Database Italia

Documenti declassificati rivelano le conversazioni tra Putin e Bill Clinton – Prima Parte, il disastro del sottomarino Kursk

Il 29 agosto 2019, la Clinton Digital Library ha declassificato un intero archivio di trascrizioni che immortalano telefonate e conversazioni private tra i membri dell’amministrazione Clinton e il presidente russo Vladimir Putin. Datati tra il 1999 e il 2001, la maggior parte dei documenti sono stati classificati all’epoca come “segreti”. In quel breve lasso di tempo, Putin ha indossato molti cappelli, comunicando con Washington come direttore del Servizio di sicurezza federale, primo ministro, presidente ad interim e presidente. Nel settembre 2000, Clinton e Putin iniziarono con un incontro a New York con una discussione sulle conseguenze del disastro del sottomarino Kursk, che uccise tutti i 118 marinai a bordo. 

Il 6 settembre 2000, la suite presidenziale del Waldorf Astoria a New York ha guadagnato il suo nome quando la stanza è stata utilizzata per ospitare un incontro tra Vladimir Putin e Bill Clinton. Sergey Prikhodko (il vice capo di stato maggiore di Putin) e Strobe Talbott (il vice segretario di stato nonchè esperto di lingua russa) si sono uniti come notetakers.

Il primo argomento dell’incontro è stato il sottomarino “Kursk”, affondato il 12 agosto 2000, durante le esercitazioni navali nel Mare di Barents. Gli investigatori hanno poi scoperto che l’incidente era dovuto all’esplosione di un siluro di addestramento. La maggior parte dell’equipaggio di 118 persone fu uccisa immediatamente, ma 23 marinai si ritirarono in salvo nel nono scompartimento della nave, dove riuscirono a sopravvivere per molte altre ore (o forse anche giorni) prima di morire anche loro. 

La trascrizione
Il presidente Clinton fa una dichiarazione sulla difesa missilistica nazionale durante il pool spray. Le telecamere se ne vanno.

Il Presidente: Mi dispiace per tutto quello che hai passato con la perdita del Kursk. Quando accade qualcosa del genere, le persone in tutto il mondo si identificano con le vittime e le loro famiglie, ma anche io mi sono identificato con te. Devi aver dovuto sopportare un sacco di decisioni. Succede sempre. Così il mio cuore è andato alla gente in fondo al mare, ma è andato anche a tutti gli altri.

Presidente Putin: non c’era nessuna buona opzione per me qui. Ho potuto scegliere solo tra cattive opzioni e peggiori opzioni. Alcune persone mi hanno detto che se avessi lasciato entrare subito un piccolo sottomarino e almeno avessi provato a salvare i ragazzi, il giudizio su di me nei sondaggi sarebbe stato diverso, avrei ricevuto maggiore consenso. Non puoi lasciare che qualcosa di simile sia guidato dalle pubbliche relazioni. Devi dare la priorità a salvare effettivamente le persone.

Apprezzo il tuo sincero sostegno. Strano come i sondaggi successivi hanno effettivamente rivelato che l’incidente non ha influito sulla mia posizione. Ma la mia grande paura è che qualcosa del genere possa ripresentarsi.

Il Presidente: Ora operiamo in un ambiente diverso. Se un edificio esplode a Mosca, è come se fossero coinvolti i nostri parenti ma vale lo stesso se le persone in Mozambico sono spinte dalle inondazioni a doversi rifugiare sugli alberi. In molti modi, questa è una buona cosa. Ci ricorda l’umanità degli altri. Rende più difficile odiare. Ma a volte rende anche più difficile per un leader fare la cosa giusta perché vengono generati tutti questi sentimenti forti.

Presidente Putin: Ci siamo sentiti impotenti durante tutto questo disastro. Ora sembra che tutto l’equipaggio sia morto entro 60 o 90 secondi.Non potevamo dirlo ai parenti, ma nello scafo c’era un buco largo circa due metriche ha allagato le prime tre sezioni del sottomarino. Non sono nemmeno sicuro di come possiamo tirare fuori i corpi. C’è molto merluzzo in quelle acque e potrebbe non esserci carne sulle ossa. Abbiamo provato a frenare tutto questo furore, ma alcune persone sono strane e hanno continuato a nutrirlo. Questo è solo un dato di fatto.

Cosa è successo con le valutazioni di Putin

In realtà non sappiamo a quali sondaggi si riferisse Putin. È possibile che si riferisse a sondaggi sociologici non pubblici condotti dall’Agenzia federale russa per le comunicazioni e le informazioni governative (che pochi anni dopo è stata affidata al Servizio federale di protezione). 

Secondo i dati pubblicati dal Russian Public Opinion Research Center (che all’epoca era ancora gestito da Yuri Levada), il disastro del sottomarino Kursk non ha infatti influenzato in modo significativo il giudizio su Vladimir Putin. Commentando i risultati di un sondaggio a livello nazionale condotto alla fine di settembre 2000, gli analisti del centro hanno osservato che “il rating di fiducia del presidente è tornato alle sue precedenti posizioni a metà agosto”.

“È affondato”

Due giorni dopo l’incontro con il presidente Clinton, Vladimir Putin ha concesso un’intervista al conduttore della CNN Larry King. Lo scambio si è rivelato memorabile. All’inizio dell’intervista, King ha chiesto al presidente russo cosa è successo con il Kursk. “È affondato”, ha detto Putin con un sorrisetto. Da allora quell’espressione ha perseguitato il presidente. 

