Database Italia

Ex vicepresidente Pfizer: La spinta verso un vaccino universale ha “l’odore del male”

Il dottor Mike Yeadon, ex vicepresidente e scienziato capo della Pfizer per Allergy & Respiratory, afferma che la spinta a un vaccino universale ha “l’odore del male” a cui “si opporrà … vigorosamente”.

Mentre la  Pfizer  farmaceutica ha fatto notizia per annunciare l’imminente rilascio del suo vaccino COVID-19, con grande  clamore , un ex vicepresidente e capo scienziato dell’azienda ha categoricamente respinto la necessità di qualsiasi vaccino per portare la pandemia COVID -19 al termine.

In un recente  articolo , il dottor Michael Yeadon, che “ha trascorso oltre 30 anni alla guida di nuove ricerche sui farmaci [allergici e respiratori] in alcune delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo”, e si è ritirato da  Pfizer  con “la posizione di ricerca più importante in questo campo, “Ha scritto: 

Non c’è assolutamente bisogno di vaccini per estinguere la pandemia. Non ho mai sentito parlare di queste sciocchezze sui vaccini. Non vaccini persone che non sono a rischio di malattia. Inoltre, non ti impegni a pianificare la vaccinazione di milioni di persone in forma e in buona salute con un vaccino che non è stato ampiamente testato su soggetti umani.

I commenti del cittadino britannico arrivano alla fine di una critica completa allo Scientific Advisor Group for Emergencies (SAGE), un’agenzia governativa del Regno Unito incaricata di fornire consulenza al governo centrale in caso di emergenza. SAGE ha svolto un ruolo predominante nel determinare le politiche di blocco pubblico nel Regno Unito, comprese quelle  recentemente  implementate , come risposta al virus COVID-19.

Dopo aver sottolineato che SAGE non aveva esperienza essenziale nel campo a cui si rivolge, senza “immunologi clinici” come membri, Yeadon evidenzia due errori fondamentali che hanno fatto nei loro presupposti che fanno sì che le loro conclusioni generali vadano radicalmente storte portando alla “tortura [ della] popolazione negli ultimi sette mesi circa. ”  

Primo errore fondamentale: presunzione “ridicola” di suscettibilità al 100%

La prima ipotesi errata che SAGE fa è che “il 100% della popolazione sia suscettibile al virus e che non esiste alcuna immunità preesistente”. 

Yeadon afferma che questa nozione è “ridicola perché mentre il SARS-CoV-2 è davvero nuovo, i coronavirus non lo sono. Non esiste un “virus senza antenati”. ” Infatti, sottolinea, ci sono almeno “quattro coronavirus endemici che inducono il raffreddore comune … [che] circolano liberamente nel Regno Unito e altrove”. Coloro che sono stati infettati da “uno o più di questi coronavirus endemici che producono il raffreddore comune in passato, hanno un’immunità [dei linfociti T] di lunga durata e robusta, non solo a quei virus, ma a virus strettamente correlati. SARS-CoV-2 è uno di questi virus strettamente correlati “.

Colpendo ancora una volta la competenza di SAGE, il Dr. Yeadon afferma: “Non aspettarsi un tale cross-over è … dimostrare la mancanza della comprensione richiesta per costruire un modello abbastanza affidabile da usare”.

Inoltre, afferma che il test PCR comune utilizzato per rilevare i “casi” COVID-19 può risultare positivo quando qualcuno viene infettato da uno di questi comuni coronavirus freddi, rendendo questo test molto meno affidabile. Ovviamente, sulla base dei risultati finali di questi test, a molte migliaia di persone è stato ordinato di interrompere la propria vita e di “mettersi in quarantena” per un massimo di 14 giorni.

Infine, attingendo ai dati scientifici, il dottor Yeadon conclude che a causa della precedente esposizione ai coronavirus del raffreddore comune, “una percentuale significativa (30%) della popolazione è entrata nel 2020 armata di cellule T in grado di difenderle dalla SARS-CoV -2, anche se non avevano mai visto il virus … SAGE aveva ingenuamente sbagliato nel presumere che “tutti fossero suscettibili”. “

Secondo errore fondamentale: una “sottostima amatoriale” del tasso di infezione

La seconda ipotesi errata di SAGE è “La convinzione che la percentuale della popolazione che è stata infettata può essere determinata rilevando quale frazione della popolazione ha anticorpi” sviluppata a causa dell’infezione con COVID-19.

