Società

È ora di porre fine alla tratta dei bambini e alla complicità internazionale nella prevenzione delle responsabilità

” Sparizioni forzate e complicità internazionale nella prevenzione della responsabilità “

Nella  Giornata internazionale degli scomparsi , i paesi di tutto il mondo ricordano i propri dati statistici sulle persone scomparse, mentre ai parenti viene ricordato un altro anno caratterizzato da una diffusa impunità.

Come altri giorni programmati per la commemorazione dalle Nazioni Unite, la Giornata internazionale degli scomparsi rende omaggio alle vittime e ai loro parenti, ma nulla di tangibile in termini di sostegno alla ricerca della giustizia e della memoria collettiva. Questi ultimi risuonano particolarmente in America Latina: le dittature appoggiate dagli Stati Uniti hanno creato un piano sistematico di scomparsa dei civili e impunità, lasciando i parenti alla mercé delle istituzioni statali che si occupano di custodire il patto del silenzio, come viene chiamato in Cile.

Tuttavia, l’intervento straniero e le sue ripercussioni si sono aggiunti al trauma associato alla scomparsa. Forse è ora che l’ONU accentui il fatto che la scomparsa non è solo un concetto storico. La commemorazione annuale è già ipocrita; aderire alla sua esclusività porta il sostegno delle Nazioni Unite alla violenza e all’impunità ad un altro livello.

La Primavera Araba, che l’ONU ha facilitato con l’approvazione dell’intervento della NATO in Libia, apparentemente per “portare democrazia”, ​​ha fatto precipitare la regione nella guerra civile e nei vuoti politici, provocando uccisioni e sparizioni di civili. Mentre gli omicidi attirano l’attenzione dei media a causa delle prove, le sparizioni vengono messe a tacere a meno che i parenti non ritengano sicuro parlare dei loro familiari scomparsi. La paura della punizione in un clima politico instabile in cui la violenza è in costante mutamento è uno scenario ideale per l’impunità politica. A sua volta, questo alimenta la narrativa dei diritti umani delle Nazioni Unite – una litania di promemoria che abbelliscono le occasioni cerimoniali e uno scarso sforzo per lavorare per la giustizia. Dopotutto, I rappresentanti delle Nazioni Unite sono anche rappresentanti di paesi che potrebbero avere interessi acquisiti nella violazione del diritto internazionale per prevenire responsabilità e giustizia. È questa discrepanza che non viene affrontata e che consente all’ONU, così come ai governi internazionali, di determinare come eludere il diritto internazionale e diluire il suo significato anche come riferimento legale.

Nel frattempo, i parenti degli scomparsi non hanno altra scelta che ricorrere a sistemi giudiziari corrotti che facilitano la sparizione e l’impunità. Nelle narrazioni tradizionali, gli scomparsi sono al di là dell’emarginazione: sono inesistenti.

I migranti annegati nel Mediterraneo – ultimamente il risultato dell’instabilità politica a seguito dell’intervento della NATO, non vengono presi in considerazione. La politica alla base del discorso sui diritti umani in relazione ai migranti è un perenne battibecco sui numeri e il modo migliore per ridurre la migrazione verso l’Europa. Gli accordi loschi che rimandano i migranti nei campi di concentramento in Libia sono stati normalizzati come una sfortunata circostanza degli eventi attuali. Se queste persone muoiono e rimangono disperse, non risuonerà nessuna protesta per la giustizia. I parenti degli scomparsi sono troppo preoccupati per la propria sopravvivenza. Nel frattempo, nascoste lontano dai paesi devastati dalla guerra, le organizzazioni per i diritti umani continuano a deludere gli scomparsi e i loro parenti ricorrendo agli stessi meccanismi che facilitano la sparizione forzata in primo luogo.

La normalizzazione del modo in cui il diritto internazionale è stato manipolato dall’ONU e dai leader internazionali non deve essere ignorata. Allo stesso modo, la Giornata internazionale degli scomparsi deve essere privata di qualsiasi patrocinio delle Nazioni Unite. Non tutte le occasioni commemorative sono state designate dalle Nazioni Unite, ma per l’organizzazione, queste costituiscono “potenti strumenti di difesa”. La domanda è: per chi? Di per sé, l’advocacy è in una lotta costante per navigare nella violenza politica delle istituzioni il cui principale interesse è salvaguardare la loro struttura a spese dell’umanità. L’ONU è complice nel consentire sparizioni forzate attraverso la sua tacita approvazione delle violazioni dei diritti umani. È conveniente che le Nazioni Unite enfatizzino l’advocacy, distogliendo l’attenzione dal suo ruolo, che è quello di creare condizioni di violenza in nome dei diritti umani.

Articolo tradotto da DatabaseItalia.it scritto Da Ramona Wadi.

Articoli correlati

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito.

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!