CybersecurityDeep StateEight O’Clock in the MorningScienza e Tecnologia

ELON MUSK ACQUISTA TWITTER | USA, UK E UE PRONTE A BANDIRE IL SOCIAL SE CONSENTIRÀ LIBERTÀ DI PAROLA

Martedì, il Regno Unito ha minacciato di vietare Twitter a poche ore dalle dichiarazioni dell’UE che ha minacciato di vietare completamente Twitter se Elon Musk consentirà la libertà di parola sulla sua piattaforma di social media appena acquisita. L’amministrazione Biden ha nel frattempo minacciato di utilizzare la Sezione 230 che ritiene le società di social media “responsabili” dei “danni che provocano”.

La CNBC ha riferito che la proposta di legge sulla sicurezza online britannica prenderebbe di mira anche i contenuti “legali ma dannosi”, una definizione problematica che ha attirato critiche da parte di molti nel settore tecnologico. La normativa non è stata ancora approvata, ma dovrebbe diventare legge entro la fine dell’anno.

“Twitter e tutte le piattaforme di social media devono proteggere i propri utenti da eventuali danni sui loro siti”, ha detto alla CNBC un portavoce del governo britannico. “Stiamo introducendo nuove leggi sulla sicurezza online per salvaguardare i bambini, prevenire comportamenti abusivi e proteggere la libertà di parola. Tutte le aziende tecnologiche con utenti nel Regno Unito dovranno rispettare le nuove leggi o affrontare pesanti multe e bloccare i loro siti”, ha aggiunto il portavoce.

Articoli correlati

Twitter potrebbe essere soggetto a sanzioni fino al 10% del suo reddito annuo.

Musk ha deriso la virulenta censura prevista dal Regno Unito e dall’UE in un tweet.

“Per ‘libertà di parola’ intendo semplicemente ciò che corrisponde alla legge. Sono contro la censura che va ben oltre la legge. Se le persone vogliono meno libertà di parola, chiederanno al governo di approvare leggi in tal senso. Pertanto, andare oltre la legge è contrario alla volontà delle persone”, ha osservato Musk in un tweet di follow-up.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

[jetpack_subscription_form]

Davide Donateo

Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!