In effetti, Putin ha detto a King molto di più sul disastro del sottomarino (ripetendo diversi punti che ha fatto in privato a Bill Clinton). Quando gli è stato chiesto cosa avrebbe potuto fare diversamente, il presidente russo ha detto che avrebbe “cancellato le riunioni di lavoro” nel suo ritiro a Sochi e “agito in modo diverso” perché le sue azioni “sono state utilizzate per alcuni attacchi e per minare il ramo esecutivo stesso, come intrinsecamente cattivo e dannoso per lo Stato. “

Come il Cremlino “ha frenato tutto questo furore”

Il 12 agosto 2000, il giorno in cui affondò il Kursk, Putin andò in vacanza a Sochi. Il presidente è stato informato del disastro il giorno successivo , ma il pubblico non è stato informato fino al 14 agosto. Putin non è rientrato dalle sue vacanze fino al 18 agosto, quando è partito per la Crimea (ancora sotto la sovranità ucraina) per un incontro informale con i leader che rappresentano la Comunità di Stati Indipendenti. A causa dell’incidente nel mare di Barents, il vertice è stato interrotto e Putin è tornato a Mosca dopo poche ore. Lo stesso giorno, ha spiegato che voleva recarsi immediatamente sul luogo del disastro, ma si è astenuto perché i non specialisti e gli alti funzionari statali tendono a interferire più che ad aiutare. “Ognuno dovrebbe equipaggiare la propria stazione”, ha affermato il presidente.

Le autorità russe non hanno riconosciuto ufficialmente la morte dell’equipaggio di Kursk fino al 22 agosto, anche se avevano questa informazione già dal 14 agosto , secondo il vice primo ministro Ilya Klebanov, che ha guidato la commissione governativa che ha indagato sull’incidente. Nonostante queste informazioni, Putin ha dichiarato il 16 agosto che la Marina stava facendo tutto il possibile per salvare l’equipaggio. Anche fino al 20 agosto, in un incontro con i vescovi della Chiesa ortodossa russa, il presidente ha ripetuto queste affermazioni: “I marinai stanno facendo tutto il possibile per salvare i loro compagni. Purtroppo, non siamo noi ma gli eventi che determinano il risultato – eppure faremo tutto ciò che è in nostro potere fino all’ultimo momento per salvare tutti coloro che possono essere salvati. Combatteremo per ogni vita e spereremo per il meglio “.

Il 22 agosto, Putin ha firmato un ordine esecutivo che dichiara un giorno di lutto per le perdite nel Mare di Barents. Quello stesso giorno, volò nella regione di Murmansk e visitò la città di Vidyayevo per incontrare le famiglie dei membri dell’equipaggio di Kursk, molti dei quali speravano ancora che alcuni marinai sarebbero stati salvati. Parlando in privato ai parenti in uno scambio colto dal microfono di un giornalista, Putin ha rivelato per la prima volta che il danno subito dal sottomarino ha lasciato “un buco molto grande” nello scafo della nave. Il quotidiano Kommersant ha poi riportato questa osservazione.

La trascrizione declassificata della conversazione di Putin con Bill Clinton lo suggerisce, il presidente russo infatti sapeva da tempo che la maggior parte dei marinai era morta, ma ha aspettato a rivelare questa informazione.  “Non abbiamo potuto dirlo ai parenti, ma nello scafo si è verificato un buco largo circa due metri che ha allagato le prime tre sezioni del sottomarino”, ha detto Putin a Clinton, riferendosi chiaramente ai giorni precedenti il ​​suo viaggio a Vidyayevo.

Il 26 agosto, Putin ha decorato in modo postumo i membri dell’equipaggio del Kursk e ha ordinato una commemorazione in loro onore. 

Il 2 settembre 2000, la rete televisiva ORT (in seguito ribattezzata Pervyi Kanal ) mandò in onda l’ultima trasmissione del programma di notizie serali di Sergey Dorenko. Dorenko ha dedicato l’intero spettacolo al disastro di Kursk, criticando aspramente il comportamento del presidente durante l’operazione di salvataggio. In seguito, Dorenko è stato licenziato. 

Tre giorni dopo (poco prima che Putin si sedesse con Clinton a New York), l’oligarca russo Boris Berezovsky fece pubblicamente appello al presidente russo, dicendo che gli era stato ordinato di vendere la sua quota del 49% in ORT . “La scorsa settimana, un alto funzionario della vostra amministrazione mi ha presentato un ultimatum: trasferire le mie azioni ORT al governo entro due settimane o seguire le orme di Gusinsky – un apparente riferimento alla prigione di Butyrka. Il motivo della proposta è la tua insoddisfazione per il modo in cui ORT ha riportato gli eventi relativi all’incidente del sottomarino Kursk. “Il presidente stesso vuole gestire l’ ORT “, mi ha informato il tuo rappresentante “, ha detto Berezovsky nella sua lettera aperta.

Alla fine del suo appello a Putin, Boris Berezovsky ha detto che avrebbe affidato l’ ORT a “giornalisti e altri rappresentanti dell’intellighenzia creativa”. In realtà, però, la rete televisiva è finita sotto il controllo statale.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments