Quantcast
Database Italia

Donald Trump: “l’FBI ha tentato un colpo di stato”

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato di essere stato preso di mira dall’FBI per un vero e proprio “colpo di stato” dopo che, documenti appena rilasciati, hanno mostrato che agenti federali coinvolti nell’indagine Trump-Russia avevano addirittura stipulato un’assicurazione di responsabilità civile per timore che la loro gestione potesse portare a problemi legali.

I nuovi documenti sono stati divulgati giovedì in un tribunale federale da Sidney Powell, avvocato difensore dell’ex consigliere di Trump Michael Flynn. Durante una manifestazione elettorale in Florida, Trump ha dichiarato alla folla che l’FBI è stata “sorpresa” a tentare un “colpo di stato”.

“Oggi una serie di SMS riguardanti gli agenti dell’FBI coinvolti nella caccia alle streghe russa è stata rilasciata. “Dovreste vederli “, ha detto Trump, leggendo il titolo del Federalist .

“Queste persone sono feccia. Stavano cercando di fare un colpo di stato. E li abbiamo beccati prima, li abbiamo beccati a spiare la nostra nazione … Non dimenticate mai: mi stanno cercando perché sto combattendo per voi.”

I documenti, che consistono in gran parte in messaggi di testo tra agenti federali, rivelano che sia il personale dell’FBI che quello della CIA hanno stipulato polizze assicurative per la responsabilità professionale giorni prima che Trump entrasse in carica, temendo che la fuga di notizie dei media presso il Dipartimento di giustizia potessero sfociare in azioni legali contro molti tra coloro che erano coinvolti nella prima tappa dell’indagine Trump-Russia – allora conosciuta con il nome in codice dell’FBI “Crossfire Hurricane”.

“Siamo andati tutti e abbiamo acquistato un’assicurazione di responsabilità professionale” , ha detto un agente in un SMS il 10 gennaio 2017, circa 10 giorni prima dell’insediamento di Trump.

“Santo cielo. Anche tutti gli analisti? ” un altro agente ha detto, spingendo il primo a rispondere “Sì. Anche tutta la gente dell’Agenzia ” – un apparente riferimento alla CIA.

Quando è stato chiesto al primo agente chi poteva intentare un’azione legale, ha risposto: “Haha, chi lo sa … Penso che [la] preoccupazione quando l’abbiamo saputo fosse che c’i sarebbe stata una grossa fuga di notizie al DOJ e il New York Times tra gli altri avrebbe fatto un pezzo. “

Il pensiero era e se quell’articolo venisse fuori? Il nuovo procuratore generale potrebbe avere alcune domande … allora yada yada yada … ci facciamo tutti fregare.

I messaggi indicano anche che l’indagine separata dell’FBI su Michael Flynn, allora consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, è stata mantenuta in vita molto tempo dopo che alti esponenti dell’ufficio di presidenza ne avevano ordinato la chiusura, senza trovare “informazioni negative” su Flynn. Mentre un agente ha espresso sollievo all’inizio di novembre 2016 per la chiusura dell’indagine su Flynn – denominata “Crossfire Razor”.

Altri testi mostrano agenti che discutono dell’uso delle National Security Letters (NSL) come pretesto per “guadagnare tempo” e trascinare le indagini, consentendo all’FBI di continuare a scavare nelle finanze di Flynn con poca supervisione giudiziaria, nonostante le precedenti “tracce” fossero “nulle.”

Flynn è stato costretto a dimettersi da consigliere per la sicurezza nazionale nel 2017 e in seguito accusato di aver fuorviato l’FBI sui suoi contatti con l’ambasciatore russo Sergey Kislyak, con il quale è stato accusato di discutere le sanzioni statunitensi sulla Russia prima del giuramento di Trump come presidente. Da allora il DOJ ha ordinato la chiusura del caso Flynn dopo che precedenti fuoriscite di documenti hanno rivelato una cattiva condotta presso l’ufficio, ma il giudice ha rifiutato di rispettare l’ordine.

Tra le altre rivelazioni, i nuovi messaggi mostrano anche che alcuni agenti credevano che i funzionari dell’FBI che gestivano l’indagine Trump-Russia fossero prevenuti in favore dell’allora candidata democratica Hillary Clinton, sperando addirittura che avrebbe vinto la gara del 2016.

“Facendo tutta questa ricerca sulle elezioni – penso che alcuni di questi ragazzi vogliano una presidenza Clinton” , ha detto l’agente, un altro ha risposto: “sembrano sapere cosa otterranno”.

“Ahah davvero. Invece di un’incognita come Trump “ , ha detto il primo agente.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.