Database Italia

Disastro ambientale nel Circolo Polare Artico. Putin ordina lo stato di emergenza

20.000 tonnellate di diesel nell’ Ambarnaya Rivers

Vladimir Putin ha ordinato lo stato di emergenza dopo che 20.000 tonnellate di carburante sono state riversate in un fiume all’interno del circolo polare artico.

Di Davide Donateo

La fuoriuscita è avvenuta venerdì, quando un serbatoio di gasolio in una centrale elettrica vicino alla città di Norilsk è crollato.

L’impianto è gestito da una divisione di Nornickel, le cui fabbriche nell’area hanno reso la città uno dei luoghi più inquinati della Terra.

Durante una videoconferenza di mercoledì che è stata trasmessa in televisione, Putin ha ammonito il capo della filiale di Nornickel proprietaria della centrale elettrica, NTEK, dopo che i funzionari hanno dichiarato che la società non ha denunciato l’incidente.

“Perché le agenzie governative lo hanno scoperto solo due giorni dopo il fatto? Veniamo a conoscenza di situazioni di emergenza dai social media? Stai troppo bene laggiù? ” ha detto il presidente russo a Sergei Lipin, il capo di NTEK.

Nornickel afferma che NTEK ha riferito dell’incidente in modo “tempestivo e corretto”.

Il governatore della regione di Krasnoyarsk, dove si trova Norilsk, ha comunicato a Putin di aver appreso della situazione reale domenica dopo che “informazioni allarmanti sono apparse sui social media”.

Putin ha dichiarato immediatamente lo stato di emergenza nazionale per poter richiedere più risorse per lo sforzo di bonifica.

Il Russia’s investigative committee, che si occupa di gravi crimini, ha annunciato di aver avviato tre indagini penali sull’incidente e di aver arrestato un impiegato della centrale elettrica.

Alexei Knizhnikov del World Wildlife Fund, gruppo ambientalista, è stato quello che ha avvisato gli specialisti per la bonifica dopo aver confermato l’incidente attraverso le sue fonti. “I volumi di carburante sono enormi”, ha detto. ” non si capisce come abbiano fatto a coprire l’incidente.”

Il volume della fuoriuscita è notevolmente maggiore della fuoriuscita di Kerch del 2007, che ha coinvolto 5.000 tonnellate di petrolio, ha affermato Knizhnikov.

All’epoca la fuoriuscita nello stretto del Mar Nero era la più grande del suo genere per la Russia e richiedeva l’intervento dei militari e centinaia di volontari.

Knizhnikov ha affermato che il gasolio è più leggero del petrolio, quindi è probabile che evapori piuttosto che affondare, ma è “più tossico per la pulizia”.

Il fiume Ambarnaya che ha sopportato il peso maggiore della fuoriuscita sarà difficile da ripulire perché è troppo poco profondo per usare le chiatte e la posizione remota non ha strade, hanno detto funzionari Putin.

Il ministro dell’ambiente russo, Dmitry Kobylkin, ha dichiarato di ritenere che bruciare il carburante, cosa che alcuni suggeriscono, sia troppo rischioso.

“È una situazione molto difficile. Non riesco a immaginare di bruciare così tanta benzina in un territorio artico … un così grande falò su una tale area sarà un grosso problema “.

Fonte: The Guardian



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.