Home Coronavirus Dr. Robert Malone: studio afferma che mRNA e proteina spike...

Dr. Robert Malone: studio afferma che mRNA e proteina spike prodotta persistono per settimane nei centri germinali dei linfonodi

0

Di Robert Malone

L’antigene spike del vaccino e l’mRNA persistono per due mesi nei centri germinali dei linfonodi… la produzione proteica della spike è superiore a quella dei pazienti con COVID-19 gravemente malati!

In evidenza

  • La vaccinazione conferisce un legame IgG più ampio alle varianti RBD rispetto all’infezione da SARS-CoV-2
  • L’imprinting dalle esposizioni iniziali all’antigene altera le risposte IgG alle varianti virali
  • L’istologia dei linfonodi vaccinati con mRNA mostra abbondanti centri germinali
  • L’antigene della spike del vaccino e l’mRNA persistono per settimane nei centri germinali dei linfonodi

Il punto culminante nascosto sepolto in questo documento sottoposto a revisione paritaria è che la produzione proteica della spike nelle persone vaccinate con il vaccino Moderna o Pfizer è superiore a quella dei pazienti gravemente malati di COVID-19! Una persona potrebbe chiedere:  Come potrebbe essere?” Per capire questo, dobbiamo analizzare attentamente ciò che mostra lo studio.

Questo studio afferma che l’mRNA e la proteina spike prodotta persistono per settimane nei centri germinali dei linfonodi nei pazienti umani. Avendo lavorato con l’mRNA per decenni, posso attestare che questo è molto insolito.

Un’ipotesi molto reale è che la sostituzione della pseudouridina con l’uridina per evitare la risposta immunitaria funzioni così bene che l’mRNA elude completamente le normali vie di clearance/degradazione. Quindi, l’mRNA che non viene incorporato nelle cellule nel sito di iniezione, sta migrando verso i linfonodi (e in tutto il corpo come suggeriscono i dati non clinici di Pfizer?) e continuando a esprimere proteine ​​lì. In questo caso, l’antigene proteico citotossico è la spike. La proteina Spike può essere rilevata per almeno 60 giorni dopo la somministrazione della dose. Si noti che la durata dell’espressione proteica è stata testata solo per 60 giorni.

La proteina spike, esaminiamo cos’è e come viene utilizzata (dal Daily Skeptic) :

Questi nuovi “vaccini” basati su geni stanno funzionando in un modo completamente nuovo, niente che assomigli lontanamente a quello dei vaccini tradizionali. Dato che le aziende farmaceutiche lavorano in modo competitivo, è stata anche una sorpresa che abbiano adottato lo stesso approccio per prendere di mira quella che è stata definita la “proteina spike” del virus SARS-CoV-2.

Questa proteina (spike) è sgradevole – a volte viene definita una “proteina patogena” – ed è riconosciuta come la causa di molte delle terribili patologie associate alla malattia COVID-19. Logicamente inattiveresti o almeno proveresti ad attenuare questa brutta proteina spike e svilupperesti un vaccino attorno al virus attenuato. Ma non è quello che è stato fatto. Questi “vaccini” non contengono affatto il virus incriminato, ma piuttosto la sequenza genica che provoca la produzione della brutta proteina spike nel corpo. Non abbiamo idea di quanta di questa cattiva proteina venga prodotta o per quanto tempo duri dopo un’iniezione della sequenza genica. Inoltre, stimolare i complessi sistemi biologici del corpo a produrre la proteina spike significherà che la quantità di proteine ​​prodotte varierà da persona a persona. L’idea è che la proteina spike prodotta dal gene che la codifica susciti una risposta da parte del nostro sistema immunitario per produrre anticorpi diretti contro lo spike. Quando il virus selvaggio arriva e ci infetta, gli anticorpi riconoscono la proteina spike e la attaccano prevenendone gli effetti nocivi. E lo fa, anche se, come abbiamo appreso da allora, questo approccio non è molto efficace nel prevenire l’infezione o interromperne la trasmissione. Forse ci stiamo aggrappando anche noi a sostenere che questi “vaccini” prevengono malattie gravi e la morte? Non abbiamo imparato nulla negli ultimi due anni nel trattamento dei sintomi del Covid con i farmaci terapeutici convenzionali? 

