Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali Disperazione: Ucraina libera i detenuti per formare nuovi battaglioni nazionalisti; Ucraini contro...

Disperazione: Ucraina libera i detenuti per formare nuovi battaglioni nazionalisti; Ucraini contro ucraini

0
© Pierre Crom / Getty Images Un avviso di reclutamento sul muro di una prigione ucraina
© Pierre Crom / Getty Images Un avviso di reclutamento sul muro di una prigione ucraina.

Il compito principale di questi battaglioni sarebbe quello di bloccare la città da sud al fine di impedire alla popolazione civile di lasciare il secondo centro urbano più grande dell’Ucraina e anche prendere di mira le unità delle forze armate ucraine nel caso in cui tentassero di ritirarsi o arrendersi all’avanzata russa militare.

Le autorità ucraine hanno rilasciato i detenuti dalle carceri nella regione di Kharkov, nel nord-est del paese, e li hanno usati per assemblare diverse nuove unità militari, ha affermato giovedì il ministero della Difesa russo.

“A Kharkov è in fase di completamento la formazione di tre nuovi battaglioni nazionalisti, con detenuti, che hanno scontato condanne per crimini gravi ed estremamente gravi nell’Alekseevskaya e nella 43a colonia correttiva”, il colonnello generale Mikhail Mizintsev, capo della gestione della difesa nazionale, lo ha detto durante un briefing.

Il colonnello generale Mikhail Mizintsev aggiorna il presidente russo Putin

I compiti principali di questi battaglioni sarebbero bloccare la città da sud al fine di impedire alla popolazione civile di lasciare il secondo centro urbano più grande dell’Ucraina e anche prendere di mira le unità delle forze armate ucraine nel caso in cui tentassero di ritirarsi o arrendersi all’avanzata russa militare, insistette.

Secondo Mizintsev con questa mossa, il governo di Kiev ha dimostrato ancora una volta la sua disumana noncuranza nei confronti del destino del popolo ucraino e la sua totale negligenza del diritto internazionale umanitario.

Ha invitato le Nazioni Unite, l’OSCE (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) e la Croce Rossa internazionale a “prendere misure urgenti e influenzare la parte ucraina in modo che i civili possano essere salvati”.

Dall’inizio del conflitto, la Russia ha più volte accusato le forze ucraine di aver piazzato armamenti militari nelle aree residenziali di Mariupol e di altre località e di aver usato civili come scudi umani. Sono emerse anche numerose segnalazioni di unità nazionaliste che operavano come truppe di barriera e sparavano ad altri militari ucraini per impedire loro di fuggire dal campo di battaglia.

La Russia ha lanciato un’offensiva su larga scala contro il suo vicino alla fine di febbraio, in seguito alla mancata attuazione da parte dell’Ucraina dei termini degli accordi di Minsk, firmati nel 2014, e all’eventuale riconoscimento da parte di Mosca delle repubbliche del Donbass di Donetsk e Lugansk. I protocolli di Minsk mediati da tedeschi e francesi sono stati progettati per conferire alle regioni separatiste uno status speciale all’interno dello stato ucraino.

Da allora il Cremlino ha chiesto che l’Ucraina si dichiari ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai al blocco militare della NATO guidato dagli Stati Uniti. Kiev insiste che l’offensiva russa è stata completamente immotivata e ha negato di voler riprendere le due repubbliche con la forza.

Previous articleBOOM DI MALORI LETALI TRA GLI UNDER 20 VACCINATI. Incremento del 118 % dopo i Sieri Genici antiCovid in Italia
Next articleIL DEEP STATE USA PROVOCA LA CINA PER ESTENDERE IL CONFLITTO.
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.