Quantcast
Database Italia

FACEBOOK, ONLINE UN DATABASE CON I NUMERI TELEFONICI DI 533 MILIONI DI UTENTI. LA BIG TECH AFFERMA: “SONO SOLO VECCHI DATI”

Secondo quanto riferito, un tesoro di dati personali, inclusi nomi completi, numeri di telefono ed e-mail di ben 533 milioni di utenti di Facebook, è trapelato online. Il gigante dei social media ha minimizzato l’incidente, sostenendo che i dati erano “vecchi”.



Un enorme database che in precedenza circolava privatamente, ora è stato pubblicato gratuitamente su un forum di hacking, secondo Business Insider, che per primo ha dato la notizia. La discarica di dati colpisce persone provenienti da 106 paesi, tra cui l’Italia a oltre 32 milioni di americani, circa 11 milioni di cittadini britannici e 6 milioni di indiani.

Apparentemente il tesoro contiene informazioni sensibili che vanno da e-mail e numeri di telefono a nomi completi, ID di Facebook e biografie. BI ha verificato l’autenticità di alcuni dati abbinando i numeri di telefono agli ID elencati nel set di dati.

il gigante dei social media, tuttavia, ritiene che ci siano pochi motivi per preoccuparsi, dal momento che i dati sembrano risalire a diversi anni fa e fanno parte di una fuga di notizie precedentemente segnalata. Un portavoce di Facebook, Liz Bourgeois, ha dichiarato su Twitter che la vulnerabilità che ha consentito agli hacker di ottenere i dati in primo luogo è stata “risolta” con successo nel 2019.

Un esperto di sicurezza informatica che ha scoperto i dati trapelati, Alon Gal, ritiene che la situazione reale potrebbe non essere così felice come sostiene il gigante della tecnologia. Un Chief Technology Officer presso la società di intelligence sul crimine informatico Hudson Rock, Gal, ha affermato che i dati potrebbero essere facilmente utilizzati da malintenzionati per impersonare i veri proprietari in vari schemi di truffa.

“Un database di quelle dimensioni contenente le informazioni private come i numeri di telefono di molti utenti di Facebook porterebbe sicuramente a malintenzionati che sfruttano i dati per eseguire attacchi di ingegneria sociale o tentativi di hacking”, ha detto Gal.

Gal ha rivelato di aver sentito per la prima volta l’odore dei dati rubati a gennaio, quando un’altra persona sul forum di hacking stava offrendo numeri di telefono di centinaia di milioni di utenti di Facebook a un certo prezzo.

Con quei dati ora disponibili “gratuitamente”, Facebook avrebbe dovuto almeno informare gli utenti interessati di questa “vecchia fuga di notizie “, per aumentare la loro consapevolezza sul pericolo di potenziali frodi, ha aggiunto Gal. “Le persone che si iscrivono a una società rispettabile come Facebook si fidano di loro con i loro dati e Facebook [dovrebbe] trattare i dati con il massimo rispetto … questa è un’enorme violazione della fiducia e dovrebbe essere gestita di conseguenza”.

La notizia potrebbe non essere una sorpresa, dal momento che il gigante della tecnologia, la cui attività consiste nel raccogliere enormi quantità di dati personali per annunci mirati, è stato ripetutamente tormentato da simili fughe di notizie e scandali di hacking in passato.

Nel dicembre 2018, Facebook è stato costretto a “scusarsi” dopo che un bug nel software dell’azienda ha fornito ad app di terze parti l’accesso alle foto di quasi 7 milioni di persone. L’incidente è avvenuto pochi mesi dopo che gli hacker hanno avuto accesso ai dati di 29 milioni di utenti.

A maggio 2019, una società di marketing indiana ha fatto trapelare un database contenente dettagli e record di oltre 49 milioni di persone che utilizzavano Instagram di proprietà di Facebook, mentre a settembre 2019, circa 419 milioni di numeri di telefono collegati agli account Facebook sono stati lasciati esposti su un sito non protetto. server.

Altre notizie su Facebook

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
SOSTIENI DATABASE ITELIA



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments