Quantcast
Database Italia

Dott. Paolo Bellavite: “Si sfrutta la paura da Covid19 per introdurre un nuovo obbligo vaccinale”.

BASTA OBBLIGHI VACCINALI, BASTA!

Riportiamo un post dal profilo Facebook del Dott. Paolo Bellavite. Professore di Patologia generale presso l’Universitá di Verona. Laureato in chirurgia con diverse specializzazioni, in ematologia, epidemiologia, etc. (In fondo all’articolo le fonti).

Giovedì 14 maggio 2020, Mariastella Gelmini e Andrea Mandelli (FI) hanno presentato una mozione parlamentare (n. 1-00349) che chiede al Governo di adottare iniziative per introdurre l’obbligo di vaccinazione antiinfluenzale per tutte le categorie cui oggi il vaccino è solo raccomandato. Ad esempio, sarebbero obbligati all’inoculo tutti gli ultrasessantacinquenni, i bambini da 6 mesi in su che abbiano malattie respiratorie croniche, diabete o cardiopatie, le donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino in stato di gravidanza, gli individui ricoverati presso strutture per lungodegenti, gli addetti a servizi pubblici di interesse collettivo, tutti gli operatori sanitari indipendentemente dall’età.

La principale motivazione del provvedimento, espressa dai presentatori, è che la vaccinazione per l’influenza, diminuendo i casi di questa malattia, faciliterebbe la diagnosi del Covid-19 nel caso si presentassero le due diverse epidemie contemporaneamente. Curiosamente, ma non troppo, nella proposta è inserito un articoletto che impegna il Governo ad utilizzare per le vaccinazioni anche le farmacie. Guarda caso, il secondo firmatario della proposta è Presidente della Federazione Ordini Farmacisti Italiani.

Si sfrutta l’onda della paura del Covid-19 per introdurre l’obbligo per l’antiinfluenzale. Tale proposta è incostituzionale e scientificamente insostenibile, per tante ragioni tecniche che ho illustrato nei dettagli in un “preprint” che, continua il Dottore, ho inserito sul sito “Research Gate”: https://www.researchgate.net/publication/341525685_Obbligo_di_vaccino_antiinfluenzale_contro_il_coronavirus_No_grazie

Un articolo dovrebbe uscire anche su La Nuova Bussola Quotidiana. Non se ne può più di tale deriva liberticida e anti-scientifica della medicina.

La vaccinazione è un intervento invasivo sia per l’individuo sia per tutto l’ecosistema microbico dell’intera società (è noto che i ceppi resistenti emergono anche dal largo uso dei farmaci e vaccini). In base a due studi scientifici su bambini e uno su adulti, esiste il fondato sospetto che la vaccinazione antiinfluenzale possa incrementare il rischio di contrarre infezioni respiratorie da altri virus. Nello studio effettuato su bambini sani, i bambini che hanno ricevuto il vaccino contro l’influenza hanno riportato 4 volte più infezioni respiratorie non influenzali nei successivi 9 mesi. Nel caso degli adulti, l’incremento di rischio del 36% riguardò specificamente infezioni dai comuni coronavirus.

Credere che un aumento forzato di vaccinazione antiinfluenzale, scarsamente efficace e coprente piccola parte delle malattie respiratorie, aiuti a fare diagnosi di Covid-19 è segno di non avere idea di cosa sia una diagnosi medica. Proposto per motivi poco chiari sulle ali del terrore diffuso dal continuo bombardamento massmediatico, tale obbligo vaccinale per ampie categorie di cittadini sarebbe inutile e pericoloso, un tradimento della medicina basata sulle prove di efficacia.

Fonti:



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments