Home Coronavirus ESCLUSIVO – I decessi per Covid-19 sono in rapido aumento ma meno...

ESCLUSIVO – I decessi per Covid-19 sono in rapido aumento ma meno del 25% di loro sono non vaccinati; è ora di ammettere che il siero non funziona, smettere di iniettare i bambini e tornare alla normalità

0

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

È tempo di ammettere che il programma di iniezione di Covid-19 è un enorme fallimento, smettere di prendersela con i bambini e tornare alla vita normale perché secondo gli ultimi dati della sanità pubblica semplicemente non funzionano o molto probabilmente peggiorano il destinatario se esposto al presunto virus covid-19 .

Possiamo rivelare esclusivamente che i non vaccinati rappresentano solo il 25% dei decessi nelle ultime quattro settimane (e tale percentuale si è ridotta nelle ultime settimane), i non vaccinati hanno una probabilità molto inferiore di essere ricoverati in ospedale, una probabilità molto inferiore di morte se contagiati da Covid-19 e una probabilità di morte molto inferiore se ricoverati in ospedale con Covid-19, e le autorità di sanità pubblica stanno facendo del loro meglio per nasconderlo.

Public Health Scotland (PHS) ha pubblicato un rapporto statistico settimanale sul Covid-19 con una serie di dati su test, casi, ricoveri e decessi. Un  rapporto pubblicato da PHS nel giugno 2021 ha  persino rivelato che il numero totale di decessi si è verificato entro 28 giorni dall’iniezione di Covid-19 dall’inizio del programma di vaccinazione.

Fino all’11 giugno 2021, il PHS afferma che 5.522 sono morti entro 28 giorni dall’iniezione di Pfizer, Moderna o AstraZeneca Covid-19.

Stranamente, Public Health Scotland non ha rilasciato alcun aggiornamento su questa cifra dal giugno 2021; molto probabilmente a causa del numero sfavorevole che si è verificato. Ma almeno si sono presi la briga di rilasciare alcune informazioni sul numero di decessi avvenuti entro 28 giorni dall’iniezione di Covid-19, a differenza di Public Health England che afferma di non avere una registrazione dei dati.

L’  ultimo rapporto statistico PHS Covid-19 è  stato pubblicato il 1 settembre 2021 con la stragrande maggioranza delle statistiche fino alla data del 30 agosto 2021, ad eccezione dei decessi in cui il PHS fornisce solo il numero che si è verificato fino al 19 agosto 2021 .

Public Health Scotland presenta il numero di casi, ricoveri e decessi per stato di vaccinazione, tuttavia, va notato che riguardano persone che hanno ricevuto due dosi di un’iniezione di Covid-19 meno di 14 giorni prima del caso confermato, dell’ospedalizzazione o morte per aver ricevuto una sola dose. E considerano qualcuno che ha ricevuto una singola dose meno di 14 giorni prima del caso confermato, del ricovero o della morte come non vaccinato.
Approfondimento: Il CDC classifica le persone decedute entro 14 giorni dalla vaccinazione come non vaccinate. Come…

La tabella 15 dell’ultimo rapporto ci mostra il numero di casi confermati positivi di Covid-19 per settimana e lo stato di vaccinazione dal 31 luglio al 27 agosto 2021. La settimana più recente a partire dal 21 agosto 2021 mostra che si sono verificati 15.442 casi tra la popolazione non vaccinata , mentre 14.346 si sono verificati tra la popolazione completamente vaccinata. Ciò rappresenta un aumento di 2 volte del numero di casi rispetto alla settimana precedente sia nella popolazione non vaccinata che in quella completamente vaccinata.

Tuttavia, prendendo i dati delle quattro settimane precedenti, possiamo scoprire che sono stati confermati un totale di 30.091 casi tra la popolazione non vaccinata, mentre si sono verificati 27.450 casi tra la popolazione completamente vaccinata. Pertanto, ci si aspetterebbe che i ricoveri siano anche i più alti tra la popolazione non vaccinata, soprattutto considerando il fatto che non hanno avuto un’iniezione di Covid-19 che avrebbe presumibilmente ridotto il rischio di ricovero e morte del 95%.

La tabella 16 dell’ultimo rapporto ci mostra il numero di ricoveri per settimana e stato vaccinale dal 31 luglio al 27 agosto 2021. L’ultima settimana a partire dal 21 agosto 2021 mostra che si sono verificati 153 ricoveri tra la popolazione non vaccinata, mentre 261 ricoveri si sono verificati tra la popolazione completamente vaccinata.

“Deve essere un’anomalia?”, si sente chiedere da qualcuno. “Sicuramente se l’iniezione di Covid-19 riducesse il rischio di ricovero in ospedale del 95%, allora dovrebbero esserci meno persone completamente vaccinate ricoverate con Covid-19 rispetto alle persone non vaccinate? Perché ci sono state meno persone completamente vaccinate infettate da Covid-19 rispetto a persone non vaccinate”.

Ebbene, temiamo che non sia un’anomalia, perché facendo il totale delle ultime quattro settimane dal 31 luglio il numero di ricoveri nella popolazione non vaccinata è di 509, mentre il numero di ricoveri tra la popolazione completamente vaccinata è di 657 .

Ciò che mostra anche è che i vaccinati completamente corrono un rischio molto più elevato di essere ricoverati in ospedale se infetti da Covid-19. Solo l’1,69% dei casi tra la popolazione non vaccinata nelle ultime quattro settimane ha portato al ricovero in ospedale, mentre il 2,4% dei casi tra la popolazione completamente vaccinata ha portato al ricovero in ospedale.

