Quantcast
Database Italia

DITTATURA COVID – INIZIA LA SLOVACCHIA, TEST OBBLIGATORIO PER POTER LAVORARE


Gli slovacchi non potranno andare a lavorare o fare un viaggio a meno che non risultino negativi al Covid-19. La regola entrerà in vigore la prossima settimana, con Bratislava che spera di accelerare i test per allora.

Il piano è suddiviso in due fasi. Il primo, che inizia lunedì e durerà una settimana, vedrà gli slovacchi “assembrarsi” per test Covid-19 di massa, saranno coinvolti i siti di test regolari e mobili, per eseguire un test dell’antigene o un test PCR.

Da mercoledì prossimo, 27 gennaio, gli slovacchi che non sono riusciti a ottenere i risultati dei test che dimostrano di non essere infetti saranno effettivamente confinati nelle loro case. Attività di routine come recarsi al lavoro, andare a piedi all’ufficio postale o fare gite in campagna (per chi ha un’età compresa tra i 15 ei 65 anni) saranno vietate. Le visite dal medico e fare la spesa saranno tra le poche eccezioni al regolamento.

Se le regole appena introdotte non sono abbastanza complicate, coloro che vivono in uno dei 37 distretti con un più alto tasso di infezioni dovranno sottoporsi a un secondo ciclo di test. Saranno esentati dal coprifuoco di fatto, che durerà dal 3 febbraio al 7 febbraio, solo se risulteranno negativi due volte. Chi risiede nei restanti 36 distretti non dovrà ripetere la procedura.

La Slovacchia, una nazione di circa 5,4 milioni di persone, vive in una situazione di blocco totale dall’inizio di gennaio. Nell’ambito delle restrizioni ad ampio raggio, è vietata qualsiasi visita che coinvolga persone di famiglie diverse, i servizi religiosi pubblici sono vietati e i ristoranti possono servire solo da asporto.

L’attuale blocco scadrà il 7 febbraio. Tuttavia, secondo Reuters, il governo non ha escluso di allentare anticipatamente la misura se il numero di ricoveri scenderà sotto i 2.500. Attualmente conta oltre 3.000 persone.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai! Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, i blocchi delle pubblicità ad intermittenza e in ultimo l’immotivata chiusura del conto Pay Pal uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENICI


Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.