Quantcast
Database Italia

E’ ORA DI VERIFICARE I FATTI. I SITI DI FACT-CHECKING DI TERZE PARTI DI FACEBOOK SARANNO CITATI IN GIUDIZIO NEGLI USA

L’attivista conservatrice Candace Owens ha annunciato l’intenzione di citare in giudizio i fact-checker di terze parti di Facebook, accusandoli di censura e giurando di smascherare la relazione tra il gigante dei social media e gli “attivisti” del fact-checking.

“È ora di controllare i fatti”, ha detto la Owens in un video pubblicato sui suoi account sui social media.

Farò scoprire questi idioti e scoprirò qual è il rapporto che hanno con Facebook.

Gli imputati nella causa includono USAToday, nonché Lead Stories Fact Checker, entrambi partner di terze parti per il controllo dei fatti per Facebook. La Owens sta pianificando di portare in tribunale anche PolitiFact, un’organizzazione non profit per il controllo dei fatti indipendente .

La Owens ha accusato i verificatori e Facebook di essere una parte del presunto tentativo in corso di trasformare gli Stati Uniti in un paese “comunista” , dove l’ opinione “sbagliata” è soppressa, parlando della sua esperienza con la piattaforma. I Fact Checker sono ” veri e propri attivisti di sinistra che censurano i nostri post se non gli piacciono”, sostiene la Owens.

“Un medico ha espresso la sua opinione sul Covid-19, che ho condiviso, e Facebook ha emesso un ban sul mio account perché solo le informazioni con cui sono d’accordo sul Covid-19 … sono accettabili”, ha detto, aggiungendo che il suo account Facebook è stato successivamente demonetizzato.

Il programma di verifica dei fatti di Facebook è stato lanciato nel 2016 all’indomani delle elezioni presidenziali statunitensi, con il gigante dei social media che ha insistito sul fatto che fosse necessario promuovere un “ambiente autentico” pur “consentendo alle persone di avere una voce”. Invece di rimuovere senza mezzi termini i contenuti disapprovati dai verificatori di fatti, la rete riduce la sua visibilità nel feed, oltre a emettere varie etichette di avviso che vanno da “alterato” e “contesto mancante” a “falso”. Il processo è stato ripetutamente criticato da vari utenti, principalmente conservatori, che hanno accusato i verificatori di fatti di avere un forte pregiudizio di sinistra e di esercitare la censura politica.

Misure simili, e anche più severe, sono state introdotte da altri social media, incluso Twitter. Invece di impiegare verificatori di fatti di terze parti per rimanere “neutrali” come Facebook, ha implementato i propri algoritmi, etichettando i contenuti “fuorvianti” e fornendo collegamenti a informazioni che ritiene “credibili”.

In vista delle elezioni presidenziali statunitensi, che non hanno ancora prodotto un risultato finale, Twitter ha persino vietato ai suoi utenti, compresi i candidati, di rivendicare prematuramente la vittoria fino a quando non verrà dichiarata da almeno due organi di informazione “autorevoli” . Le regole aggiornate hanno portato a molteplici etichette di avvertimento di contenuti “controversi e fuorvianti” sui messaggi del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che affermano che vi sia una frode in atto.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.