Database Italia

Crisi del Montenegro – La miccia per l’avvio di un conflitto globale

Durante le estenuanti guerre che hanno devastato l’ex Jugoslavia negli anni ’90, il Montenegro è stato probabilmente fortunato in confronto a paesi come la Bosnia, la Croazia e il Kosovo. Mentre è stato bombardato più volte durante gli attacchi aerei della NATO, il Montenegro non ha subito la distruzione di massa, la pulizia etnica e la crisi dei rifugiati come è successo invece per i suoi vicini. Il paese è stato fortunato ad evitare conflitti religiosi questo grazie ad un alto grado di tolleranza e diversità religiosa profilatasi nel corso della sua storia. Tuttavia, nel 2020 sembra che la fortuna sia finita. È possibile che una guerra civile stia incombendo nel paese delle montagne nere. Un conflitto che ha il potenziale per trasformarsi in un conflitto internazionale.

Dopo il raffreddamento delle ostilità nell’ex Jugoslavia, il paese costiero del Montenegro si è sviluppato in una destinazione idilliaca per i ricchi e famosi. I montenegrini sono orgogliosi di mostrare luoghi come Porto Montenegro, dove i miliardari russi ormeggiano i loro megayacht o l’isola di Sveti Stefan, dove Robert De Niro ha aperto una filiale dei ristoranti Nobu Sushi. Ma quest’anno, l’idilliaca reputazione del Montengro è stata distrutta da una serie di incidenti inquietanti che ruotano attorno al presidente Milo Djukanovic.

Milo Djukanovic sembra essere uno dei dittatori meno noti d’Europa ed era un caro amico del presidente serbo Slobodan Milosevic. Dal 1991, Djukanovic governa il Montenegro in modo intercambiabile come presidente e primo ministro da 29 anni come capo di uno stato autoritario. Nel 2010, la sua ricchezza stimata in 13 milioni di € gli è valsa un posto tra i venti leader mondiali più ricchi secondo il quotidiano britannico The Independent . È noto per avere legami con la mafia montenegrina e il commercio internazionale di contrabbando di sigarette che ha un giro di diversi miliardi di dollari all’anno. Nel 2015, la rete di giornalisti investigativi OCCRP ha nominato Milo Djukanovic “Person of the Year in Organized Crime”.

Alla fine del 2019, il regime di Djukanovic ha adottato la “Legge sulla libertà di religione o di credo e lo status giuridico delle comunità religiose” che trasferisce la proprietà degli edifici e delle proprietà della chiesa dalla chiesa ortodossa serba in Montenegro. Questa controversa legge ha scatenato varie proteste pacifiche che hanno visto migliaia uscire per le strade e molte delle strette strade attraverso il Montenegro montagnoso sono state bloccate. Descritte come alcune delle più grandi proteste nella storia del Montenegro, presto hanno incontrato violente repressioni della polizia che hanno visto i manifestanti, i giornalisti e il clero picchiati e arrestati.

La diffusione della pandemia di Coronavirus ha offerto ampie opportunità per un divieto generale su tutti gli incontri pubblici in Montenegro. Man mano che le proteste sono state sedate, le autoritàhanno iniziato ad arrestare chierici di alto profilo della Chiesa ortodossa serba con l’accusa di pianificare incontri pubblici. Ciò ha portato ironicamente ad ulteriori proteste che sono state estinte con ulteriore violenza da parte delle autorità che per avere mano libera hanno usato come scusa un aumento dei casi di Covid-19 in Montenegro. La rabbia sta ancora ribollendo nonostante il blocco. La polizia locale sta monitorando i social media e ha convocato molti attivisti per essere interrogati, anche per semplici post di protesta su Facebook. Il presidente Đukanović di tutti questi disordini cosa pensa? Ha definito senza mezzi termini tutti i partecipanti alle svariate manifestazioni tenute nel paese: “un movimento di lunatici” .

Nel peggiore dei casi, la crisi del Montenegro degenererà in un conflitto armato aperto tra i fedeli a Djukanovic e quelli contro di lui. Sin dalle guerre jugoslave, i Balcani sono stati inondati da milioni di armi di livello militare non dichiarate di proprietà privata. Solo una manciata di queste armi di contrabbando, in particolare i fucili d’assalto Zastava M70, erano responsabili della carneficina scatenata in vari attacchi terroristici a Parigi nel 2015. Nel 2017, gunpolicy.org ha stimato che ci sarebbero circa 245.000 armi legali e illegali nelle mani di civili in Montenegro. Allarma sapere che, le armi nelle mani della polizia e dei militari del Montenegro messe insieme arrivano ad un totale 13.396 armi da fuoco.

La sposa spara colpi di pistola in aria durante un matrimonio etnico albanese nel sud del Montenegro.

