Database Italia

Donald Trump mette la NATO con le spalle al muro

Una delle ragioni della straordinaria ostilità della brigata di addetti ai lavori della politica estera nei confronti del presidente Trump è che non ha perso tempo a evocare nuove missioni per giustificare la continua esistenza della NATO.

Invece, ha promesso di ritirare 12.000 truppe statunitensi dalla Germania e, per aggiungere la beffa al danno, ha chiesto agli Stati membri della NATO di aumentare i loro contributi finanziari per il mantenimento dell’alleanza militare apparentemente lì per “proteggerli” . 

Questo è un sacrilegio per un’élite di politica estera che ha trascorso gli ultimi 70 anni ad adorare all’altare della NATO. 

“Le truppe statunitensi non sono di stanza in tutto il mondo come vigili urbani o assistenti sociali – stanno frenando gli obiettivi espansivi dei peggiori regimi del mondo, principalmente Cina e Russia”, ha esultato il senatore Ben Sasse, R-Neb. 

L’ex consigliere per la sicurezza nazionale Susan Rice ha espresso  allarme per “la continua erosione della fiducia nella nostra leadership all’interno della NATO, e ulteriori sforzi che mettono in discussione il nostro impegno, e più segnali agli autoritari all’interno della NATO e della stessa Russia che questa intera istituzione è vulnerabile”. 

Trump, secondo Nicholas Burns, ex ambasciatore degli Stati Uniti presso la NATO e attuale consigliere di Joe Biden, ha considerato gli alleati militari americani principalmente come un drenaggio del Tesoro degli Stati Uniti e ha criticato in modo aggressivo i veri amici di Washington in Europa: leader democratici come il presidente della Francia. Emmanuel Macron e il Cancelliere tedesco, Angela Merkel, anche se tratta Vladimir Putin, Xi Jinping, Kim Jong Un e altri “autoritari” di tutto il mondo con un tatto insolito. 

Settanta ex funzionari della sicurezza nazionale repubblicana hanno recentemente rilasciato una dichiarazione accusando Trump di  aver disonorato la reputazione globale dell’America e minato l’influenza morale e diplomatica della nostra nazione”. E — orrore degli orrori! —Trump “ha definito la NATO” obsoleta “. “

Non solo Trump non è riuscito a definire una nuova missione per la NATO, ma l’unica missione che ha escogitato – la richiesta di più fondi dagli stati membri della NATO – è calcolata per causare recriminazioni reciproche all’interno dell’alleanza. Trump si vanta regolarmente di aver persuaso la NATO a sborsare altri 130 miliardi di dollari all’anno “e saranno 400 miliardi di dollari”, ha recentemente ammonito.

Per i frequentatori dei think-tank di politica estera di Washington, fare pressione sugli stati membri della NATO per ottenere più soldi è un affare pericoloso. Potrebbe avere l’effetto indesiderato di costringerli a chiedersi se dedicare risorse limitate alla NATO, in particolare ora dopo la recessione economica da Covid, sia un investimento valido.

La NATO cerca disperatamente di trovare ragioni per giustificare la sua esistenza 

Non è un segreto che dalla caduta dell’Unione Sovietica e dallo scioglimento del Patto di Varsavia, la NATO abbia cercato disperatamente un motivo per giustificare la sua esistenza. L’alleanza ha ampliato i suoi membri da 16 a 30 in 20 anni, pur non riuscendo a proporre un motivo convincente, diverso dall’inerzia, per restare in attività. 

A dire il vero, c’erano e ci sono minacce – sicurezza informatica, migrazione di massa, traffico di esseri umani, narcotici, proliferazione nucleare, terrorismo internazionale – ma non è mai stato chiaro come un’alleanza militare strettamente focalizzata sarebbe stata in grado di affrontarle unilateralmente. La NATO è stata quindi costretta a impegnarsi in un vigoroso grattamento di testa. 

Durante gli anni ’90, abbiamo avuto la mania dell ‘ “intervento umanitario” . Ciò ha portato al bombardamento NATO della Bosnia-Erzegovina nel 1994 e 1995 e, cosa più orribile, al bombardamento della Jugoslavia nel 1999. Nessuna delle due operazioni ha ottenuto nulla che non avrebbe potuto essere ottenuto anni prima e senza l’uso della forza.

Nel 2001, la NATO ha preso parte alla guerra globale al terrorismo. Dopo l’11 settembre la NATO, per la prima volta nella sua storia, ha invocato l’articolo 5 del Trattato Nord Atlantico, dichiarando che l’attacco terroristico agli Stati Uniti era un attacco contro ogni membro della NATO. 

Quando gli Stati Uniti hanno reagito invadendo l’Afghanistan nell’ottobre 2001, la NATO era a disposizione per fornire assistenza. A dicembre ha istituito una cosiddetta Forza internazionale di assistenza alla sicurezza, la cui nebulosa missione era “assistere il governo afghano nell’esercizio e nell’estensione della sua autorità e influenza in tutto il paese, aprendo la strada alla ricostruzione e a un governo efficace”.

