Database Italia

ESENZIONE PER MOTIVI RELIGIOSI DALL’OBBLIGO DI VACCINI COVID. Strategia dei Militari USA. Il 37 % rifiuta Terapie mRNA perché “non Sicure”

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin, in una nota del 25 agosto, ha ordinato vaccinazioni obbligatorie per la maggior parte delle forze armate americane e ha ordinato ai segretari di servizio “di imporre scadenze ambiziose per l’attuazione e di riferire regolarmente sul completamento della vaccinazione utilizzando sistemi stabiliti per altre segnalazioni obbligatorie sui vaccini”. Da quel momento i militari Usa che non vogliono vaccinarsi hanno intrapreso differenti strategie. La più diffusa sembra essere quella di ricorrere ad una richiesta di esenzione per motivi religiosi. 

La questione è ben spiegata da un interessante articolo che pubblichiamo tradotto in Italiano scritto da Pam Long su The Defender, il sito dell’associazione Chilndren’s Health Defense di cui è presidente l’avvocato Robert F. Kennedy. Pam Long si è laureata all’USMA a West Point ed è un veterano dell’esercito del Medical Service Corps.

«Attualmente il 37% dei membri del servizio ha rifiutato il vaccino COVID e ha sopportato mesi di coercizione e minacce da una strategia esclusivamente vaccinale che espone incautamente l’intera forza a un farmaco sperimentale senza dati sufficienti sulla sicurezza a lungo termine» rimarca l’articolo.


di Pam Long
Pubblicato su The Defender il 9 settembre 2021

Con un numero senza precedenti di membri del servizio militare in tutti i rami che cercano esenzioni religiose dall’obbligo di un vaccino COVID sviluppato rapidamente utilizzando la controversa tecnologia mRNA su cui mancano dati sulla sicurezza a lungo termine, è giudizioso per i membri del servizio e i loro consulenti legali, cappellani e comandanti comprendere i precedenti legali nelle decisioni di orientamento religioso nelle forze armate statunitensi.

Come riportato in precedenza su The Defender, i militari hanno il diritto di perseguire una sistemazione religiosa per un vaccino attraverso un processo che include il contributo del loro comandante, cappellano, fornitore medico e consulenti legali. Questo articolo riassume i dettagli di come le esenzioni religiose sono determinate per essere sincere e approvate.

Salvo collegamento ipertestuale, tutte le citazioni in questo articolo sono citate da “Over Your Dead Body: An Analysis on Requests for Religious Accommodations for Immunizations and Vaccinations in the United States Air Force” del tenente colonnello Christopher J. Baker, pubblicato su La revisione della legge sull’aeronautica, vol. 81, 2020, pp. 1-74.

Legge statunitense a tutela della libertà religiosa

I membri del servizio non rinunciano a tutti i diritti del Primo Emendamento quando si arruolano nell’esercito, nonostante l’insulso input di “avvocati di caserma” o amici non di supporto che affermano che i membri del servizio non hanno diritti e sono proprietà del governo.

Le tutele contenute nel Religious Freedom Restoration Act (RFRA) del 1993 hanno assicurato che i servizi consentiranno sistemazioni religiose che non abbiano alcun impatto negativo sulla prontezza militare, letalità, coesione dell’unità e buon ordine e disciplina, in modo che le persone di fede possano scegliere di arruolarsi.

I riferimenti legali riguardanti l’orientamento religioso che precedono il 1993 potrebbero non essere in accordo con le tutele religiose complete della legge. Ad esempio, una citazione per Jacobson v. Massachusetts del 1905 come precedente per multare le persone per rifiuto del vaccino non è più rilevante perché non include le protezioni religiose della RFRA 1993, né il diritto di rifiutare le cure mediche nel Codice di Norimberga del 1947 e l’etica medica nella Dichiarazione di Helsinki del 1964.

Nonostante questi diritti medici universali, il Congresso e i tribunali statunitensi aderiscono a una tradizione di deferenza giudiziaria per le autorità militari per emanare una definizione più ristretta di convinzione religiosa, collegata solo alla divinità, mentre i civili hanno protezioni più ampie che includono convinzioni personali, credenze filosofiche e credi. Questa differenza esiste per sostenere l’ordine e la disciplina rigorosi richiesti nelle missioni militari.