Ciò dimostra che i completamente vaccinati hanno 1,42 volte / 42% in più di probabilità di essere ricoverati in ospedale con Covid-19 rispetto alla popolazione non vaccinata, quando si suppone che l’iniezione di Covid-19 renda il 95% in meno di probabilità di essere ricoverati in ospedale con Covid-19 rispetto ai popolazione non vaccinata.

“Forse sono stati ricoverati in ospedale con qualcos’altro e sono appena risultati positivi?” ti sentiamo chiedere. “Sicuramente la maggior parte dei decessi si è verificata tra la popolazione non vaccinata, considerando che la maggioranza dei casi è tra i non vaccinati?”.

Bene, è qui che Public Health Scotland sta facendo del suo meglio per far sembrare che la maggior parte dei decessi avvenga tra la popolazione non vaccinata quando in realtà è vero il contrario.

Invece di mostrare il numero totale di decessi su base settimanale come hanno fatto sia con i casi che con i ricoveri, PHS ha deciso di presentare i decessi per stato di vaccinazione utilizzando la data di inizio del 29 dicembre 2021.

PHS afferma di utilizzare la data del 29 dicembre 2020 perché rappresenta la “protezione che si sviluppa dopo la prima dose” poiché questa data è 21 giorni dopo l’inizio del programma di vaccinazione.

Ma così facendo sono stati in grado di garantire facilmente che i presunti decessi per Covid-19 fossero i più alti tra i non vaccinati perché dal picco della presunta seconda ondata di decessi per Covid-19 il 27 gennaio 2021, la Scozia aveva somministrato solo una singola dose di un vaccino contro il Covid-19 al 9% della popolazione, mentre solo lo 0,1% era completamente vaccinato. Pertanto, un’enorme quantità di presunti decessi per Covid-19 si è ovviamente verificata nella popolazione non vaccinata, perché all’epoca era stata vaccinata una quantità trascurabile di persone.

Ma confrontando i rapporti settimanali pubblicati da PHS siamo in grado di calcolare il vero numero di decessi per Covid-19 in base allo stato di vaccinazione e mostra che la stragrande maggioranza si verifica tra i completamente vaccinati.

La tabella 17 del rapporto più recente rivela che dal 29 dicembre 2020 al 19 agosto 2021 ci sono stati 3.096 decessi tra la popolazione non vaccinata, 277 decessi tra la popolazione parzialmente vaccinata e 264 decessi tra la popolazione completamente vaccinata – ma non t dimenticare, la maggior parte dei decessi nella popolazione non vaccinata si è verificata tra il 29 dicembre 2020 e il 27 gennaio 2021, quando solo lo 0,1% della Scozia era completamente vaccinato.

Se torniamo indietro di quattro settimane al  rapporto pubblicato da PHS il 2 agosto 2021  , possiamo vedere che si sono verificati 3.052 decessi tra la popolazione non vaccinata, 270 decessi nella popolazione parzialmente vaccinata e 140 decessi tra la popolazione completamente vaccinata fino al 22 luglio 2021.

Ciò significa che, sulla base dei dati più recenti, solo 44 decessi si sono verificati tra la popolazione non vaccinata nelle ultime quattro settimane, mentre 7 decessi si sono verificati nella popolazione parzialmente vaccinata e 124 decessi si sono verificati nella popolazione completamente vaccinata, il che significa che i non vaccinati hanno rappresentato solo Il 25% dei decessi per Covid-19 nella nuova terza ondata estiva nonostante rappresenti la maggior parte dei presunti casi di Covid-19.

Ciò che questo mostra anche è che il rischio di morte, se infetto o ricoverato in ospedale con Covid-19, è molto più alto tra la popolazione completamente vaccinata quando si suppone che il rischio di morte per i completamente vaccinati sia ridotto del 95% rispetto ai non vaccinati.

Nelle ultime quattro settimane lo 0,1% dei casi confermati tra la popolazione non vaccinata ha provocato la morte, mentre lo 0,33% dei casi confermati tra la popolazione completamente vaccinata ha provocato la morte. Pertanto, secondo i dati di Public Health Scotland, il rischio di morte se infetto da Covid-19 è 3,3 volte / 230% più alto se completamente vaccinato rispetto a non essere vaccinato.

I dati mostrano anche che il 6,5% dei ricoveri tra la popolazione non vaccinata ha provocato la morte, mentre il 14% dei ricoveri tra la popolazione completamente vaccinata ha portato alla morte. Pertanto, il rischio di morte se ricoverato in ospedale con Covid-19 è 2,15 volte / 115% superiore se completamente vaccinato rispetto a non essere vaccinato.

Se le iniezioni di Covid-19 funzionassero, dovremmo assistere alla maggior parte dei ricoveri e dei decessi tra la popolazione non vaccinata perché rappresentano la maggior parte dei casi confermati. Ma i dati della sanità pubblica scozzese non ci mostrano solo che non funzionano, ci mostrano anche che le iniezioni di Covid-19 sembrano peggiorare le persone infette da Covid-19.

Pertanto è tempo di ammettere che il programma di iniezione di Covid-19 è stato un enorme fallimento, smettere di fare un’iniezione sperimentale ai bambini e tornare alla vita normale.

FONTE

Previous articleI DECESSI OCCULTATI
Next articleIl governo del Regno Unito pubblica il 31° rapporto sulle reazioni avverse ai vaccini Covid-19