Deep StateEditorialiPolitica

“Dov’erano prima delle elezioni”? L’ipocrisia dei media nell’ignorare le inchieste per corruzione di Hunter Biden

Hunter Biden è sotto indagine dal 2018 e le e-mail rilasciate questo autunno apparentemente hanno implicato lui e la sua famiglia. Allora, cosa fanno i media? Aspettano fino a dopo le elezioni per denunciarlo, ovviamente. Hunter Biden ha riconosciuto mercoledì che l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti nel suo stato natale del Delaware sta indagando sui suoi “affari fiscali”. L’indagine è iniziata come un’indagine dell’FBI nel 2018 e, secondo le fonti dell’Associated Press, si concentra sui suoi rapporti d’affari esteri, compresi quelli in Cina. La storia ha saturato i media mercoledì e giovedì, ma per molti era una vecchia notizia. Dopotutto, un laptop ottenuto prima delle elezioni da Rudy Giuliani, l’avvocato del presidente Donald Trump, conteneva frotte di e-mail che apparentemente collegavano Hunter e Joe Biden a numerosi programmi di trapianto stranieri, con funzionari cinesi che avrebbero cercato di  pagare a  Hunter decine di milioni di dollari per “presentazioni”. , “ Molto probabilmente a Joe e ai suoi soci.

Prima delle elezioni, tuttavia, il laptop e il suo contenuto sono stati cancellati dalla stampa dell’establishment che le ha etichettate come propaganda politica e, in alcuni casi, come “disinformazione russa”. Twitter bannò temporaneamente il New York Post per il collegamento alla sua storia sul laptop, e altri media si sono precipitati a debunkerare piuttosto che indagare sulle sue rivelazioni. La CNN e la BBC sono corse in aiuto difendendo la censura della storia, e la NPR si è rifiutata di “far perdere tempo agli ascoltatori e ai lettori” con lo scoop. Ci sono stati molti casi simili.

Anche se nessuno dei due Biden ha negato l’autenticità del laptop, la storia è stata comunque seppellita o derisa.

Funzionari conservatori e esperti hanno martellato i media per aver ignorato la storia fino ad ora. Quando Jake Tapper della CNN ha dato notizia delle indagini mercoledì, il diplomatico Richard Grenell, ex capo dell’intelligence di Trump, ha rchiamato Tapper all’incarico. “La storia è scoppiata in ottobre”, ha twittato Grenell. «Allora non l’hai fatto. Ti è stato detto di ignorarlo fino a dopo le elezioni? “

This story broke in October.

You didn’t do it then.

Were you instructed to ignore it until after the election?

Originally tweeted by Richard Grenell (@RichardGrenell) on 10 December 2020.

I commentatori hanno lanciato accuse simili alla CNN, che ha detto agli abbonati a una delle sue newsletter che la storia di Hunter Biden era meno importante del presidente Trump “che cercava di ribaltare i risultati delle elezioni statunitensi” in tribunale, all’Huffington Post per averla definita il prodotto di un “vasto movimento web di estrema destra” e in più punti che hanno screditato, ignorato e minimizzato la storia prima del 3 novembre.

Per quanto riguarda La dichiarazione di Hunter Biden non è stata la prima volta che i media hanno sentito che il figlio del probabile presidente era indagato. Alcuni media conservatori hanno riportato questa notizia a ottobre e il laptop stesso era stato citato in giudizio dall’FBI nel 2019, dal negozio di computer del Delaware dove Hunter apparentemente lo aveva lasciato dopo averlo riparato. La campagna di Biden ha ignorato i rapporti di un’indagine dell’FBI, semplicemente insistendo sul fatto che la storia nel suo insieme era stata “screditata”.

Eppure la copertura del laptop incriminante era così suddivisa su linee partigiane che un sondaggio del Media Research Center – un gruppo conservatore – ha rilevato che il 45% degli elettori di Joe Biden non era a conoscenza della storia del laptop, con uno su sei che ha dichiarato che sapendolo acrebbe cambiato idea alle urne.

Lo stesso Trump ha fatto sua questa cifra, usandola per sostenere la sua tesi secondo cui le elezioni sono state “truccate” contro di lui.

Davide Donateo

Sono il fondatore e direttore (editor se preferite) di Database Italia. Il mio indirizzo e-mail è: [email protected]

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!