Bersaglio MobileIntelPolitica

ESECUZIONE SOMMARIA A KIEV. I Servizi Segreti Ucraini SBU Uccidono il loro Negoziatore con la Russia

Nell’immagine di copertina la squadra negoziale ucraina in Bielorussia e nella cornice Denys Kyreyev secondo un quotidiano greco. Accanto la foto del suo assassinio

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

ENGLISH VERSION

Articoli correlati

Per quale motivo gli 007 militari di Kiev hanno ucciso forse l’unico uomo che aveva credibilità diplomatica non solo a Kiev ma anche a Mosca?

Le notizie dalla guerra ucraina rimbalzano in Occidente piene di contraddizioni. La Russia ha dichiarato il cessate il fuoco sulla città di Mariupol, importante sbocco sul mar di Azov, per consentire l’evacuazione dei civili ma secondo i media di mainstream avrebbe poi cominciato a sparare sulla popolazione in fuga.

Ciò che riportano i giornalisti filo-atlantisti dell’Unione Europea, dichiaratamente contro il presidente russo Vladimir Putin da anni, fin dalle manifestazioni di Alexei Navalny ritenuto un agente della Central Intelligence Agency (il controspionaggio CIA degli USA), non solo non appaiono credibili ma contrarie ad ogni minima logica.

L’uccisione di un uomo che avrebbe avuto dei contatti con i servizi segreti del Cremlino, invece, sembra essere assolutamente funzionale a quanto dichiarato dal Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov sul presidente dell’Ucraina: “Zelensky è dispiaciuto che la Nato non intervenga, vuol dire che non vuole risolvere il conflitto con la diplomazia. Cerca di provocare il conflitto contro la Russia con la partecipazione della Nato”.

L’ASSASSINIO DEL DELEGATO AI NEGOZIATI CON MOSCA

«Il servizio di sicurezza ucraino (SBU) ha sparato e ucciso Denys Kyreyev, un membro della squadra negoziale ucraina al primo round di negoziati con la Russia in Bielorussia, mentre tentava di trattenerlo, ha detto il parlamentare ucraino Oleksiy Honcharenko» ha scritto ieri l’agenzia di stampa russa Interfax.

LA CRUENTA FOTO DELL’OMICIDIO – Si consiglia la visione a un pubblico non impressionabile

“Durante un tentativo di trattenere Denys Kyreyev, un membro della delegazione negoziale ucraina, il servizio di sicurezza ucraino gli ha sparato e ucciso. Era sospettato di alto tradimento”, ha scritto Honcharenko su Telegram. Kyreyev è stato tra i membri della delegazione ucraina al primo round dei colloqui con la Russia in Bielorussia.

“La SBU aveva prove evidenti dell’alto tradimento di Kyreyev, compresi i suoi colloqui telefonici”, ha detto Honcharenko citando le sue fonti nei quartieri politici. L’agenzia di stampa Interfax-Ucraina non ha finora alcuna conferma ufficiale di queste informazioni.

La notizia invece è stata confermata da Russia Today.

«Fonti in Ucraina hanno affermato che un membro della delegazione inviata da Kiev per avviare colloqui con Mosca all’inizio di questa settimana è stato ucciso sabato. La prima affermazione sulla morte di Denis Kireev è arrivata da Aleksandr Dubinsky, un controverso parlamentare e giornalista. In un post sui social ha affermato che Kireev era stato ucciso da agenti della SBU, il servizio di sicurezza ucraino, durante un tentativo di arresto» scrive RT.

L’affermazione è stata successivamente confermata da due media, Ukraina.ua e Obozrevatel, che hanno entrambi citato le proprie fonti anonime. Il primo ha pubblicato una foto parzialmente sfocata di quello che affermava essere il corpo dell’uomo. L’immagine mostrava qualcuno sdraiato sul marciapiede a faccia in su con quello che sembrava essere sangue sul viso e una pozza sotto la testa. Nessun commento da parte dei funzionari ucraini era disponibile alle 16:00 ora locale di sabato.

 Nel riquadro Denys Kyreyev durante il primo incontro di negoziati tra Ucraina e Russia

Una descrizione ancora più drammatica di quanto sarebbe accaduto è stata pubblicata da Anatoly Sharij, un politico e giornalista ucraino. Ha affermato che Kireev “è stato giustiziato con un colpo alla testa” vicino a un tribunale di Kiev.

