Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali ELON MUSK SCOPRE LA KILL LIST UCRAINA

ELON MUSK SCOPRE LA KILL LIST UCRAINA

0

Elon Musk ha espresso preoccupazione per un sito web controverso che elenca presunti nemici di Kiev, tra le affermazioni secondo cui il suo stesso nome è apparso brevemente su Mirotvorets in seguito alle sue minacce di tagliare i finanziamenti per i servizi Internet satellitari Starlink attivamente utilizzati dalle truppe ucraine.

“Questa lista è reale? Qual è l’URL?” il CEO di SpaceX ha twittato in risposta alla giornalista indipendente Eva Karene Bartlett, che venerdì ha condiviso uno screenshot virale che afferma di mostrare la sua persona aggiunta al famigerato database.

“Parlo e scrivo di questa lista da anni, dopo essere stata inserita nel 2019, ma ora che c’è Musk, dopo Roger Waters e altri, forse la lista dei ‘pacificatori’ potrebbe essere uccisa (chiudere il sito) a sua volta…” Bartlett ha scritto.

Il nome di Elon Musk non era nell’elenco fino a sabato e non è chiaro se sia effettivamente apparso brevemente su Mirotvorets. Alcuni report hanno affermato che il suo profilo è stato rapidamente cancellato dal database, mentre gli attivisti ucraini hanno affermato che l’immagine era falsa e l’hanno definita una provocazione russa.

Molti dei seguaci di Musk sono rimasti sorpresi di scoprire che non aveva mai sentito parlare di Mirotvoret prima e lo hanno bombardato con esempi di personaggi pubblici di spicco nel database, alcuni già contrassegnati come “liquidati”. Musk  ha ammesso  che era “preoccupante”, dopo aver verificato con Wikipedia che un elenco del genere esiste davvero e gli è stato permesso di rimanere online dal 2014.

Mirotvorets, o “Peacemaker”, è un presunto database indipendente di individui che i moderatori anonimi considerano  minacce  alla sicurezza nazionale ucraina. Il sito nega di essere una kill list; piuttosto, afferma di essere una fonte di informazioni per le forze dell’ordine e i “servizi speciali” su terroristi filo-russi, separatisti e criminali di guerra, tra gli altri. Presumibilmente ha collegamenti con il ministero dell’Interno ucraino.

Il progetto Mirotvorets ha guadagnato una certa notorietà nel 2015, quando lo scrittore e storico Oles Buzina e il politico Oleg Kalashnikov sono stati assassinati in Ucraina dopo che i loro profili erano apparsi sul sito web. Nel 2016, funzionari dell’UE e gruppi di giornalisti hanno condannato Mirotvorets per aver fatto trapelare dati su oltre 4.000 membri dei media.

Gli attivisti per i diritti umani hanno scoperto che il sito web contiene i dati personali di 327 bambini, spingendo le autorità russe a condividere le loro preoccupazioni per questa “enorme ingiustizia” con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Il sito ha pubblicato dati personali – nomi, indirizzi, foto, pagine social – di bambini, il più giovane dei quali non ha ancora nemmeno 10 anni,  secondo  il capo della Fondazione per la Lotta alle Repressioni.

Le accuse di Musk brevemente presenti nella “lista delle uccisioni” hanno fatto il giro dei social media negli ultimi due giorni, a seguito di notizie secondo cui avrebbe cercato di interrompere il servizio Starlink gratuito per l’Ucraina a meno che il Pentagono non coprisse le perdite della sua azienda. Sabato Musk ha fatto una brusca inversione di marcia, dicendo “al diavolo… continueremo a finanziare gratuitamente il governo ucraino”.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleUna guerra prolungata non redditizia
Next articleEsplosioni a Washington DC e sul tetto dell’edificio dell’FBI. Video del 12 ottobre 2022
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.