Quantcast
Database Italia

DA DAVOS LA MASCHERINA SMART DI BILL GATES: FERMARLI PRIMA CHE SIA PER SEMPRE

La promozione da parte del WEF di una “mascherina facciale intelligente” cinese che tiene traccia di ogni respiro di chi la indossa è un’ulteriore prova che i cambiamenti nella società occidentale negli ultimi 12 mesi di Covid sono destinati a essere permanenti.

“È solo per quando entri al supermercato per fare la spesa settimanale, qual è il tuo problema, libertario egoista di” destra “?” È così che la scorsa estate ci è stata venduta l’introduzione delle mascherine facciali obbligatorie, con la sua virtù che segnala i sostenitori: “Guardami, sono un buon cittadino “ .   

Le mascherine sarebbero state temporanee – limitate ai negozi – e non appena fosse passata la minaccia Covid sarebbero state eliminate, come l’allontanamento sociale. Chiunque abbia affermato che queste misure erano progettate per essere permanenti – e facevano parte del piano dell’élite globale per tenere la plebe con la museruola per sempre – è stato liquidato come un “pazzo” e “un teorico della cospirazione”.

Bene, nove mesi dopo, e dove siamo?

Il governo del Regno Unito ha emesso una “road map” per portare gli inglesi fuori da lockdown, con la velocità di una tartaruga delle Galapagos di 150 anni . Ma non si parla di quando le mascherine e le distanze sociali saranno eliminate.

Potrebbe essere perché non si intende rinunciare a maschere e allontanamento sociale? Certamente sembra così.

Dallo scorso luglio, abbiamo visto ampliarsi l’obbligo per le mascherine. Ora ti viene chiesto di indossarle non solo nei negozi, ma in tutte le aree interne, a meno che tu non sia esente. Anche i bambini in età scolare devono indossarle in classe. Quella decisione avrebbe dovuto essere rivista e, indovinate un po ‘, il governo inglese ha appena esteso il mandato della maschera scolastica fino all’estate. Inoltre, ci si aspetta che gli appassionati di calcio indossino mascherine quando finalmente saranno autorizzati a rientrare nel campo questa primavera in occasione di eventi di “prova”.

“Seguendo la scienza”? Difficilmente. Non dobbiamo dimenticare che nella settimana in cui le maschere sono state introdotte per la prima volta l’estate scorsa, le morti con Covid hanno letteralmente raggiunto lo zero.

Deborah Cohen, corrispondente per la salute della BBC, ha chiesto all’Organizzazione mondiale della sanità se il loro cambio di consiglio sulle mascherine fosse dovuto a pressioni politiche, e non hanno negato.

Perché, se le mascherine erano così importanti per prevenire la trasmissione, non ci è stato detto di indossarle lo scorso marzo e aprile? In effetti, gli scienziati del governo ci hanno consigliato di non indossarle.

Ora, sembra che non solo dobbiamo indossarle, ma dobbiamo abituarci a farli diventare una parte permanente della vita quotidiana nel “Nuovo Anormale“. Nel loro recente documento , ‘Valutazioni Road Map di Lockdown’, pubblicato sul sito web del governo del Regno Unito, la squadra di risposta al Covid-19 dell’Imperial College dice:  sarà fondamentale sottolineare l’importanza di normalizzare e garantire l’aderenza a tutte le misure anche dopo aver raggiunto il “pieno sollevamento”. ” Capito? Le maschere devono rimanere anche dopo che Boris Johnson dirà “Lockdown is over”.

Ricordo quando pubblicammo questo articolo. Alcuni capirono, altri si preoccuparono, la maggioranza si fece una risata relegando questo testo nelle tesi complottistiche, eppure si è verificato TUTTO anche peggio di come era descritto, care piccole rane bollite. Ora rileggendolo, gli stessi che trovavano assurde quelle parole (Ebbene si! Ho voluto fare una prova), hanno affermato: “Eh vabbè, ma si sapeva”…

È in questo contesto che va vista l’entusiasta promozione della “maschera facciale intelligente” da parte del World Economic Forum (WEF) . Apparentemente ricorda agli utenti quando lavarlo e controlla se lo indossano correttamente. Se all’interno si accumula troppa anidride carbonica, un avviso telefonico ricorda a chi lo indossa di prendere qualche boccata d’aria fresca. Se l’utente si dimentica di indossarla, la stessa app del telefono invia un promemoria.

Non si tratta di salute pubblica, ma di assicurarsi che le misure introdotte apparentemente per fermare la diffusione del Covid-19 diventino permanenti. Sì, ancora una volta i tanto derisi “teorici della cospirazione folli” del 2020 hanno avuto ragione. 

Ricordi come la scorsa estate il WEF stava promuovendo un programma di passaporti sanitari “Common Pass”, non solo per i viaggi internazionali ma anche per l’accesso agli eventi nazionali? Non sarebbe mai successo, ci è stato detto. Quella è “roba di David Icke”, è stata la condiscendente spazzatura. Ebbene, anche questo è passato senza troppi giochi di parole.

Per scoprire perché tutto questo sta accadendo, tutto ciò che dobbiamo fare è seguire la scia del denaro. Fino a Davos. Cosa ha in comune la maschera pro-permanente Imperial College con la maschera pro-permanente WEF? Risposta: la maschera pro-permanente Bill Gates.

Il mese scorso, lo stesso Gates ha paragonato indossare una mascherina per il viso a indossare un paio di pantaloni. “Non credo che indossare una maschera sia un inconveniente così profondo. Voglio dire, chiediamo alle persone di indossare i pantaloni. Sai, perché è stato politicizzato? ” A novembre, ha fatto lo stesso confronto . “Ti chiediamo di indossare pantaloni e, sai, nessun americano dice – o pochissimi americani dicono – che è qualcosa di terribile.”

Ma mascherarsi ogni volta che usciamo è davvero la stessa cosa che mettersi un paio di pantaloni?

Certo che non lo è. A meno che tu non sia Batman, o un altro supereroe del cinema o addirittura un rapinatore di banche, indossare una maschera in pubblico non è normale, e nessuna quantità di spot a rotazione del WEF lo renderà così. Ma quello che fa camminare con pezzi di stoffa nera sulla bocca e sul naso è mantenere i livelli di paura nella comunità. 

Se i casi e i decessi con Covid sono precipitati a zero, ma vogliamo far vivere le persone come se ci fosse una pandemia permanente, mantenere il controllo su di loro e introdurre la “ certificazione Covid ” per limitare dove possono e non possono andare, come altrimenti possiamo continuare a far funzionare Project Fear senza maschere? È l’unico modo per sapere che non erano tempi “normali”. Che è, ovviamente, precisamente il motivo per cui sono stati introdotti quando le morti si erano ridotte a numeri molto bassi.  

Maschere intelligenti? La cosa davvero intelligente è approfondire l’agenda distopica del WEF.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.