Scienza e TecnologiaSocietà

OTTOBRE ROSSO: Facebook, WhatsApp e Instagram TUTTI DOWN causa grave interruzione mondiale.

Facebook e le sue sussidiarie Instagram, WhatsApp e Facebook Messenger sono down, secondo il tracker DownDetector, ovviamente se ne sono accorti anche gli utenti dei social media in tutto il mondo. Facebook dice che sta lavorando per risolvere il problema.

Gli utenti hanno iniziato a segnalare problemi di accesso ai server dei principali siti di social media lunedì mattina e pomeriggio, secondo DownDetector, che registra i problemi degli utenti con siti Web popolari.

Facebookers frenetici si sono riversati su Twitter per verificare che non fossero gli unici il cui universo distopico fosse stato capovolto.

Leggi anche:

COME GOOGLE E FACEBOOK HANNO TRUCCATO IL SETTORE DEGLI ANNUNCI DIGITALI
FACEBOOK, ONLINE UN DATABASE CON I NUMERI TELEFONICI DI 533 MILIONI DI UTENTI. LA BIG TECH AFFERMA:…
ANCHE FACEBOOK STA COSTRUENDO UN SENSORE NEURALE PER LEGGERE LA MENTE
Modifica queste impostazioni di Facebook per proteggere le tue foto dai software di riconoscimento…
“WHATSAPP SPIA MESSAGGI E DATI CON IA & CONTRACTORS”. Mille Moderatori a Caccia di Presunti…

L’app di Facebook non si caricava affatto per molti utenti mobili, mentre alcuni utenti desktop hanno visualizzato il messaggio “Scusa, qualcosa è andato storto” . Gli utenti di Instagram hanno visto un messaggio di errore del server 5xx, secondo The Verge.

La società non ha fornito alcuna indicazione su quando i suoi servizi saranno nuovamente operativi. 

WhatsApp alla fine ha twittato un riconoscimento del problema, promettendo che stava “lavorando per riportare le cose alla normalità” e che avrebbe “inviato un aggiornamento il prima possibile”. Poco dopo, la società madre ha rilasciato una dichiarazione in modo simile, scusandosi per qualsiasi “inconveniente”.

Instagram, nel frattempo, ha comunicato agli utenti attraverso un tweet che stava ” passando un po’ di difficoltà in questo momento” e ha assicurato alle persone che ci stanno lavorando.

Poiché i siti popolari sono rimasti inattivi, molti si sono chiesti quanto Twitter incassa ogni volta che Facebook e le sue derivazioni vanno in tilt.

Articoli correlati

Il modo migliore per assicurarti di vedere i nostri articoli è iscriverti alla mailing list sul  sito Web, riceverai una notifica via email ogni qualvolta pubblicheremo un articolo. Se ti è piaciuto questo pezzo, per favore considera di condividerlo, seguirci sul tuo Social preferito tra Facebook , Twitter , Instagram, MeWe, Gab, Linkedin (basta cercare “Database Italia”) o su Telegram (Il nostro preferito) oppure sostenendoci con una donazione seguendo le modalità indicate nella pagina “Donazioni”   Tutti, hanno il mio permesso per ripubblicare, utilizzare o tradurre qualsiasi parte dei nostri lavori (citazione gradita). Davide Donateo – Fondatore e direttore di Database Italia.

Articoli correlati

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Bruno Crimella

Ecco il piccolo Zukher Zucchino per gli intimi , che verosimilmente a causa forse ,,, di denunce a uno dei proprietari delle piattaforme è stato accusato di diffondere ofio visto che i post dei cosi detti no vax venivano censurati ,invece chi sostiene i sieri e minaccia no

Back to top button

Database Italia ha bisogno di te!

Database Italia è finanziato da te, per te. Questo significa  che
ci affidiamo al tuo supporto. Se ti piace
quello che facciamo puoi scegliere di effettuare una sottoscrizione per evitare di visualizzare pubblicità durante la lettura degli articoli.
In alternativa puoi effettuare una donazione tramite debit card o carta di credito.

Le donazioni non sono obbligatorie. Puoi continuare tranquillamente la lettura chiudendo questo popup.

ABBONATI! Con un piccolo contributo di 3 € al mese potrai leggere tutti gli articoli senza fastidiose pubblicità.

Adblock Detected

Caro Utente, stai utilizzando AdBlock... e ti capiamo! Anche noi lo usiamo. Ma il nostro sito ha bisogno di queste pubblicità per rimanere in vita. Disattiva Ad-Block oppure sottoscrivi un Abbonamento a Database Italia a soli 3€ al mese per rimuovere tutte le pubblicità!