A causa di questa ipotesi, “SAGE ritiene che meno del 10% della popolazione sia stata finora infettata da SARS-CoV-2”.

Tuttavia, Yeadon chiarisce che è “ben noto che non tutte le persone, infettate da un virus respiratorio, continuano a produrre anticorpi. E molte persone, avendo un’immunità precedente, non vengono mai infettate correttamente comunque “. 

Mentre quasi tutti quelli con sintomi significativi, che sono stati ricoverati in ospedale, producono anticorpi, quelli con “risposte più lievi al virus” non “tutti producono anticorpi”. Tuttavia, è stato dimostrato che tutte le persone infette hanno “cellule T nel sangue, in grado di rispondere alla SARS-CoV-2” e quindi sviluppano ancora l’immunità.

Attingendo a due metodi indipendenti, che arrivano alla stessa conclusione generale, Yeadon dimostra che il tasso di infezione reale è “tra il 20 ei 30 per cento” e quindi la stima di SAGE del 7% “è una sottostima grossolana e amatoriale . “

Preoccupazioni con il  vaccino Pfizer  COVID-19: gravi complicazioni

Nonostante una stima del 65-72% della popolazione ora abbia l’immunità al COVID-19, una percentuale che indica un livello critico di immunità di  gregge , l’  operazione Warp Speed  negli Stati Uniti sembra intenzionata a seguire la campagna globalista   avanzata da Bill Gates e vaccinare tutti 328 milioni di persone nella nazione con il  prodotto Pfizer o altri emergenti per la distribuzione approvata nei prossimi mesi.

Nonostante il fatto che nessun vaccino sia  mai  stato sviluppato con successo per alcun coronavirus, e un tale sforzo normalmente richiederebbe anni per completare in modo sicuro e adeguato, la Food and Drug Administration (FDA) ha consentito il monitoraggio rapido di questo processo saltando la fase standard di test sugli animali per testare direttamente questi vaccini sugli esseri umani.

I risultati immediati di alcuni di questi studi  hanno incluso  complicazioni “gravi”, che coinvolgono mal di testa, febbre, dolori muscolari e sintomi simili a una “grave sbornia”. Inoltre, come ha sottolineato il  New York Times ,  l’ affermazione iniziale della Pfizer  secondo cui il loro vaccino era “più del 90% efficace”, è stata “rilasciata in un comunicato stampa, non in una rivista medica peer-reviewed. Non è una prova conclusiva che il vaccino sia sicuro ed efficace “.

Previsto “alto volume” di reazioni avverse

E data l’enorme portata dell’obiettivo dichiarato, di somministrare queste sostanze chimiche a centinaia di milioni di persone, quando normalmente c’è un certo tasso di gravi complicazioni nell’uso dei vaccini, i risultati negativi possono essere significativi. Ad esempio, uno  studio  sui vaccini antinfluenzali somministrati ad adulti di età superiore ai 65 anni, ha rilevato un tasso di circa l’1% che ha subito gravi effetti collaterali. Se un vaccino COVID-19 è semplicemente simile per individui della stessa fascia di età (54 milioni di abitanti), ciò equivarrebbe a 540.000 individui in questa fascia di età che potrebbero aver bisogno di cure mediche in un sistema ospedaliero che  fornisce  meno di 925.000 posti letto totali. 