«Kireev, che aveva una formazione nel settore bancario, è stato fotografato seduto all’estrema destra del tavolo dei negoziati insieme ad altri funzionari ucraini durante il primo round di colloqui di pace con la Russia lunedì. Per qualche ragione, l’elenco ufficiale dei sei rappresentanti che Kiev ha rilasciato ai media non includeva il suo nome, quindi il suo stato durante i colloqui rimane poco chiaro», aggiunge Russia Today.

Il mese scorso, Channel 5 della TV ucraina ha affermato che Kireev era stato indagato dalla SBU per presunti collegamenti con i servizi di intelligence russi almeno dal 2020. Ha affermato che l’indagine era stata annullata perché aveva legami personali nell’agenzia.

Tuttavia, non è chiaro se il rapporto su Kireev andato in onda sul canale, di proprietà dell’ex presidente ucraino Petro Poroshenko, facesse parte di una campagna pubblicitaria negativa condotta contro di lui.

IL VIAGGIO DEL SEGRETARIO DI STATO USA IN EUROPA

Questa agghiacciante notizia arriva mentre il Segretario di Stato Antony J. Blinken ha iniziato il suo viaggio in Europa in Belgio, Polonia, Moldova, Lettonia, Lituania ed Estonia dal 3 all’8 marzo 2022. Il viaggio prosegue le ampie consultazioni e il coordinamento con i nostri alleati della NATO e partner europei sulla continua guerra premeditata, non provocata e ingiustificata della Federazione Russa contro l’Ucraina.

Il Segretario Blinken ha iniziato il suo viaggio a Bruxelles, in Belgio, dove ha partecipato a una riunione ministeriale degli Esteri della NATO, ha incontrato le controparti dell’UE, ha partecipato a una riunione ministeriale del G7 e ha tenuto ulteriori incontri con i partner per discutere la risposta globale all’invasione della Russia, compresi gli alleati e i partner ‘ continuo coordinamento per imporre enormi conseguenze e gravi costi economici alla Russia.

Poi Blinken il 5 marzo si è recato in Polonia dove ha incontrato i leader polacchi, tra cui il ministro degli Esteri Zbigniew Rau, per discutere di ulteriore assistenza alla sicurezza di fronte alla continua aggressione della Russia e all’attacco non provocato all’Ucraina. Ha anche ringraziato la Polonia per aver accolto generosamente centinaia di migliaia di sfollati dall’Ucraina e ha discusso di come gli Stati Uniti possono aumentare gli sforzi di assistenza umanitaria per coloro che fuggono dalla guerra di Putin.

Blinken è stato poi a Chisinau, in Moldova, per incontrare la Presidente Maia Sandu, il Primo Ministro Natalia Gavrilita e il Ministro degli Esteri Nicu Popescu. Durante la sua sosta, il Segretario discuterà del sostegno agli sforzi della Moldova per accogliere e assistere i rifugiati in fuga dall’invasione russa dell’Ucraina, nonché del sostegno degli Stati Uniti alla democrazia, alla sovranità e all’integrità territoriale della Moldova.

Il segretario oggi 6 marzo, si è quindi recato a Vilnius, in Lituania, per incontrare il presidente Gitanas Nauseda, il primo ministro Ingrida Simonyte e il ministro degli Esteri Gabrielius Landsbergis. Il 7 marzo il segretario si recherà a Riga, in Lettonia, per incontrare il presidente Egils Levits, il primo ministro Krisjanis Karins e il ministro degli Esteri Edgars Rinkevics.

Si recherà a Tallinn, in Estonia, l’8 marzo per incontrare il presidente Alar Karis, il primo ministro Kaja Kallas e il ministro degli Esteri Eva-Maria Liimets. Durante tutte e tre le tappe, discuterà degli sforzi congiunti per sostenere l’Ucraina, rafforzare la deterrenza e la difesa della NATO, promuovere la democrazia e i diritti umani e perseguire una più profonda cooperazione economica ed energetica con i nostri alleati baltici.

[jetpack_subscription_form]

Fabio G. C. Carisio

Fabio Giuseppe Carlo Carisio, classe 1967, è giornalista pubblicista dal 1991. Ha diretto vari giornali locali piemontesi ed è stato corrispondente per i quotidiani Il Giornale e Libero. Nel 2018 ha fondato il webmedia di informazione giornalistica cristiana Gospa News. Dal 2019 è autore sul sito americano di gepolitica ed intelligence militare Veterans Today. Le sue investigazioni internazionali sono state pubblicate su Reseau International, Sputnik Italia, Maurizio Blondet e altri portali di contro-informazione. Alcune inchieste sono state tradotte in varie lingue e pubblicate su siti cinesi, russi, bulgari, mediorientali e latino americani. https://gospanews.net

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!