Home Deep State Elon Musk: “Strano” che il Dipartimento di Giustizia non abbia rivelato i...

Elon Musk: “Strano” che il Dipartimento di Giustizia non abbia rivelato i nomi dei clienti di Jeffrey Epstein

34
0
Elon musk e jeffrey Epstein

L’uomo più ricco del mondo si è chiesto il motivo per cui le autorità americane non hanno smascherato i clienti d’élite del famigerato pedofilo

L’imprenditore miliardario Elon Musk si interroga sul motivo per cui nessuno al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha esposto l’elenco dei clienti del pedofilo Jeffrey Epstein e sul perché nessuno nei media legacy sembra inseguire la storia.

“La cosa più assurda del DOJ che non ha fatto trapelare l’elenco è che nessuno nei media se ne preoccupa”, ha dichiarato Musk sabato in un post su Twitter. “Non vi sembra strano?”

Musk ha allegato il commento a un meme intitolato “Cose che non vedrò mai in vita mia”, che mostrava illustrazioni di un drago sputafuoco, un dinosauro e un unicorno, insieme alle parole “Epstein-Maxwell client list”. 

Epstein, finanziere condannato per reati sessuali, è morto in una cella di New York City nell’agosto 2019 in attesa del processo con l’accusa di traffico sessuale di minori. La sua morte è stata classificata come suicidio, un’affermazione contestata dai critici, molti dei quali hanno ipotizzato che fosse stato ucciso per impedirgli di identificare i suoi potenti clienti.

Leggi anche: IL PROGETTO TERRAMAR DI GHISLAINE MAXWELL

L’enigmatica morte del finanziere condannato Jeffrey Epstein è stata vista come un sollievo per molti dei suoi potenti amici perché qualunque sporco segreto che conoscesse su di loro ora è sepolto per sempre. Ma hanno dimenticato una cosa: Forse Epstein ha fatto trapelare qualcuno di questi segreti ai giornalisti in termini in passato, e ora potrebbero essere di dominio pubblico.

Uno di questi fortunati reporter è stato James B. Stewart del New York TimesIn una colonna settimanale pubblicata online, Stewart ha rivelato dettagli precedentemente non raccontati sulla sua intervista con Epstein nell’agosto 2018 riguardo ai suoi rapporti d’affari con le figure di potere della Silicon Valley, in particolare proprio il CEO di Tesla Elon Musk .

Stewart ha scritto che, prima di prenotare l’intervista, aveva sentito una voce secondo cui Epstein stava consigliando Musk su una strategia di risposta alla crisi dopo che il tweet esplosivo di Musk sulla presa di Tesla privata si è ritorto contro gli azionisti e la SEC. (Musk ha pubblicato il tweet il 7 agosto. Stewart ha intervistato Epstein il 16 agosto.)

Stewart ha anche scritto di aver sentito che Epstein stava compilando un elenco di candidati per sostituire Musk come presidente del consiglio di amministrazione di Tesla, che in seguito è diventato parte dell’accordo nell’ambito dell’accordo di Tesla con la SEC .

Secondo il giornalista, Epstein riconobbe il suo coinvolgimento con Tesla evitando però di discutere il lavoro in dettaglio, spiegando che “una volta diventato pubblico il suo ruolo di consigliere dell’azienda, avrebbe dovuto lasciare, perché era considerato un personaggio ” radioattivo “, Scrive Stewart. “Ha predetto che tutti in Tesla avrebbero negato di parlare con lui o di essere suoi amici”.

La previsione di Epstein su come avrebbe reagito Tesla si rivelò acuta. Infatti il portavoce di Tesla rilasciò una dichiarazione a vari media, dicendo che ” non è corretto dire che Epstein abbia mai consigliato a Elon di qualsiasi cosa”. 

Anche Stewart aveva i suoi dubbi, scrivendo: “Sembrava chiaro che il signor Epstein avesse abbellito il suo ruolo nella situazione di Tesla per aumentare la propria importanza e attirare l’attenzione”.

Potrebbe interessarti:

Ghislaine Maxwell e Elon Musk

L’ex confidente di Epstein Ghislaine Maxwell è stata condannata lo scorso dicembre per traffico sessuale di minori dopo che una giuria ha ritenuto che il suo ruolo fosse quello di facilitare l’abuso di ragazze minorenni. Ha rifiutato di testimoniare in propria difesa – i suoi avvocati hanno impiegato solo due giorni per presentare la sua posizione sul caso – e secondo quanto riferito non ha fatto alcuno sforzo per eludere la punizione esponendo i clienti di Epstein che potrebbero aver commesso crimini.

Il sospetto associato di Epstein Jean-Luc Brunel, capo di un’agenzia di modelle che avrebbe fornito ragazze minorenni al finanziere, è morto in una cella in una prigione francese a febbraio, secondo quanto riferito per suicidio. Il fratello di Ghislaine Maxwell, Ian Maxwell, è rimasto scioccato dalla notizia di un altro imputato legato a Epstein morto impiccato in una prigione di massima sicurezza, dichiarando successivamente di temere per la sicurezza della sua famiglia e di sua sorella e ha insistito sul fatto che non ha tendenze suicide.

Dopo aver pubblicato il suo messaggio sull’assenza di fughe di notizie o report sui clienti di Epstein, Musk ha scherzato: “A volte penso che la mia lista di nemici sia troppo breve, quindi . . . .”

Il CEO di Tesla e SpaceX, la cui fortuna è stimata da Forbes in quasi 217 miliardi di dollari, è diventato l’obiettivo dei media dopo aver accettato ad aprile di acquisire Twitter per 44 miliardi di dollari. Musk ha promesso di “sbloccare” il valore del gigante dei social media rendendolo un paradiso per la libertà di parola.

L’imprenditore sudafricano ha suggerito il mese scorso che potrebbe diventare vittima di un gioco scorretto. “Se morirò in circostanze misteriose, è stato bello conoscervi”, ha detto Musk ai suoi 96 milioni di follower su Twitter. Non ha fornito alcuna spiegazione o contesto per il tweet.

Leggi anche:

Previous articleL’agenda del Bilderberg 2022: disinformazione, deglobalizzazione e interruzione del sistema finanziario globale
Next articleIL LIBANO AVVERTE ISRAELE: “STOP ALLE PROVOCAZIONI”
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.