L’Istruzione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoDI) 1300.17, “Libertà religiosa nei servizi militari”, utilizza il quadro RFRA per la legalità di qualsiasi mandato sanitario o igienico. I comandanti devono dimostrare un interesse governativo irresistibile e applicarlo nel modo meno restrittivo se grava su un sincero esercizio della religione (p. 8):

“La RFRA offre agli individui una migliore capacità di praticare la propria religione quando le leggi neutrali del governo federale glielo impediscono. Ai sensi della RFRA, l’individuo che contesta uno statuto ha l’onere di dimostrare che la politica del governo “implica il suo esercizio religioso” – cioè, che “l’esercizio rilevante della religione è fondato su un credo religioso sinceramente tenuto” – e la politica del governo grava sostanzialmente su tale esercizio della religione.

L’onere si sposta quindi sul governo per dimostrare che la politica “(1) è a favore di un interesse governativo irresistibile; e (2) è il mezzo meno restrittivo per promuovere tale imperativo interesse governativo.’ La RFRA fornisce sia un’ampia protezione del diritto di libero esercizio sia un ampio diritto di azione per il ricorso giurisdizionale” (il corsivo è mio).

In risposta all’attuale coercizione al vaccino COVID nelle forze armate, come la sospensione dei congedi da parte dei comandanti, la negazione dei luoghi di cambio di servizio, le disapprovazioni per le scuole richieste per la promozione, la rimozione dalle posizioni di comando e le bandiere come non schierabili, il DoDI è chiaro che coloro azioni sono illegali per i membri del servizio che sono richiedenti nel processo di orientamento religioso:

“Significativamente, oltre a utilizzare il quadro RFRA, il DoDI afferma anche che ‘[a] l’espressione di tali convinzioni da parte di un membro del servizio non può, per quanto possibile, essere utilizzata come base di qualsiasi azione avversa del personale, discriminazione o rifiuto di promozione, istruzione, formazione o assegnazione» (p. 10). “… se un richiedente dispone di un orientamento approvato, sarebbe codificato come soggetto a un’esenzione amministrativa dal requisito e non sarebbe considerato ‘non distribuibile'” (p. 13).

Se un orientamento religioso non è approvato, il membro del servizio può appellarsi al Surgeon General del ramo di servizio appropriato. Se il ricorso viene negato, il membro del servizio può richiedere la separazione non punitiva dai militari sulla base dell’incapacità dei militari di accogliere le proprie convinzioni religiose.

Come vengono definite le credenze religiose? Che cos’è una credenza religiosa nell’esercito?

“Ai fini della RFRA, non importa se una credenza religiosa stessa è centrale per la religione, ma solo che ‘l’aderente ha un’onesta convinzione che la pratica è importante per il suo libero esercizio della religione’. La RFRA definisce ‘religioso esercizio” come “qualsiasi esercizio di religione, obbligato o meno da, o centrale rispetto a, un sistema di credenze religiose”. atti fisici” che sono “commessi per motivi religiosi”.’ detenuti dal ricorrente” (pp. 13-14).

LE CAUSE VINTE PER VACCINI PERICOLOSI

La giurisprudenza ha stabilito che le autorità non possono mettere in discussione la centralità delle credenze o delle pratiche di fede e l’indagine è limitata al fatto che una persona abbia un credo sinceramente e se il credo sia di natura religiosa. I tribunali hanno stabilito che le credenze religiose non sono limitate alle religioni stabilite o riconosciute. In United States v. Meyers (1996), la corte ha adottato i seguenti fattori da considerare nel determinare se una credenza è religiosa e non laica:
Idee ultime (come la vita, lo scopo, la morte),  Credenze metafisiche (come spiriti, anime, forze, divinità), Sistema morale o etico (come il bene e il male), Comprensione delle credenze (come una vasta raccolta di insegnamenti e non un singolo insegnamento), Insegnamenti di religione (come un insegnante o un profeta, scritti sacri, luoghi di ritrovo, cerimonie, clero o ministri, organizzazione, vacanze, dieta o digiuno, aspetto e abbigliamento e discepolato.

