Quantcast
Database Italia

ARRIVA LA DECISIONE ALL’OLD BAILEY DI LONDRA: ASSANGE NON SARÀ ESTRADATO NEGLI USA

LONDRA – Lunedì il giudice britannico si è pronunciato contro l’estradizione di Julian Assange negli Stati Uniti, concedendo al fondatore di WikiLeaks un’importante vittoria contro le autorità statunitensi che lo hanno accusato di aver cospirato per hackerare i computer del governo e di violare l’Espionage Act con il rilascio di comunicazioni nel 2010 e nel 2011.

Assange, 49 anni, è stato incriminato nel 2019 con 17 capi di imputazione per violazione della legge sullo spionaggio per il suo ruolo nell’ottenere e pubblicare documenti militari e diplomatici segreti, atti che potrebbero portare a una condanna fino a 175 anni di carcere se fosse ritenuto colpevole. Oltre che al pagamento di tutte le spese. È stato anche incriminato per aver violato il Computers Fraud and Abuse Act, portando il totale delle accuse a 18.

Il giudice, Vanessa Baraitser della Corte dei magistrati di Westminster, ha affermato nella sentenza di lunedì di essere soddisfatta che le autorità americane abbiano portato avanti il ​​caso “in buona fede”. Ma ha detto che ci sono le prove di un rischio per la salute di Assange se dovesse affrontare un processo negli Stati Uniti, osservando che è comprovato ” Il rischio di Assange di suicidarsi, se dovesse essere emesso un ordine di estradizione “.

La sentenza di lunedì alla Corte penale centrale di Londra, nota come Old Bailey, è stata un punto di svolta importante in una lotta legale che dura da più di un decennio. Ma quella battaglia potrebbe trascinarsi per almeno diversi mesi o anche un altro anno, poiché  i pubblici ministeri statunitensi presenteranno appello contro la decisione. Le autorità hanno 15 giorni per presentare ricorso.

Una folla di sostenitori riuniti fuori dal tribunale nel centro di Londra è esplosa in applausi quando è stato emesso il verdetto.

Durante l’udienza di estradizione, iniziata a febbraio ma rinviata a causa della pandemia di coronavirus, gli avvocati che rappresentano gli Stati Uniti hanno sostenuto che Assange aveva ottenuto illegalmente archivi di documenti segreti e che aveva messo a rischio vite umane rivelando i nomi di persone che avevano fornito informazioni agli Stati Uniti in luoghi pericolosi come le zone di guerra.

“La cronaca o il giornalismo non sono una scusa per attività criminali o una licenza per infrangere le leggi penali ordinarie”, ha detto l’anno scorso alla corte James Lewis, un avvocato che rappresenta il governo degli Stati Uniti.

Gli avvocati di Assange hanno definito l’accusa come una guerra dichiarata contro gli informatori che presto potrebbe includere giornalisti ed editori.

“Il rischio più grande per lui negli Stati Uniti è che non dovrà affrontare un processo equo”, ha detto Greg Barns, avvocato australiano e consigliere di Assange. “Quindi potrebbe passare il resto della sua vita in prigione, in isolamento, trattato in modo crudele e arbitrario”.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.