Conoscendo ciò che sappiamo sulla proteina spike in questi vaccini, lo studio ha misurato quantitativamente i livelli di proteina spike nel plasma dopo la vaccinazione. Che, a quanto pare, sono superiori ai livelli osservati in una persona con una grave infezione da COVID-19. Solo per scriverlo, il fatto che questo solo ora venga scoperto o sia noto, rilasciato al pubblico è secondo me criminale. Questo avrebbe dovuto essere caratterizzato molto tempo fa, anche prima dell’inizio degli studi clinici sull’uomo.

Il fatto che questo non sia stato pubblicato o indagato di più dimostra la grave negligenza regolamentare del dovere da parte di Pfizer, Biointech, Moderna, NIAID VRC e l’intero equipaggio. L’uso di questi vaccini, che includono la pseudouridina senza comprenderne appieno le implicazioni e senza che la FDA richieda un pacchetto normativo preclinico completo di tossicologia, compreso il follow-up a lungo termine, come avviene con qualsiasi altro additivo chimico o adiuvante unico, è scioccante. Poi c’è il nuovo uso delle nanoparticelle uniche utilizzate in questi vaccini, anch’essi valutati solo marginalmente, come mostrato dai dati giapponesi Pfizer.

L’espressione proteica non viene disattivata, perché la risposta immunitaria contro il complesso mRNA/pseudouridina non sta avvenendo o è inefficace. Può anche essere che il complesso mRNA/pseudouridina abbia un’emivita più lunga rispetto al normale mRNA. In entrambi i casi, questo è un incubo normativo.

Non so come scriverlo in modo più forte. Questa tecnologia è immatura. L’OMS ha approvato sei vaccini più tradizionali, tutti autorizzati dal governo degli Stati Uniti. Questi vaccini genetici non sono l’unica opzione.

Da notare: l’uso della pseudouridina in questi vaccini mRNA non è l’unica opzione. È stato spesso ipotizzato che il motivo per cui il dottor Kariko aggiunse la pseudouridina al vaccino mRNA fosse per apportare un miglioramento ai brevetti mRNA originali di cui ero un inventore. Un miglioramento di un brevetto esistente consente la commercializzazione di tale brevetto. È un vecchio trucco. Ricorda, che Curevac non utilizza la pseudouridina nella sua formulazione e non è richiesta o necessaria per una risposta immunitaria significativa . Nella prossima generazione di esperimenti sui vaccini mRNA (si spera fatti su un modello animale), è chiaro che i problemi dell’aggiunta di pseudouridina devono essere affrontati prima che altri di questi vaccini entrino nell’uomo.


So che quanto segue dal documento è lungo, ma è molto importante.

Rilevamento prolungato dell’mRNA del vaccino nei GC LN e antigene spike nei GC LN e sangue  dopo la vaccinazione con mRNA SARS-CoV-2

La biodistribuzione, la quantità e la persistenza dell’mRNA del vaccino e dell’antigene spike dopo la vaccinazione (con il vaccino Pfizer) e gli antigeni virali dopo l’infezione da SARS-CoV-2 sono compresi in modo incompleto, ma è probabile che siano i principali determinanti delle risposte immunitarie. Abbiamo eseguito l’ibridazione in situ con sonde RNAScope specifiche per mRNA del vaccino di controllo e SARS-CoV-2 nelle biopsie dell’ago centrale dei LN ascellari ipsilaterali che sono stati raccolti 7-60 giorni dopo la 2a dose di vaccinazione mRNA-1273 o BNT162b2 e vaccino rilevato mRNA raccolto nei GC dei LN il giorno 7, 16 e 37 dopo la vaccinazione, con segnale specifico inferiore ma comunque apprezzabile al giorno 60(Figure 7A-7E). Solo rari focolai di mRNA del vaccino sono stati osservati al di fuori dei GC. La biopsia dell’ago del nucleo LN ascellare di campioni non vaccinati (n = 3) e i campioni di pazienti COVID-19 erano negativi per l’ibridazione della sonda del vaccino. La colorazione immunoistochimica per l’antigene spike nei LN dei pazienti vaccinati con mRNA variava tra gli individui, ma mostrava un’abbondante proteina spike nei GC 16 giorni dopo la seconda dose, con l’antigene spike ancora presente fino a 60 giorni dopo la seconda dose. Spike antigene localizzato in uno schema reticolare attorno alle cellule GC, simile alla colorazione per i processi delle cellule dendritiche follicolari (Figura 7B). I pazienti LN COVID-19 hanno mostrato quantità inferiori di antigene spike, ma un raro GC aveva una colorazione positiva (Figura 7F).La colorazione immunoistochimica per l’antigene N nei follicoli LN secondari e primari peribronchiali di pazienti con COVID-19 (Figure 7F – 7I) è risultata positiva in 5 dei 7 pazienti, con una percentuale media di follicoli nucleocapside-positivi superiore al 25% .

