro il presidente russo siano assolutamente infondate e inaccettabili. Inoltre, consideriamo alcune delle affermazioni nel suddetto articolo offensive, estremamente offensive e inaccettabili. Vogliamo indagare sul caso con il paziente di Berlino e determinare le ragioni di quanto accaduto. Per fare ciò, abbiamo bisogno di ottenere le informazioni da coloro che hanno trovato tracce dell’avvelenamento nell’analisi “, ha aggiunto Peskov.

Il mese scorso, Putin ha detto al suo omologo francese Emmanuel Macron durante una conversazione telefonica che le accuse infondate contro Mosca riguardo alla situazione intorno a Navalny erano inaccettabili e che la Germania aveva bisogno di condividere le prove con la Russia in modo che la situazione potesse essere chiarita.

In precedenza, Mosca aveva affermato che i medici russi non avevano trovato sostanze tossiche nel sistema di Navalny prima che fosse trasportato in Germania, aggiungendo che Berlino non aveva fornito prove a sostegno delle sue affermazioni secondo cui le condizioni di Navalny erano il risultato dell’avvelenamento da parte di un agente nervino di livello militare del gruppo Novichok.

La Russia ha sottolineato di non aver prodotto alcuna sostanza del gruppo Novichok da quando l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha verificato la distruzione delle scorte di armi chimiche del paese all’inizio degli anni ’90.

Navalny si ammalò gravemente durante un volo dalla Siberia a Mosca il 20 agosto. Fu quindi ricoverato in un ospedale nella città siberiana di Omsk, dove medici russi intrapresero una lotta ininterrotta per la sua vita, entrò in coma mantenuto da un ventilatore polmonare artificiale. Due giorni dopo, Navalny è stato trasportato alla clinica Charite con sede a Berlino per ulteriori cure.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.