Home Cybersecurity ESCLUSIVO. FMI, 10 PAESI SIMULANO ATTACCO INFORMATICO AL SISTEMA FINANZIARIO GLOBALE

ESCLUSIVO. FMI, 10 PAESI SIMULANO ATTACCO INFORMATICO AL SISTEMA FINANZIARIO GLOBALE

0
Israel financial-cyber officials take part in a simulation of a major cyber attack on the global financial system with 9 other countries, the World Bank and IMF at the Finance Ministry in Jerusalem December 9, 2021 REUTERS/ Ammar Awad

<<I funzionari israeliani della cyber-finanza prendono parte a una simulazione di un grande attacco informatico al sistema finanziario globale con altri 9 paesi, la Banca Mondiale e il FMI presso il Ministero delle Finanze a Gerusalemme.

GERUSALEMME, 9 dicembre (Reuters) – Israele ha condotto giovedì una simulazione in 10 paesi di un grave attacco informatico al sistema finanziario globale nel tentativo di aumentare la cooperazione che potrebbe aiutare a ridurre al minimo qualsiasi potenziale danno ai mercati finanziari e alle banche.

Il “gioco di guerra” simulato, come lo ha chiamato e pianificato il ministero delle finanze israeliano nell’ultimo anno, si è evoluto in 10 giorni, con dati sensibili che sono emersi sul Dark Web. La simulazione ha utilizzato anche notizie false che nello scenario hanno causato il caos nei mercati globali e una corsa alle banche.

La simulazione, probabilmente causata da quelli che i funzionari hanno definito giocatori “sofisticati”, presentava diversi tipi di attacchi che hanno avuto un impatto sui mercati globali dei cambi e delle obbligazioni, sulla liquidità, sull’integrità dei dati e sulle transazioni tra importatori ed esportatori.

“Questi eventi stanno creando scompiglio nei mercati finanziari”, annuncia il narratore di un film mostrato ai partecipanti come parte della simulazione e visto da Reuters.

Funzionari del governo israeliano hanno affermato che tali minacce sono possibili sulla scia dei numerosi attacchi informatici di alto profilo alle grandi aziende e che l’unico modo per contenere eventuali danni è attraverso la cooperazione globale poiché l’attuale sicurezza informatica non è sempre abbastanza forte.

“Gli aggressori sono 10 passi avanti rispetto al difensore”, ha detto a Reuters Micha Weis, cyber manager finanziario presso il ministero delle finanze israeliano.

Hanno partecipato all’iniziativa, denominata “Collective Strength”, funzionari del Tesoro provenienti da Israele, Stati Uniti, Regno Unito, Emirati Arabi Uniti, Austria, Svizzera, Germania, Italia, Paesi Bassi e Thailandia, nonché rappresentanti dell’Ufficio del Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale e Banca dei Regolamenti Internazionali.

Il narratore del film nella simulazione ha affermato che i governi erano sotto pressione per chiarire l’impatto dell’attacco, che stava paralizzando il sistema finanziario globale.

“Le banche chiedono assistenza di liquidità di emergenza in una moltitudine di valute per porre fine al caos mentre le controparti ritirano i loro fondi e limitano l’accesso alla liquidità, lasciando le banche allo sbando e alla rovina”, ha detto il narratore.

I partecipanti hanno discusso le politiche multilaterali per rispondere alla crisi, tra cui un giorno festivo coordinato, periodi di grazia per il rimborso del debito, accordi SWAP/REPO e delinking coordinato dalle principali valute.

Rahav Shalom-Revivo, capo informatico nel settore finanziario di Israele, ha affermato che la collaborazione internazionale tra i ministeri delle finanze e le organizzazioni internazionali “è fondamentale per la resilienza dell’ecosistema finanziario”.