Discussione Uno degli sviluppi positivi in ​​mezzo alla calamità globale della pandemia SARS-CoV-2 è stata la rapida progettazione, produzione e distribuzione di una varietà di vaccini, inclusi vaccini mRNA straordinariamente efficaci che codificano il picco virale (Baden et al., 2021; Polack et al., 2020). Troviamo che la vaccinazione BNT162b2 produce risposte IgG a spike e RBD a concentrazioni alte quanto quelle di pazienti gravemente malati di COVID-19 e segue un andamento temporale simile . A differenza dell’infezione, che stimola risposte IgM e IgA robuste ma di breve durata, la vaccinazione mostra una pronunciata distorsione per la produzione di IgG anche nei primi tempi

Leggilo di nuovo: la produzione proteica del picco è superiore a quella dei pazienti gravemente malati di COVID-19!

Il documento rileva inoltre che la risposta anticorpale è IgG, non IgA o IgM. Gli anticorpi IgA e IgM producono una forte risposta immunitaria della mucosa necessaria per le malattie respiratorie, a differenza delle IgG.
Questo articolo ha solo sfiorato la superficie delle implicazioni di questo documento in termini sia di scienza che di illeciti da parte del nostro governo e delle società farmaceutiche. 

Per accedere al documento completo da scaricare, fare clic qui.


Perché questi vaccini non sono stati sottoposti a prove di sicurezza adeguate per la tecnologia genetica, chiede a un ex ricercatore farmaceutico The Daily Skeptic 7 febbraio 2022 del Dr. John D. Flack

Questo articolo fa un ottimo lavoro nel documentare che non sono stati condotti studi appropriati e tenta persino di rispondere alla domanda sul perché:

Forse ci stiamo aggrappando anche noi a sostenere che questi “vaccini” prevengono malattie gravi e la morte? Non abbiamo imparato nulla negli ultimi due anni nel trattamento dei sintomi del Covid con i farmaci terapeutici convenzionali?

Forse questo ha spinto Big Pharma a perseguire un nuovo modello più redditizio basato sulla protezione dei sani piuttosto che sulla cura dei malati? Entra nell’era dei “vaccini” basati sui geni. Le nuove tecnologie hanno avuto un periodo di gestazione lungo e difficile con diversi nati morti. Ma forse il loro momento era arrivato con il virus “senza precedenti” dall’Est. Un’emergenza sanitaria dichiarata a livello mondiale richiedeva una risposta tecnologica ed era lì ad aspettare. Ma siamo stati accecati e ingannati dalla tecnologia e abbiamo perso di vista il gioco finale di fornire medicinali sicuri ed efficaci? È stato un uso giudizioso della PCR, della tecnologia di test rapido dell’antigene e della tecnologia informatica APP per guidare il test e tracciare il fiasco?

La tecnologia genetica era pronta per essere utilizzata in un programma di vaccinazione mondiale di massa senza un esame approfondito dei potenziali problemi di sicurezza a breve e lungo termine di questa tecnologia precedentemente non testata?

A mio avviso, la tecnocrazia ha prevalso sui sani principi, stabiliti nel corso di decenni e secoli, della pratica medica di base, dell’immunologia, della virologia, delle scienze farmaceutiche e della salute pubblica in generale. In questo processo, la democrazia politica, le libertà personali, la libertà di parola e di scelta sono state pericolosamente messe da parte e persino censurate.

Previous articleL’élite raccoglie le sue forze per un contrattacco ai camionisti
Next articleOttawa: i carro attrezzi a contratto si rifiutano di rimuovere i camion del Freedom Convoy. Si va verso la seconda settimana di blocco