In Friedman v. Southern California Permanente Medical Group (2002), la corte ha applicato queste linee guida per distinguere tra credenza religiosa e filosofia e ha stabilito che un datore di lavoro medico non ha discriminato in base alla religione licenziando un dipendente che era vegano con una filosofia filosofica. convinzione contro gli embrioni di pollo nel vaccino morbillo-parotite-rosolia e che ha rifiutato il vaccino.

In Galinsky v. Board of Education di New York (2000), i tribunali hanno distinto tra credenze religiose e paure personali di reazioni avverse e hanno ordinato ai genitori di vaccinare il loro bambino nonostante le obiezioni dei genitori. Sebbene si tratti di casi legali civili, questi precedenti indicano gli standard applicati per convalidare le credenze religiose e suggeriscono che evitare reazioni avverse che potrebbero portare alla morte o alla disabilità potrebbe non essere considerato un credo religioso credibile.

Una sorprendente scoperta nella lettura della giurisprudenza è che i vaccini sono comunemente indicati come sicuri, efficaci e più vantaggiosi dei trattamenti profilattici. Questo è un pregiudizio giudiziario con una posizione di farmaco infallibile per tutte le persone derivante dall’immunità di responsabilità civile e dalla protezione dalla scoperta legale che i produttori di vaccini hanno fatto pressioni per avere in vigore dal National Childhood Vaccine Injury Act del 1986.

Il vaccino contro l’antrace ha danneggiato migliaia di membri del servizio, ma non vi è alcuna indicazione o misura di ciò nella giurisprudenza. L’entità del danno è nascosta nei rapporti di supervisione del Congresso e nei compensi non pubblicizzati dell’Amministrazione dei veterani. Di conseguenza, il rischio del vaccino è considerato trascurabile in un tribunale, nonostante le prove contrarie nel sistema di sorveglianza degli infortuni da vaccino gestito dal governo degli Stati Uniti, il database Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

GLI INSEGNAMENTI DI BIBBIA E CORANO

Sia la Bibbia che il Corano includono scritture che si oppongono a molti ingredienti impuri, non kosher e non halal nei vaccini: cellule umane da feti abortiti; cellule animali, inclusi maiali, cani, polli, mucche; sostanze chimiche tossiche, tra cui formaldeide, polisorbato-80, glicole polietilenico; e metalli pesanti neurotossici tra cui mercurio e alluminio.

Cristiani, ebrei e musulmani hanno tutti un credo religioso valido contro questi ingredienti, nonostante alcuni leader religiosi sostengano l’uso di vaccini con questi ingredienti.

La Bibbia insegna che il corpo è il tempio di Dio abitato dallo Spirito Santo e sacro, e la vita di ogni creatura è nel suo sangue e il sangue è vita e sacro. Il Corano insegna che solo Allah rimuove le afflizioni. I cristiani che si oppongono all’aborto sarebbero complici dell’aborto se utilizzassero prodotti con cellule fetali abortite.
Inoltre, RFRA non limita l’esercizio della religione a una religione tradizionale o “sistema di credenze”. I membri del servizio hanno solo l’onere di dimostrare che la loro fede è sinceramente sostenuta e sostanzialmente gravata.

Determinare le credenze sinceramente sostenute

“Le domande sulla sincerità religiosa sono un'”indagine intensamente basata sui fatti”. Non spetta ai tribunali dire che le proprie convinzioni religiose sono errate o inconsistenti. Tuttavia, “[n]o il governo né la corte devono accettare la semplice affermazione dell’imputato”. è in gran parte una questione di credibilità individuale.” “Ripetutamente e in molti contesti diversi, [la Corte Suprema] ha avvertito che i tribunali non devono presumere di determinare… la plausibilità di un’affermazione religiosa.” “Certo, nel valutare la sincerità un tribunale non può mettere in dubbio “se l’attore … ha percepito correttamente i comandi della [sua] fede.”‘ Né un tribunale “differenzia tra le fedi in buona fede”. la linea tracciata riflette “un’onesta convinzione” (p. 25). (continua a leggere qui…)

L’ARTICOLO PROSEGUE SU GOSPA NEWS



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments