Bersaglio MobileCoronavirusScienza e Tecnologia

DRAGHI AL G20 ”VACCINI SICURI”! Ma Scandinavi stoppano Moderna: “Rischi Miocarditi nei giovani”

Fonte originale: articolo di Gospa News

“Il messaggio ai nostri concittadini deve essere molto chiaro. I vaccini sono sicuri. I vaccini salvano vite“. Così il presidente del Consiglio Mario Draghi intervenendo al summit dei presidenti dei parlamenti del G20 tenutosi oggi al Senato della Repubblica Italiana, sottolineando che “il Parlamento Europeo” ha compiuto “molti passi concreti per sfatare i miti sui vaccini e ha fornito linee guida utili per identificare le notizie false sulle piattaforme digitali”.

Secondo il premier ci sono due problemi, da una parte “nei Paesi ricchi le dosi di vaccino sono ampiamente disponibili, ma una minoranza dei nostri concittadini rifiuta di vaccinarsi, o esita a farlo”, un comportamento “spesso dovuto alla paura che i vaccini non siano sicuri o efficaci, nonostante l’evidenza scientifica dimostri il contrario”, dall’altra invece nei Paesi a basso reddito “la disponibilità di vaccini è ancora limitata, anche per problemi di logistica”.

Ma poche ore prima del suo discorso proprio l’evidenza scientifica da lui tanto sbandierata aveva indotto due paesi dell’Unione Europea a sospendere il siero genico a base di RNA messaggero Spikevax di Moderna, a conferma che i dubbi sulla sicurezza di tali antidoti contro il Covid-19 sono ben diffusi anche tra gli esperti, come già evidenziato dallo Studio Ogata a Boston, dalla ricerca Doerfler a Colonia che ha evidenziato i rischi di alterazione del DNA e soprattutto dall’affidavit sui rischi miocardite nei giovani del tenente colonnello medico militare Theresa Long, già ricercatrice nei laboratori biologici di Fort Detrick.

«La Svezia e Danimarca sospendono in via precauzionale l’utilizzo del vaccino contro il Covid di Moderna sui più giovani. La Svezia sospenderà l’uso di Moderna per le persone nate dopo il 1991 a seguito delle segnalazioni di possibili effetti collaterali rari, come la miocardite, ha detto mercoledì l’agenzia sanitaria svedese» ha scritto Quotidiano Sanità in merito ad una patologia emersa peraltro anche tra i vaccinati con l’analogo vaccino genico Pfizer.

L’agenzia sanitaria ha affermato che i dati indicano un aumento di miocardite e pericardite tra i giovani e i giovani adulti che erano stati vaccinati. “La connessione è particolarmente chiara quando si tratta del vaccino Spikevax di Moderna, specialmente dopo la seconda dose”, ha spiegato in una nota aggiungendo che il rischio di essere colpiti è però “molto piccolo”.

L’agenzia sanitaria ha affermato di aver raccomandato invece il vaccino di Pfizer. Le persone nate nel 1991 o successive che avevano ricevuto una prima somministrazione con Moderna, circa 81.000 persone, non riceveranno una seconda dose dello stesso vaccino. All’inizio di questa settimana l’agenzia sanitaria svedese ha affermato che le persone di età compresa tra 12 e 15 anni riceveranno solo il vaccino Pfizer.

In Danimarca, invece, alle persone di età inferiore ai 18 anni non verrà più offerto il vaccino di Moderna, ma solo Pfizer. Finora ai ragazzi di 12-17 anni è stato offerto principalmente il vaccino Pfizer, ma in futuro saranno invitati solo per la vaccinazione con quello. I dati preliminari di un nuovo studio nordico hanno suggerito un possibile un aumento del rischio di infiammazione cardiaca a seguito della vaccinzionei con Moderna. In ogni caso anche in questo caso si sottolinea come il numero di casi di infiammazione cardiaca rimanga “molto basso”.

Nel frattempo dagli Stati Uniti d’America giunge la notizia che, come già previsto dopo gli esiti dei trials clinici, la multinazionale farmaceutica Pfizer ha chiesto alla Food and Drug Administration di autorizzare il suo vaccino anti Covid per la fascia di età tra i 5 e gli 11 anni. Una richiesta che riguarda circa 28 milioni di bambini.

Per conoscere tutti i retroscena nei dettagli acquista il libro WuhanGates…

Redazione Gospa News
© COPYRIGHT GOSPA NEWS
divieto di riproduzione senza autorizzazione 
segui Gospa News su Telegram


MAIN SOURCES

GOSPA NEWS – WUHANGATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS

QUOTIDIANO SANITA’ – SVEZIA E DANIMARCA SOSPENDONO MODERNA PER I GIOVANI

Fabio G. C. Carisio

Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani. https://gospanews.net

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite PayPal o carta di credito. 

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!