La simulazione era originariamente prevista per l’Expo mondiale di Dubai, ma è stata spostata a Gerusalemme a causa della presunta variante Omicron di COVID-19, con la partecipazione di funzionari in videoconferenza.>>

Ora per favore dimmi quali paesi hanno guidato maggiormente le restrizioni e il Grande Reset. Australia e Canada appartengono alla Corona britannica e devono essere assimilati al Regno Unito.

E QUESTA È LA VISIONE DI ISRAELE, SECONDO TIMES OF ISRAEL:

ISRAELE GUIDA LA SIMULAZIONE IN 10 PAESI DEL GRANDE ATTACCO INFORMATICO SUI MERCATI MONDIALI

L’ESERCITAZIONE DI 10 GIORNI GUIDATA DAL MINISTERO DELLE FINANZE MIRA A RAFFORZARE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONTRO LA MINACCIA DEGLI HACKER AI SISTEMI FINANZIARI GLOBALI

A cura di  TOI STAFF 9 dicembre 2021, 23:02  

Israel financial-cyber officials take part in a simulation of a major cyber attack on the global financial system with 9 other countries, the World Bank and IMF at the Finance Ministry in Jerusalem December 9, 2021 REUTERS/ Ammar Awad

Israele ha condotto una simulazione con 10 paesi in 10 giorni di un grande attacco informatico al sistema finanziario mondiale da parte di attori “sofisticati”, con l’obiettivo di ridurre al minimo i danni alle banche e ai mercati finanziari, ha affermato giovedì il ministero delle finanze.

Il ministero delle Finanze ha guidato lo scenario con l’aiuto del ministero degli Esteri e ha affermato che il “gioco di guerra” è stato il primo del suo genere.

L’esercizio ha simulato diversi scenari, tra cui dati sensibili che emergono sul dark web insieme a notizie false, portando al caos finanziario globale.

Tra i partecipanti c’erano rappresentanti di Stati Uniti, Regno Unito, Emirati Arabi Uniti, Germania, Italia, Austria, Svizzera, Paesi Bassi, Thailandia, Fondo monetario internazionale e Banca mondiale.

Il capo economista del ministero delle Finanze, Shira Greenberg, era a capo della squadra israeliana. L’esercizio è stato “un’ulteriore prova della leadership globale di Israele” nel settore della difesa cibernetica finanziaria.

“L’esercizio unico e innovativo tenutosi oggi ha mostrato l’importanza di un’azione globale coordinata da parte dei governi insieme alle banche centrali di fronte alle minacce informatiche finanziarie”, ha affermato Greenberg.

La simulazione “ha caratterizzato diversi tipi di attacchi che hanno avuto un impatto sui mercati globali dei cambi e obbligazionari, sulla liquidità, sull’integrità dei dati e sulle transazioni tra importatori ed esportatori”, ha riferito Reuters.

Funzionari israeliani hanno affermato che la cooperazione internazionale è l’unico modo per contrastare la minaccia di grandi attacchi informatici.

“Gli aggressori sono 10 passi avanti rispetto al difensore”, ha affermato Micha Weis, responsabile informatico finanziario presso il Ministero delle finanze.

A ottobre, il National Cyber ​​Directorate ha emesso un avvertimento generale alle imprese israeliane di essere consapevoli di potenziali attacchi informatici, poiché il paese ha dovuto affrontare un aumento dei tentativi di hacking.

Israel financial-cyber officials take part in a simulation of a major cyber attack on the global financial system with 9 other countries, the World Bank and IMF at the Finance Ministry in Jerusalem December 9, 2021 REUTERS/ Ammar Awad

L’avvertimento è arrivato dopo che un ospedale israeliano ha affrontato un grave   attacco informatico ransomware che ha paralizzato i sistemi e dal quale potrebbero essere necessari diversi mesi per riprendersi.

Mercoledì, il National Insurance Institute israeliano ha dichiarato che il  suo sito Web è stato violato , causando la messa offline per diverse ore.

