Home Coronavirus Disney addebiterà un extra ai clienti non vaccinati al parco a tema...

Disney addebiterà un extra ai clienti non vaccinati al parco a tema di Tokyo

30
0

I clienti che mostreranno una prova di immunizzazione o un test PCR negativo riceveranno uno sconto del 20% sull’ingresso al parco di Tokio Disney Resort , mentre agli ospiti non vaccinati verrà addebitato un costo aggiuntivo. 

La diffusione della paura persiste in molte regioni dell’Asia anche se la storia generale sulla “minaccia” del covid è caduta e la maggior parte dei paesi occidentali ha sostanzialmente rinunciato ai propri sforzi per imporre mandati e restrizioni. Al fine di imporre i propri dettami politicamente motivati, la Disney sembra sfruttare appieno l’eccitazione in corso in Giappone.

I clienti che presenteranno una prova di immunizzazione o un test PCR negativo ottenuto entro tre giorni dall’ammissione riceveranno ora uno sconto del 20% sui prezzi d’ingresso al parco a tema Disney di Tokyo. I clienti non vaccinati pagano le spese.

L’azione è un residuo delle proposte politiche del 2020 create da partenariati pubblico-privato. Grandi imprese e grandi governi lavorano insieme per persuadere o costringere la popolazione a rispettare i requisiti sui vaccini (o qualsiasi altra richiesta). I documenti rilasciati dai globalisti all’Imperial College di Londra ( pdf sotto ) all’inizio dell’epidemia nel 2020 rivelano la strategia della carota e del bastone.

Le autorità governative e le imprese hanno specificamente sviluppato una serie di premi per coloro che hanno ricevuto vaccinazioni e sanzioni per coloro che non l’hanno fatto, principalmente attraverso pratiche di negazione del servizio come l’allontanamento dagli spazi pubblici o anche dal coinvolgimento economico. Le corporazioni coopereranno con il governo per far rispettare la legge, usando la giustificazione dei diritti di proprietà privata per reprimere i non vaccinati e rifiutare le vaccinazioni.

I governi potrebbero aggirare le disposizioni costituzionali per la libertà individuale in questo modo. Potrebbero sostenere che non stavano violando i diritti di nessuno e che avevano tutto il diritto di negare il servizio a coloro che rappresentavano una minaccia. È uno stratagemma legale, ma funziona.

SOSTIENI DATABASE ITALIA

La Casa Bianca di Biden ha cercato di ridurre gradualmente la concorrenza con le grandi imprese ed eliminare le opzioni pubbliche emanando obblighi di vaccinazione per i dipendenti attraverso un ordine esecutivo. La difficoltà era che le imprese più piccole potevano ancora servire i non vaccinati. Il decreto iniziava con le imprese con 100 o più dipendenti, ma era evidente che TUTTE le organizzazioni sarebbero state presto coperte.

La maggior parte dei proprietari di piccole aziende che si sono rifiutati di collaborare non sarebbero più in attività se Biden e i suoi gestori avessero avuto successo, lasciando solo le catene come fonte per il commercio. Il popolo americano non avrebbe altra scelta che avere le vaccinazioni e i richiami per pagare l’essenziale e mantenere il proprio impiego, oppure dovrebbe rivolgersi al mercato nero.

Fortunatamente, un numero sufficiente di Stati conservatori si è rifiutato di conformarsi e si è opposto agli obblighi, dimostrando di poter operare in modo più efficace rispetto a quelli che impongono limitazioni e requisiti di vaccinazione. Di conseguenza, le richieste di vaccinazione sono crollate e le nazioni occidentali si sono rese conto che esisteva un approccio migliore per gestire l’evento COVID.

Le nazioni asiatiche non hanno sperimentato lo stesso livello di ribellione e esistono ancora numerosi obblighi. Nonostante la prova schiacciante che le sue politiche “Zero Covid” siano inutili, la Cina continua ad applicarle. Il governo giapponese ha utilizzato una campagna di “vergogna pubblica” e pressioni tra pari come strategia per ottenere la conformità e ha fatto meno affidamento sugli obblighi e non ha mai effettivamente imposto maschere. Questo approccio ha reso la popolazione estremamente obbediente dato il collettivismo insito nella società giapponese.

Disney addebiterà un extra ai clienti non vaccinati al Tokyo Theme Park 2

Poiché ora possiamo vedere cosa intendeva ottenere l’establishment negli Stati Uniti o in Europa, è fondamentale studiare il drammatico contrasto tra l’Asia e l’Occidente quando si tratta dei risultati della burocrazia pandemica. Possiamo vedere cosa avrebbero fatto aziende come la Disney se non ci fosse stata un’opposizione così forte agli obblighi.

L’obiettivo finale era utilizzare i premi per la conformità e le sanzioni per la sfida in tutto, dal commercio occasionale al tempo libero. La tattica è stata spesso e pubblicamente ammessa: rendere la vita più difficile possibile ai non vaccinati mentre guardano i loro amici e parenti vaccinati beneficiare di doni e privilegi. La Disney sembra voler ancora questa conclusione anche se la pandemia è finita da tempo.

Leggi il documento sotto riportato :

Previous article“Tendenza verso un’escalation incontrollata”: la Russia mette in guardia l’Occidente sul possibile uso di una “bomba sporca” da parte di Kiev
Next articleSECONDO IL FILANTROCAPITALISTA BILL GATES LA CRISI ENERGETICA EUROPEA È “COSA BUONA”