Database Italia

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO D’EUROPA DEL 2018: ROAD MAP VACCINALE, GAVI ALLIANCE, PASSAPORTI SANITARI E PROPAGANDA.

Un documento del 7 dicembre 2018 del Consiglio d’Europa  sul rafforzamento della cooperazione contro le malattie prevenibili con il vaccino mostra in tutta la sua cruda trasparenza come Il Covid per qualcuno sia stata una manna dal cielo per accelerare tutti i programmi già elencati in questo e in altri documenti, dal Wef all’OMS, dal FMI al Consiglio d’Europa, tutti pare avessero già le risposte, quelle che successivamente sono state indicate come strade necessarie per sconfiggere la pandemia.

Qui sotto il documento integrale in download mentre nei paragrafi successivi i punti salienti del documento per argomento.

Operatori Sanitari

(5) La rapida diffusione della disinformazione attraverso i social media e da vocali attivisti anti-vaccinazione ha alimentato concezioni errate che stanno spostando l’attenzione del pubblico dai benefici individuali e collettivi della vaccinazione e dai rischi posti dalle malattie trasmissibili e verso una maggiore sfiducia e paure di eventi avversi non dimostrati. È necessaria un’azione per rafforzare il dialogo con i cittadini, per comprendere le loro reali preoccupazioni e dubbi sulla vaccinazione e per affrontare adeguatamente questi problemi, sulla base delle esigenze individuali. 

(6) Gli operatori sanitari svolgono un ruolo chiave nel lavorare verso l’obiettivo di migliorare i tassi di copertura vaccinale. Per sostenere i loro sforzi, dovrebbero essere offerte loro opportunità di istruzione e formazione continua sulla vaccinazione in conformità con le raccomandazioni nazionali. 

(7) I casi in cui i tassi di copertura vaccinale degli operatori sanitari sono considerati insufficienti rispetto alle raccomandazioni nazionali dovrebbero essere affrontati al fine di proteggere tali lavoratori e i loro pazienti. 

(22) La risoluzione del Parlamento europeo del 19 aprile 2018 sull’esitazione vaccinale e il calo dei tassi di vaccinazione in Europa (7) invita gli Stati membri a garantire una vaccinazione sufficiente degli operatori sanitari, ad adottare misure efficaci contro la disinformazione e ad attuare misure per migliorare l’accesso medicinali. Invita inoltre la Commissione a facilitare un programma di vaccinazione più armonizzato in tutta l’UE. 

5. Incoraggiare e cooperare con gli istituti di istruzione superiore e le parti interessate pertinenti a considerare l’inclusione e il rafforzamento della formazione sulle malattie prevenibili con vaccino, la vaccinologia e l’immunizzazione nei curricula medici nazionali e in qualsiasi programma di formazione medica continua per gli operatori sanitari di tutti i settori ogniqualvolta opportuno, per rafforzare la loro ruolo chiave nel mirare a tassi di copertura vaccinale più elevati.

Vaccinati per tutta la vita

(10) I cambiamenti demografici, la mobilità delle persone, i cambiamenti climatici e il declino dell’immunità stanno contribuendo a cambiamenti epidemiologici nel carico delle malattie prevenibili con il vaccino, che richiedono programmi di vaccinazione con un approccio basato sul corso della vita oltre gli anni dell’infanzia. Questo approccio mira a garantire un’adeguata protezione per tutta la vita e contribuisce a una vita sana e a un invecchiamento sano, nonché alla sostenibilità dei sistemi sanitari. 

Obiettivo: convincere tutti e annientare il dissenso

(12) La necessità di far avanzare rapidamente la ricerca e lo sviluppo di nuovi vaccini e di migliorare o adattare quelli esistenti richiede partnership e piattaforme innovative, competenze di alto livello e legami più forti tra discipline e settori, nonché investimenti nella ricerca nelle scienze sociali e comportamentali per migliorare comprensione dei determinanti specifici del contesto alla base degli atteggiamenti di esitazione nei confronti dei vaccini.

