Bersaglio MobileCoronavirusScienza e Tecnologia

DATI ISS COVID: MORTI VACCINATI SUPERANO NON VACCINATI. 55 % di Decessi tra chi ha ricevuto Sieri in Italia

Le statistiche sono importanti almeno quanto la lettura interpretativa che si fa di esse. Ecco perché gli ultimi dati diffusi dall’Istituto Superiore della Sanità di Roma (rapporto del 17 novembre pubblicato il 19 novembre) in relazione a contagi, ospedalizzazioni e decessi da Covid-19 nell’ultimo mese in Italia si possono prestare ad un’analisi differente.

Un organo di comunicazione può leggerli attraverso una lente colorata di narrativa Pro Vax e fare un titolo come quello pubblicato da RAI News, la tv nazionale controllata dal governo: “Iss, in un mese il 64% dei ricoveri in terapie intensive e il 45% dei morti sono tra non vaccinati”.

Oppure si può riflettere un attimo sugli stessi numeri e presentarli nel modo diametralmente opposto: il 55 % dei decessi sono tra i vaccinati. Se la matematica non è diventata improvvisamente un’opinione questo è il vero dato allarmante della ricerca che ora riportiamo nel dettaglio attingendo proprio dall’articolo di RAI News.

Articoli correlati

«Nel periodo 8/10/2021 -7/11/2021, rileva l’Iss, nelle terapie intensive si registrano 424 persone non vaccinate su un totale di circa 8 milioni di non immunizzati in Italia, e sono presenti 177 ricoverati vaccinati completi da meno di 6 mesi su 39 milioni di vaccinati completi. Negli ultimi 30 giorni, si legge nel Report esteso, sono stati notificati 50.564 casi di Covid-19 (39,9%) fra i non vaccinati, 3.980 casi (3.1%) fra i vaccinati con ciclo incompleto, 60.407 casi (47,7%) fra i vaccinati con ciclo completo entro sei mesi, 11.215 (8,9%) fra i vaccinati con ciclo completo da oltre sei mesi e 537 casi (0,4%) fra i vaccinati con ciclo completo con dose aggiuntiva/booster».

In merito a tali valutazione è dovere ricordare che i numeri dei contagi, nella stragrande maggioranza dei casi ansintomatici,  si evincono grazie a tamponi RT-PCR che oltre ad essere costosi, facendo la fortuna di alcune multinazionali dei test diagnostici medici, sono stati ritenuti inaffidabili dalla Corte d’Appello di Lisbona, forte di varie ricerche scientifiche, e dagli stessi CDC (Centers of Disease Control and Prevention) che negli Usa hanno ordinato il ritiro dell’autorizzazione di emergenza FDA dopo la causa depositata da alcuni medici e vittime di danni vaccinali in riferimento alle alterazioni degli stessi. 

Ma proseguiamo con l’analisi dei dati forniti dall’Istituto Superiore della Sanità di Roma.

«Il 51,0% delle ospedalizzazioni, il 64,0% dei ricoveri in terapia intensiva e il 45,3% dei decessi sono avvenuti tra coloro che non hanno ricevuto alcuna dose di vaccino. Ricoverati in terapia intensiva, di contro, si registra 14 casi  (2,1%) trai vaccinati con ciclo incompleto; 177 casi (26,7%) tra vaccinati con ciclo completo entro 6 mesi; 45 casi (6,8%) tra vaccinati con ciclo completo da più di 6 mesi e 2 casi  (0,3%) tra vaccinati con ciclo completo più dose aggiuntiva/booster».

Proprio in relazione alla voce più preoccupante, ovvero i decessi, il dato viene buttato lì senza dettagli di numeri da RAI News che ovviamente omette di dire una lapalissiana certezza: se il 45 % dei decessi sono avvenuti tra i non vaccinati è facile arguire che il 55 % si è verificato con vaccinati, completi o incompleti che fossero. Questa tragica evidenza, che potrebbe confermare il flop dei vaccini nel processo di protezione immunitaria e di prevenzione da gravi conseguenze dall’infezione da Sars-Cov-2 viene diffusa senza la minima attenzione alla portata di essa, onde evitare polemiche.

Abbiamo infatti recuperato la tabella riepilogativa pubblicata dallo studio dell’Istituto Superiore della Sanità da cui si evince che il totale di decessi attribuiti al Covid-19 nel mese preso in esame (aggiornato al 24 ottobre) rivela 384 deceduti tra “non vaccinati” e ben 463 tra quelli vaccinati: tra essi 19 con ciclo incompleto, 309 con ciclo completato negli ultimi 6 mesi, e 135 terminato da oltre 6 mesi. Non ne risulta nessuno tra quelli con “booster” per il semplice motivo che la terza dose era stata ancora somministrata nel periodo di analisi. (continua a leggere dati…)

I DATI SUI DECESSI DEI VACCINATI QUI NEL REPORTAGE DI GOSPA NEWS

Fabio G. C. Carisio

Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani.https://gospanews.net

Articoli correlati

1 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Max

Invece senza la lente pro vax, si potrebbe pubblicare un articolo con delle percentuali sui decessi di vaccinati e non vaccinati senza far riferimento al fatto che l’80% degli italiani adulti sono vaccinati, quindi l’incidenza delle morti è molto più alta sui non vaccinati.

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito.

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!