Poi è arrivato l’Iraq. Nonostante la palese opposizione di Francia e Germania all’invasione del 2003, la NATO, in nessun momento è stata coinvolta. Nel 2004, ha istituito la NATO Training Mission-Iraq, il cui scopo era presumibilmente quello di “assistere nello sviluppo delle forze di sicurezza irachene strutture e istituzioni di addestramento in modo che l’Iraq possa costruire una capacità efficace e sostenibile che soddisfi le esigenze della nazione”. Uno dei suoi compiti era addestrare la polizia irachena. Tuttavia, come rivelato da WikiLeaks’ Iraq War Logs disclosure, la polizia finemente addestrata in Iraq ha condotto orribili torture sui detenuti. Né l’Afghanistan della NATO né la sua missione irachena si sono ricoperti di gloria.

Con il ritorno al potere dei Democratici a Washington nel 2009, la NATO è tornata nel business dell ‘ “intervento umanitario” . Il bombardamento della Libia nel 2011 ha distrutto governo, legge e ordine pubblico, istituzioni che prima dell’intervento avevano assicurato che il popolo libico potesse vivere la propria vita quotidiana libero dalla paura della morte, per non parlare dello spettacolo dei mercati degli schiavi. 

L ‘ “intervento umanitario” in Libia si è concluso con debacle e crimini di guerra (inclusa l’esecuzione di Muammar Gheddafi) in cui era chiaramente coinvolta la NATO, per poi tornare alla vecchia missione di “contenimento” della Guerra Fredda 

Dopo il colpo di stato del 21 febbraio 2014 a Kiev e la reincorporazione della Crimea in Russia, la nuova missione della NATO era molto simile alla vecchia. Il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen ha promesso che: “Avremo più aerei in cielo, più navi in ​​acqua e più prontezza a terra. Ad esempio, gli aerei di polizia aerea effettueranno più sortite sulla regione baltica. Le navi alleate si schiereranno nel Mar Baltico, nel Mediterraneo orientale e altrove “.

Sei anni dopo, è chiaro che semplicemente non ci sono abbastanza conflitti armati nel mondo per giustificare la continua esistenza, per non parlare delle enormi spese, di un’organizzazione militare così gigantesca. La NATO ha quindi fatto ricorso alle ultime questioni sociali e culturali alla moda per dimostrare quanto sia attuale. 

Poi è arrivata la questione dell’uguaglianza di genere. “Raggiungere l’uguaglianza di genere è il nostro compito collettivo. E la NATO sta facendo la sua parte “, ha affermato Mari Skåre, Rappresentante speciale per le donne, la pace e la sicurezza del Segretario generale della NATO, nel 2013. Nel marzo 2016, in occasione della Giornata internazionale della donna, la NATO ha tenuto una cosiddetta ” Conferenza dei barbieri “ sull’uguaglianza di genere . Il segretario generale Jens Stoltenberg ha colto l’occasione per dichiarare che l’uguaglianza di genere era una questione spaventosamente importante per l’alleanza perché“La NATO è un’organizzazione basata sui valori fondamentali – libertà individuali, democrazia, diritti umani e stato di diritto …. Abbiamo imparato in Afghanistan e nei Balcani che integrando il genere nelle nostre operazioni, noi faremo una differenza tangibile nella vita di donne e bambini ”. 

Sicuramente una “differenza tangibile nella vita di donne e bambini”  la NATO l’ha ottenuta a seguito dei bombardamenti in Jugoslavia e Libia dove migliaia di donne e bambini hanno perso la vita. In Libia, ad esempio, la NATO ha contribuito a consegnare forse migliaia di donne nelle mani dell’ISIS. 

Ecco come Human Rights Watch nel 2017 ha descritto il record del governo dell’ISIS in Libia: 

“Nella prima metà del 2016, i combattenti fedeli all’ISIS hanno controllato la città costiera centrale di Sirte e hanno sottoposto i residenti a una rigida interpretazione della legge della Sharia che includeva fustigazioni pubbliche, amputazione di arti e linciaggi pubblici, lasciando spesso in mostra i cadaveri delle vittime. . “

L’incapacità di Trump di articolare una nuova missione per la NATO, unita al suo desiderio di estrarre sempre più fondi dai 29 paesi membri, mette l’alleanza militare in una posizione molto vulnerabile. Senza una nuova missione e senza evidenti minacce all’Europa all’orizzonte – o almeno nessuna che la NATO sembra in grado di affrontare – i suoi stati membri, prima o poi, sono tenuti a mettere in discussione il valore di appartenere a un’organizzazione, con quote di iscrizione così elevate e così pochi vantaggi. Non c’è da stupirsi che gli esperti di politica estera stiano tramando e pregando per una presidenza Biden.

Uno dei motivi per cui le Elites della politica estera detesta Trump è che non ha perso tempo cercando di inventare qualche “nuova missione” per la NATO. La differenza tra Trump e i suoi predecessori è che non si è preoccupato di inventare qualche nuova ragione per l’esistenza della NATO: Clinton aveva la Jugoslavia, Bush Afghanistan e Iraq, Obama Libia. Trump non ha individuato nessuna “nuova missione” per la NATO. Forse perché non ce n’è una.

Fonte: RT



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.