Home Cybersecurity ELON MUSK ACQUISTA TWITTER | USA, UK E UE PRONTE A BANDIRE...

ELON MUSK ACQUISTA TWITTER | USA, UK E UE PRONTE A BANDIRE IL SOCIAL SE CONSENTIRÀ LIBERTÀ DI PAROLA

0
UE, USA E UK PRONTI A BANDIRE TWITTER SE CONCEDERà LIBERTà DI PAROLA

Martedì, il Regno Unito ha minacciato di vietare Twitter a poche ore dalle dichiarazioni dell’UE che ha minacciato di vietare completamente Twitter se Elon Musk consentirà la libertà di parola sulla sua piattaforma di social media appena acquisita. L’amministrazione Biden ha nel frattempo minacciato di utilizzare la Sezione 230 che ritiene le società di social media “responsabili” dei “danni che provocano”.

La CNBC ha riferito che la proposta di legge sulla sicurezza online britannica prenderebbe di mira anche i contenuti “legali ma dannosi”, una definizione problematica che ha attirato critiche da parte di molti nel settore tecnologico. La normativa non è stata ancora approvata, ma dovrebbe diventare legge entro la fine dell’anno.

“Twitter e tutte le piattaforme di social media devono proteggere i propri utenti da eventuali danni sui loro siti”, ha detto alla CNBC un portavoce del governo britannico. “Stiamo introducendo nuove leggi sulla sicurezza online per salvaguardare i bambini, prevenire comportamenti abusivi e proteggere la libertà di parola. Tutte le aziende tecnologiche con utenti nel Regno Unito dovranno rispettare le nuove leggi o affrontare pesanti multe e bloccare i loro siti”, ha aggiunto il portavoce.

Twitter potrebbe essere soggetto a sanzioni fino al 10% del suo reddito annuo.

Musk ha deriso la virulenta censura prevista dal Regno Unito e dall’UE in un tweet.

“Per ‘libertà di parola’ intendo semplicemente ciò che corrisponde alla legge. Sono contro la censura che va ben oltre la legge. Se le persone vogliono meno libertà di parola, chiederanno al governo di approvare leggi in tal senso. Pertanto, andare oltre la legge è contrario alla volontà delle persone”, ha osservato Musk in un tweet di follow-up.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleL’IMMINENTE FINE DELLA NATO, VERSO UNA VERA ALLEANZA ANTI NWO
Next articleALLARME EPATITE, SECONDO UNO STUDIO PUBBLICATO SUL JOURNAL OF HEPATOLOGY LA COLPA SAREBBE DEI VACCINI COVID
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.