Home Deep State Dentro la stazione di polizia segreta cinese a NEW YORK

Dentro la stazione di polizia segreta cinese a NEW YORK

0

Diamo un’occhiata all’interno della stazione di polizia segreta cinese a New York. 36 di queste stazioni sono operative in 16 nazioni europee.

Per trovare e catturare dissidenti, la Cina ha istituito numerose stazioni di polizia segrete in tutto il mondo, inclusa una a New York City.

Secondo un recente rapporto dell’organizzazione per i diritti umani Safeguard Defenders, il Partito Comunista Cinese (PCC) gestisce almeno 54 “stazioni di polizia all’estero” in 30 nazioni diverse, compresa l’Italia, come riportato da Database Italia questa settimana.

Come riporta il sito di notizie in lingua cinese FJSEN , la stazione di New York, che si trova sulla East Broadway tra Chinatown e il Lower East Side, ha aperto ufficialmente il 15 febbraio.

Quando il Daily Mail ha visitato l’ufficio, che si trovava sopra ad un ristorante di ramen e adiacente a un agopuntore, l’addetto alla reception è rimasto scioccato nell’apprendere che si trattava di una stazione di polizia segreta.

Era chiusa e la gente del posto ha affermato che è aperta raramente.

La sede di New York, come molte altre in tutto il mondo, è commercializzata come un luogo per aiutare i cittadini cinesi a districarsi attraverso la burocrazia.

La Cina ha affermato che dall’inizio del programma nell’aprile 2021, ha “persuaso” 230.000 cittadini cinesi a tornare nel paese.

Nonostante l’affermazione del PCC secondo cui le stazioni avrebbero lo scopo di monitorare “frodi e truffe telefoniche” commesse da cinesi residenti all’estero, il gruppo per i diritti umani ha criticato le funzioni di tali stazioni.

Laura Harth, responsabile della campagna per Safeguard Defenders, ha affermato che è allarmante scoprire che la Cina sta conducendo operazioni di polizia in altre nazioni.

“Penso che dimostri quanto sta diventando sfacciato il PCC e quanta poca considerazione abbia per gli altri governi”, ha detto a Fox News . “Viola il diritto internazionale, viola la sovranità territoriale”.

Dentro la stazione di polizia segreta cinese a NEW YORK 2
La stazione della polizia segreta di New York si trova sopra un negozio di ramen situato a East Broadway tra Chinatown e il Lower East Side ed è stata aperta il 15 febbraio
Dentro la stazione di polizia segreta cinese a NEW YORK 3
Nella foto: funzionari cinesi che operano all’interno della loro stazione di polizia a New York City. È uno degli almeno 54 attivi in ​​tutto il mondo e l’unico noto per operare negli Stati Uniti
Dentro la stazione di polizia segreta cinese a NEW YORK 4
Molte delle stazioni sono aperte nell’Europa occidentale, con solo quattro in Nord America
Dentro la stazione di polizia segreta cinese a NEW YORK 5
Dall’apertura della stazione nell’aprile 2021, il governo cinese ha affermato di aver convinto 230.000 cittadini cinesi a tornare a casa

Poco è registrato sulla stazione di New York, che sembra essere nascosta in bella vista nel vivace quartiere di Chinatown della città.

In tutto il mondo ci sono altre stazioni che operano di nascosto, spesso all’interno di ristoranti o minimarket cinesi.

Secondo il Telegraph , una delle due stazioni di Londra è autorizzata come agenzia immobiliare e quella di Glasgow è ospitata all’interno di un ristorante cinese.

Secondo Harth, la Cina sta utilizzando lo strumento per trovare dissidenti ed esortarli a tornare nel loro paese d’origine.

L’organizzazione senza scopo di lucro ha descritto casi in cui le famiglie hanno chiesto agli stranieri di persuadere una persona cara a tornare in Cina.

Secondo Safeguard Defenders, il PCC stava minacciando di danneggiare le famiglie dei cittadini se non fossero tornati.

“Niente sembra essere troppo impressionante o troppo duro”, ha detto Harth. “Questo è un messaggio chiaro a chiunque cerchi di lasciare la Cina, o ha già lasciato la Cina: che non sei al sicuro da nessuna parte”.

Secondo il report, la Cina dovrebbe ampliare il suo programma in tutto il mondo.

Oltre all’elenco delle stazioni di polizia, Safeguard Defenders ha sottolineato che la Cina ha classificato nove paesi asiatici come “proibiti” e ha chiesto a tutti i cittadini di tornare immediatamente.

Tra i paesi coinvolti ci sono Turchia, Emirati Arabi Uniti, Myanmar, Thailandia, Laos, Cambogia, Malesia, Filippine e Indonesia.

Il proprietario di un ristorante cinese in Cambogia è stato costretto a tornare in Cina dopo che le autorità hanno minacciato di prendersela con la madre se non lo avesse fatto.

Secondo Safeguard Defenders, ci sono stati numerosi casi in cui la polizia ha visitato le case di sospetti di “frode” e ha dipinto su di esse le parole “vergognosa frode”.

36 di queste stazioni sono operative in 16 nazioni europee.

Secondo l’organizzazione no-profit, alcune sono state scoperte mentre assistono la polizia cinese nello svolgimento a distanza di “sessioni di persuasione”.

Un individuo ricercato in Cina per contaminazione ambientale è stato individuato in una stazione di Madrid.

È stato costretto a sedersi per una video chat con i pubblici ministeri cinesi e i funzionari della pubblica sicurezza e un membro della famiglia è stato invitato a sedersi accanto alle autorità cinesi per tutta la sessione.

Le autorità hanno minacciano di togliere l’elettricità alle case dei familiari o hanno limitato l’accesso dei familiari alle scuole in altri casi di ricatto.

Previous articleVIDEO | Il premier britannico Liz Truss: “Sono una grande sionista”
Next articleIn pochi mesi, l’efficacia del “vaccino” COVID di Moderna si trasforma in MALATTIA AUTOIMMUNE