Le statistiche predicono che anche con il leale sostegno della polizia e delle forze armate, il regime di Djukanovic avrebbe difficoltà a sconfiggere un’insurrezione armata. Ma nonostante la sua impopolarità tra la sua gente, Djukanovic ha alcuni potenti amici che desiderano vederlo rimanere al potere, ma allo stesso modo potenti nemici che desiderano vederlo estromesso. 

Nel 2017 il Montenegro ha aderito con successo alla NATO. Un sondaggio del CISR del 2017 ha mostrato che oltre il 50% della popolazione del paese intervistata era contraria all’appartenenza del paese alla NATO e considerava il suo impatto complessivo sul mondo come negativo. La maggior parte degli intervistati ha anche visto se stessa culturalmente più vicina alla Russia che all’UE, dando un parere positivo su Vladimir Putin. Alla domanda di approfondire i benefici di eventuali forti relazioni con la Russia, nella maggior parte dei casi la risposta è legata al fatto che i montenegrini considerano i russi come i loro fratelli ortodossi, i loro protettori nel corso della storia e come l’unico potere che può “resistere all’Occidente”.

Diventare Membro Della NATO Renderà Il Montenegro Un Obiettivo Legittimo Dei Missili Russi.

Il deputato russo Mikhail Degtyarev del nazionalista LDPR, maggio 2014.

Nel caso in cui scoppiasse un conflitto armato, tra l’opposizione in gran parte serba al regime di Djukanovic, potremmo aspettarci di vedere una forza di mantenimento della pace della NATO schierata nel paese, cosa che la maggior parte della popolazione non accetterebbe. Tra i serbi, la NATO è in gran parte disprezzata dopo la campagna di bombardamenti sulla Serbia durante la crisi del Kosovo nel 1999. In caso di confronto armato tra NATO e ribelli anti-Djukanovic, c’è un’alta possibilità che la Serbia dispieghi forze militari al fine di proteggere le etnie serbe o per lo meno, forze nazionaliste serbe irregolari che entrano in Montenegro con lo stesso obiettivo ideologico. 

È qui che arriva la Russia. Nel 2016 la Russia è stata accusata di tentare di rovesciare il regime di Djukanovic attraverso un violento colpo di stato che ha cospirato per impadronirsi del parlamento durante le elezioni parlamentari di ottobre. Con l’obiettivo di assassinare Milo Đukanović e installare un governo filo-russo per fermare l’adesione del Montenegro alla NATO. Il colpo di stato è stato sventato all’ultimo minuto e la Russia ha successivamente negato il coinvolgimento. 14 persone, tra cui due ufficiali dell’intelligence militare russa, due leader dell’opposizione montenegrina, nove cittadini serbi sono stati giudicati colpevoli del colpo di stato da un tribunale montenegrino nel 2019.

Un sospetto viene arrestato dopo il tentativo di colpo di stato nel 2016.

Come due paesi ortodossi, la Russia e la Serbia hanno uno stretto legame culturale e ideologico che risale a secoli fa. Negli anni ’90, la Russia post-sovietica era debole e piena di corruzione diffusa e conflitti interni nel Caucaso settentrionale. Pertanto non fu in grado di fornire assistenza militare ai loro alleati serbi durante le guerre jugoslave. Alcune centinaia di mercenari russi, tuttavia, formarono quella che divenne nota come “Unità di volontariato russa” e assistette l’Esercito della Republika Srpska (VRS) durante la guerra in Bosnia. La mancanza di supporto militare per i loro fratelli serbi ortodossi nei Balcani, in particolare alla fine degli anni ’90, quando la Serbia fu attaccata direttamente dalla NATO e costretta ad arrendersi in Kosovo, è fonte di vergogna per molti russi. La Russia moderna non è più un paese debole ed è ora una formidabile forza di combattimento. È improbabile che perderanno l’occasione di difendere i serbi ortodossi dall’aggressione della NATO in una rinnovata guerra nel tentativo di riguadagnare l’onore che sentivano di aver perso negli anni ’90. Sia attraverso il conflitto diretto sia attraverso i metodi di guerra per procura come visto nel conflitto nell’Ucraina orientale.

Il Montenegro ha una storia di sovrani lunghi. Il re Nicola I, il cui ritratto è appeso nell’ufficio di Djukanovic, governò il paese per 58 anni fino a quando fu deposto. Sembra che Milo Djukanovic abbia avuto una buona corsa. Nella storia, le violente repressioni quando i manifestanti rappresentano la maggioranza di una popolazione pesantemente armata non sono mai finite bene per il responsabile. Spero che questa crisi si concluda senza ulteriori spargimenti di sangue. Altrimenti, potremmo vedere scoppiare il prossimo conflitto globale nella terra delle montagne nere.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.