(23) Il piano d’azione della Commissione sulle notizie false e la disinformazione online mira a contribuire allo sviluppo di una strategia a livello dell’UE per contrastare la diffusione della disinformazione e la comunicazione della Commissione sulla lotta alla disinformazione (8) affronta le sfide della piattaforma online per quanto riguarda la diffusione di disinformazione

(27) Un’azione comune sulla vaccinazione, cofinanziata dal terzo programma per l’azione dell’Unione nel campo della salute (3), a partire dal 2018, si concentra sulla condivisione delle migliori pratiche sulle politiche di vaccinazione nazionali e sull’identificazione dei requisiti tecnici in materia di dispositivi elettronici. sistemi informativi sull’immunizzazione, previsione dei vaccini, assegnazione delle priorità alla ricerca e sviluppo di vac cine e alla ricerca per affrontare l’esitazione del vaccino. 

c) contrastare la disinformazione sui vaccini online e sviluppare strumenti di informazione e orientamenti basati su prove per sostenere gli Stati membri nella risposta all’esitazione sui vaccini, in linea con la comunicazione della Commissione sulla lotta alla disinformazione online.

Identità digitale e passaporti vaccinali

(14) Le conclusioni del Consiglio sull’immunizzazione infantile (2) chiedono specificamente il perfezionamento dei registri di immunizzazione e dei sistemi di informazione per migliorare il monitoraggio dei programmi di vaccinazione e facilitare lo scambio di informazioni tra i fornitori di servizi di vaccinazione. 

(15) La comunicazione della Commissione sull’attuazione della strategia per il mercato unico digitale (3) e la comunicazione sul piano d’azione per la sanità2012-2020 (4elettronica) ricordano l’importanza dell’agenda per la salute digitale e la necessità di dare priorità allo sviluppo della sanità elettronica e soluzioni per big data. Queste iniziative sono rafforzate dalla comunicazione della Commissione su come consentire la trasformazione digitale della sanità e dell’assistenza nel mercato unico digitale (5), per garantire modelli sanitari moderni e sostenibili, nonché cittadini e operatori sanitari responsabilizzati.

16. Esaminare i problemi di copertura vaccinale insufficiente causati dal movimento transfrontaliero di persone all’interno dell’UE ed esaminare le opzioni per affrontarli, anche esaminando la fattibilità dello sviluppo di una carta di vaccinazione / passaporto comune per i cittadini dell’UE (che tiene conto dei programmi di vaccinazione nazionali potenzialmente diversi e) che sia compatibile con i sistemi informativi elettronici di immunizzazione e riconosciuto per l’uso transfrontaliero, senza duplicare il lavoro a livello nazionale. 

ALLEANZA CON GAVI E AGENDA 2030 WEF

(24) La Commissione ha sostenuto il miglioramento dell’accesso ai vaccini moderni ed essenziali nei 77 paesi più poveri attraverso Gavi, The Vaccine Alliance (“Gavi”) sin dal suo inizio nel 2000. 83 milioni di EUR sono stati stanziati entro il 2015, il che ha contribuito all’immunizzazione completa 277 milioni di bambini nel periodo 2011-2015 e altri 200 milioni di EUR sono stati impegnati per il periodo 2016-2020, con l’intenzione di immunizzare altri 300 milioni di bambini tra il 2016 e il 2020. 

(25) All’Assemblea mondiale della sanità 2012, i ministri della Health ha approvato il Global Vaccine Action Plan, per garantire che entro il 2020 nessuno perda l’immunizzazione vitale. Nel 2014 il Comitato Regionale Europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (“OMS”) ha adottato il Piano d’azione europeo sui vaccini 2015-2020. 

(26) Obiettivo 3 dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile (1) – “Garantire una vita sana e promuovere il benessere per tutti a tutte le età” – sottolinea l’importanza dei vaccini nella protezione delle persone dalle malattie. Inoltre, attraverso il consenso europeo sullo sviluppo “Il nostro mondo, la nostra dignità, il nostro futuro” (2), l’UE ei suoi Stati membri riaffermano il loro impegno a tutelare il diritto di tutti a godere dei più alti standard ottenibili di salute fisica e mentale, anche aiutando a garantire l’accesso a medicinali e vaccini essenziali a prezzi accessibili per tutti. 

23. Rafforzare i partenariati esistenti e la collaborazione con attori e iniziative internazionali, come l’OMS e il suo gruppo consultivo strategico di esperti sull’immunizzazione (SAGE), il gruppo consultivo tecnico europeo di esperti sull’immunizzazione (ETAGE), l’iniziativa e l’agenda sulla sicurezza sanitaria globale processi (Global Health Security Initiative, Global Health Security Agenda), Unicef ​​e iniziative di finanziamento e ricerca come Gavi, CEPI, GloPID-R e JPIAMR (the Joint Programming Initiative on Antimicrobial Resistance). 

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments