Coronavirus

CROLLA IL CASTELLO DI CARTE. UN TEAM GLOBALE DI ESPERTI CHIEDE IL RITIRO DEI TEST PCR. ECCO I 10 DIFETTI RISCONTRATI

La notizia è che da oggi non si potrà più dire che i test PCR sono affidabili. Nessun utilizzo da parte dello Stato o delle ASL può e deve essere considerato valido per giustificare un confinamento in isolamento forzato. In barba e con buona pace di tutti coloro che si sono affannati in queste settimane in improbabili quanto ridicoli fact checking nei confronti Database Italia, il Dottor Stefano Scoglio e Matteo Martini. Continuano ad arrivare conferme ed evidenze scientifiche ma la cosa più grave è che è proprio sui risultati di questo test (PCR) che si basa tutto il castello di carte della pandemia di coronavirus

La supremazia dei test PCR sotto la quale tutti ora viviamo ha ricevuto un altro colpo schiacciante. Una revisione tra pari di un gruppo di 22 esperti internazionali ha rilevato 10 “principali difetti” nel protocollo principale per tali test. Il rapporto smantella sistematicamente lo studio originale, chiamato documento Corman-Drosten, che descrive un protocollo per applicare la tecnica PCR alla rilevazione di Covid.

Il documento Corman-Drosten è stato pubblicato il 23 gennaio 2020, appena un giorno dopo essere stato presentato, il che renderebbe qualsiasi processo di revisione tra pari forse il più breve nella storia. Ciò che è importante è che il protocollo che descrive viene utilizzato in circa il 70% dei kit Covid in tutto il mondo. È economico, veloce e assolutamente inutile.

I 10 peccati capitali

Tra i difetti fatali che invalidano totalmente il protocollo di test PCR vi sono che il test:

  • non è specifico, a causa di un disegno errato del primer
  • è enormemente variabile
  • non può discriminare tra l’intero virus e frammenti virali
  • non ha controlli positivi o negativi
  • non ha una procedura operativa standard
  • non sembra essere stato adeguatamente sottoposto a peer review

 Ma il peggio deve arrivare. Come è stato notato in precedenza , non è mai stata identificata alcuna soglia di positività. Questo è il motivo per cui i laboratori hanno eseguito 40 cicli, garantendo quasi un gran numero di falsi positivi, fino al 97%, secondo alcuni studi.

La ciliegina sulla torta, tuttavia, è che tra gli stessi autori dell’articolo originale, almeno quattro hanno gravi conflitti di interesse. Due di loro sono membri del comitato editoriale di Eurosurveillance, la rivista dal nome sinistro che ha pubblicato il documento. E almeno tre di loro sono sul libro paga delle prime aziende a eseguire i test PCR!

Eroi che ci meritiamo

I 22 membri del consorzio che ha sfidato questa scienza scadente meritano un enorme credito. Gli scienziati, provenienti da Europa, Stati Uniti e Giappone, comprendono genetisti molecolari senior, biochimici, immunologi e microbiologi, con molti decenni di esperienza tra loro.

Hanno chiesto a Eurosurveillance di ritirare il documento Corman-Drosten, scrivendo: “ Considerando le imperfezioni scientifiche e metodologiche presentate qui, siamo fiduciosi che il comitato editoriale di Eurosurveillance non abbia altra scelta che ritirare la pubblicazione. ” Parla di mettere pressione.

È difficile sopravvalutare le implicazioni di questa rivelazione. Ogni singola cosa dell’ortodossia Covid si basa sui “numeri di caso”, che sono in gran parte i risultati dei test PCR ormai diffusi. Se i loro risultati sono essenzialmente privi di significato, allora tutto ciò che ci viene detto – e ordinato da governi sempre più dittatoriali – è probabile che non sia corretto. Ad esempio, uno degli autori della recensione è il dottor Mike Yeadon, il quale afferma che, nel Regno Unito, non esiste una “seconda ondata” e che la pandemia è finita da giugno. Avendo visto i test PCR smentiti in modo così inequivocabile, è difficile vedere prove contrarie. 

Il castello di carte crolla

Perché questo documento è stato pubblicato di corsa in gennaio, nonostante chiaramente non soddisfacesse gli standard adeguati? Perché nessuno dei controlli e degli equilibri intesi a prevenire la cattiva scienza che impone la politica pubblica è entrato in azione? E perché c’è voluto così tanto tempo perché qualcuno nella comunità scientifica sfidasse la sua metodologia difettosa? Queste domande portano a oscure ruminazioni, che risparmierò per un altro giorno.

Ancora più urgente è la domanda su cosa si farà adesso. Le persone responsabili della scrittura e della pubblicazione del giornale devono essere ritenute responsabili. Ma anche tutti i test PCR basati sul protocollo Corman-Drosten dovrebbero essere interrotti con effetto immediato. Tutti coloro che sono i cosiddetti attuali “casi Covid”, diagnosticati in base a quel protocollo, dovrebbero essere informati che non devono più isolarsi. Tutti i decessi, i casi e i “tassi di infezione” presenti e precedenti di Covid dovrebbero essere soggetti a una massiccia indagine retroattiva. Inoltre, blocchi, arresti e altre restrizioni dovrebbero essere rivisti e allentati con urgenza.

Perché questo ultimo colpo ai test PCR aumenta la probabilità che non stiamo sopportando una pandemia di virus killer, ma una pseudo-epidemia falsa positiva. Sulla base dei quali stiamo distruggendo le nostre economie, distruggendo i mezzi di sussistenza delle persone e causando più morti di quanto il Covid-19 potrà mai fare.

Ti andrebbe di contribuire?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

Per effettuare una donazione clicca QUI, verrai reindirizzato sulla pagina per il pagamento sicuro di Paypal. Grazie!

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!