Database Italia

DONALD TRUMP SCAGIONATO DALLE ACCUSE – FALLISCE LA FARSA DEM PER L’IMPEACHMENT



Il Senato degli Stati Uniti non è riuscito a raccogliere voti sufficienti per condannare Donald Trump, dopo un processo di impeachment guidato dai democratici. Trump era stato accusato di “incitamento all’insurrezione” dopo che i suoi sostenitori si erano ribellati a Capitol Hill.

Sabato il Senato ha votato 57-43 a favore dell’impeachment, mancando i 67 voti necessari per ottenere la maggioranza dei due terzi richiesta dalla costituzione.

I democratici sono riusciti a vincere altri due voti repubblicani, rispetto a quando il Senato ha votato a fine gennaio per andare avanti con il processo. Tuttavia, solo sette senatori repubblicani hanno rotto i ranghi con il loro partito per ritenere Trump colpevole.

Anche i cinque repubblicani che hanno votato per tenere il processo – Mitt Romney (Utah), Susan Collins (Maine), Lisa Murkowski (Alaska), Ben Sasse (Nebraska) e Pat Toomey (Pennsylvania) – hanno votato per condannare Trump. Sono stati raggiunti da Bill Cassidy (Louisiana) e Richard Burr (North Carolina). Toomey e Burr hanno annunciato l’intenzione di ritirarsi, quindi non dovranno affrontare la prospettiva della campagna di Trump contro la loro rielezione nel 2022.

Trump è stato messo sotto accusa il mese scorso, per la seconda volta, per le sue parole ai sostenitori il 6 gennaio, quando li ha incoraggiati a  “combattere ”  contro le  “elezioni truccate”. 

Sebbene Trump avesse esortato i suoi seguaci a protestare contro la certificazione delle elezioni  “pacificamente e patriotticamente”, alcuni di questi sostenitori hanno continuato a farsi strada all’interno del Campidoglio degli Stati Uniti, la rivolta che ne è seguita ha interrotto brevemente il processo di certificazione. Un sostenitore di Trump è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco dalla polizia del Campidoglio, un ufficiale di polizia è morto in circostanze poco chiare e altri tre partecipanti sono morti per  “emergenze sanitarie”  durante la ressa. Due agenti di polizia si sono suicidati nei giorni successivi alla rivolta.

I democratici che accusavano Trump di incitare la debacle hanno mostrato montaggi video dell’ex presidente che accendeva i suoi sostenitori a manifestazioni e discorsi, mentre la squadra di difesa di Trump ha riprodotto filmati di democratici che pronunciavano discorsi altrettanto incendiari ai propri seguaci senza subire contraccolpi legali.

Con Trump ora scagionato da tutte le accuse, l’ex presidente è libero di candidarsi di nuovo, una mossa che la maggioranza degli elettori repubblicani  sostiene fortemente .

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments