Database Italia

“DICHIARARE IL SESSO ALLA NASCITA E’ OFFENSIVO PER I TRANSGENDER. ” ARTICOLO SHOCK DEL NEW ENGLAND JOURNAL OF MEDICINE CHE NE CHIEDE L’ABOLIZIONE

Un articolo pubblicato sul New England Journal of Medicine sostiene che avere certificati di nascita che mostrano il sesso potrebbe danneggiare “le persone intersessuali e transgender”, portando a preoccupazioni che il NEJM possa essere stato preso in giro o violato.
“Le designazioni di sesso sui certificati di nascita non offrono utilità clinica e possono essere dannose per le persone intersessuali e transgender”, afferma l’abstract dell’articolo, scritto dai dottori Vadim M. Shteyler e Eli Y. Adashi, e dall’avvocato Jessica A. Clarke, e twittato da NEJM giovedì.

“Spostare tali designazioni al di sotto della linea di demarcazione non comprometterebbe la funzione di salute pubblica del certificato di nascita, ma potrebbe evitare danni”, sostengono i tre nell’articolo, intitolato “Assegnazioni non riuscite” (Titolo originale: Failed Assignments) e pubblicato il 12 dicembre.

Mentre il resto dell’articolo è dietro il paywall di NEJM, il tweet è stato rapidamente valutato da un pubblico incredulo, chiedendosi se la bacheca Twitter fosse stata violata, o se l’articolo fosse uno scherzo di “Titania McGrath“, un famoso personaggio online, inventato da un comico britannico, dove esprime anche “lei” un commento online a riguardo.

Shteyler e Adashi sono affiliati alla Brown University di Providence, Rhode Island, mentre Clarke elenca come sua affiliazione la Vanderbilt University Law School a Nashville, nel Tennessee.

Risalente al 1812 e operante con il suo nome attuale dal 1928, il NEJM è la più antica rivista medica al mondo, ed è considerata una delle più prestigiose pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria negli Stati Uniti. Tuttavia, ciò non gli ha impedito di addentrarsi in acque politiche controverse. A ottobre, il giornale ha rilasciato un velato appoggio politico ai Democratici nelle prossime elezioni statunitensi, facendo eco ai punti di discussione di Joe Biden sulla pandemia Covid-19 senza fare alcun nome.

Alla fine di settembre, il NEJM ha pubblicato uno studio a favore delle vaccinazioni obbligatorie contro il Covid-19 sotto pena di perdita del lavoro o confinamento domiciliare, ma senza accuse penali in quanto “svantaggerebbero i poveri” e le minoranze.

Se ti piace quello che scriviamo su Database Italia per favore contribuisci con una donazione QUICi aiuterai ad andare avanti



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.