Curiosamente, ci sono prove che almeno il Regno Unito si sta preparando per un numero elevato di effetti avversi dovuti alle vaccinazioni COVID-19. L’agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari ( MHRA ) di quel governo , ha pubblicato una  richiesta di offerta  affermando che “Per motivi di estrema urgenza”, cercano “uno strumento software di intelligenza artificiale (AI) per elaborare il volume elevato previsto di reazione avversa al vaccino Covid-19 (ADR). ” Continua spiegando che “non è possibile adattare i sistemi legacy dell’MHRA per gestire il volume di ADR che sarà generato da un vaccino Covid-19” e che questo “rappresenta una minaccia diretta per la vita dei pazienti e la salute pubblica. “

Nuova tecnologia di mRNA “non provata”

Altre  preoccupazioni  sul  vaccino Pfizer  sono che sarebbe il primo a utilizzare “una piattaforma tecnologica non ancora provata che si basa su qualcosa chiamato RNA messaggero, solitamente abbreviato in mRNA”. Moderna , un’altra società che si sforza di sviluppare un vaccino COVID-19, si sta anche impegnando a utilizzare questa  piattaforma di mRNA . A maggio, Children’s Health Defense ha  riferito  che gli studi clinici per il vaccino di Moderna avevano un “tasso di lesioni gravi” del 20% nel suo gruppo ad alto dosaggio.

Debi Vinnedge, direttore esecutivo di  Children of God for Life , un’organizzazione pro-vita specializzata nella valutazione morale dei vaccini, ha dichiarato a LifeSiteNews: “[I] f Moderna e Pfizer sono quelli che forniscono i primi cicli di vaccini e lo impongono , potrebbe essere un disastro. Entrambi stanno utilizzando una tecnologia nuova di zecca con l’mRNA che non è mai stato utilizzato in un vaccino prima e lo stanno portando avanti nel giro di pochi mesi di test, piuttosto che nei tipici 4-6 anni di test “. 

Mandati e diffidenza pubblica

Un  rapporto  di  Civic Science  (CS) indica “un costante calo della percentuale di adulti statunitensi che affermano di essere” molto “a proprio agio con i vaccini in generale”. Infatti, afferma CS, “la percentuale mensile di coloro che si sentono a proprio agio con le vaccinazioni in generale è scesa di oltre venti punti percentuali dall’inizio del 2020 (69% a gennaio rispetto al 47% di ottobre)”.

Inoltre, “solo il 22% degli intervistati afferma che farebbe subito il vaccino”, e CS conclude, “è chiaro che l’esitazione a ricevere un futuro vaccino … dilaga in tutto il paese” e questo “fa luce su quanto sia difficile per molti fidarsi di un futuro vaccino in questo momento. “

Manipolazione del pubblico

Per contrastare questa tendenza, l’Università di Yale, in collaborazione con il governo degli Stati Uniti, ha sponsorizzato uno  studio  per determinare i mezzi più efficaci per convincere gli americani a prendere il vaccino COVID-19.

Lo  studio mette alla  prova una varietà di approcci, come appelli alla “libertà personale”, “beneficio economico”, “interesse personale”, sensi di “colpa”, “imbarazzo”. 

Mentre molti degli appelli sono argomenti semplici, altri suggeriscono la disponibilità a usare la vergogna pubblica per suscitare la conformità. 

I risultati di questo studio influenzeranno probabilmente i messaggi dei  funzionari statali  e  delle istituzioni accademiche  che hanno discusso la vaccinazione obbligatoria, così come le campagne pubblicitarie che circondano il vaccino una volta completato.

Yeadon: le proposte di vaccini hanno “l’odore del male”

Mentre una  campagna del  governo, dei media e delle  aziende si prepara  a “vaccinare 300 milioni di americani entro la primavera del 2021”, la  voce  di Michael Yeadon, insieme a quelle di  decine di migliaia  di altri scienziati e professionisti medici,  rimane  soppressa  e ignorata. 

“Qualsiasi proposta di questo tipo” di inoculazione universale, scrive Yeadon  , “non solo è completamente inutile ma, se fatta usando qualsiasi tipo di coercizione, illegale”.

“Capirei completamente e prenderei in considerazione l’accettazione dell’uso precoce di un vaccino solo se fatto con il consenso pienamente informato e, anche in tal caso, solo se offerto ai più vulnerabili nella nostra comunità. Altre proposte hanno, per me, l’odore del male su di loro e mi opporrò a loro con la stessa forza con cui ho seguito la pandemia finora “, ha concluso.

Ti andrebbe di contribuire?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
DONA CON PAYPAL


LEGGI SUL VACCINO DI PFIZER



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.