A luglio, la società di sicurezza informatica Check Point ha riferito che le istituzioni israeliane sono  prese di mira da circa il doppio degli  attacchi informatici rispetto alla media di altri paesi del mondo, in particolare il settore sanitario del paese, che subisce una media di 1.443 attacchi a settimana.

Leggi anche: AVVERTIMENTO! Inizia il “Dark Winter”! La fase successiva è la “pandemia digitale” l’inizio delle Cyber ​​Wars

I settori più presi di mira in tutto il mondo, incluso in Israele, sono l’istruzione e la ricerca, seguiti dalle organizzazioni governative e di sicurezza e poi dalle istituzioni sanitarie.

Il rapporto ha rilevato che, in media, un’organizzazione o azienda israeliana su 60 viene presa di mira ogni settimana con attacchi ransomware, con un aumento del 30% rispetto al tasso del 2020.

Leggi anche: LA CYBERWAR É IMMINENTE E AVRÀ CONSEGUENZE SU TUTTI, AD AFFERMARLO IL CEO DELLA SOCIETÀ CHE HA SCOPERTO L’HACK DI SOLARWINDS

Il mese scorso, il gruppo di hacker Black Shadow ha rilasciato quello che si dice fosse il  database completo di informazioni personali degli utenti  dal sito web di Atraf, un servizio di incontri LGBTQ israeliano e riferimento della vita notturna.

Il gruppo ha anche caricato informazioni mediche personali dei pazienti dell’istituto medico israeliano Machon Mor, comprese le cartelle cliniche di circa 290.000 pazienti.

I due attacchi hanno rappresentato una delle più grandi violazioni della privacy mai avvenute in Israele.

Secondo i resoconti dei media ebraici, Black Shadow è un gruppo di hacker legati all’Iran che usano attacchi informatici per scopi criminali.

RAPPORTO MOLTO INTERESSANTE, AL CONTRARIO DI REUTERS, VERO? ORA RIASSUMIAMO UN PO’, PER AVERE PIÙ CONTESTO

 Piattaforma del Centro per la sicurezza informatica del World Economic Forum 

Il Centro per la sicurezza informatica sta guidando la risposta globale per affrontare le sfide sistemiche della sicurezza informatica e migliorare la fiducia digitale.

Mentre i progressi tecnologici e l’interconnessione globale accelerano in modo esponenziale nella Quarta Rivoluzione Industriale, rischi e minacce alla sicurezza sistemica senza precedenti stanno minando la fiducia e la crescita.

Il Centro per la sicurezza informatica del World Economic Forum è una piattaforma globale indipendente e imparziale impegnata a promuovere il dialogo e la collaborazione internazionali tra la comunità globale della sicurezza informatica sia nel settore pubblico che in quello privato. Colmiamo il divario tra esperti di sicurezza informatica e decisori ai massimi livelli per rafforzare l’importanza della sicurezza informatica come priorità strategica fondamentale.

Leggi anche: CYBER POLYGON – I MEMBRI DEL WEF SI RIUNISCONO SOTTO IL TIMONE RUSSO PER REALIZZARE IL CYBER RESET

La nostra Community ha individuato le seguenti tre priorità chiave:

Costruire la resilienza informatica  : migliora la resilienza informatica sviluppando e scalando soluzioni lungimiranti e promuovendo pratiche efficaci in tutti gli ecosistemi digitali.

Rafforzare la cooperazione globale  : aumentare la cooperazione globale tra le parti interessate pubbliche e private promuovendo una risposta collettiva alla criminalità informatica e affrontando congiuntamente le principali sfide alla sicurezza.

Comprendere le reti e la tecnologia del  futuro: identificare le sfide e le opportunità future relative alla sicurezza informatica relative alle tecnologie della quarta rivoluzione industriale e immaginare soluzioni che aiutino a creare fiducia.

Previous articleVerba Volant #1
Next articlePFIZER: AFFARI CON GOLDMAN SACHS, INTRIGHI CON GLI EX MANAGER DRAGHI & MONTI
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.