Home Coronavirus FACT CHECKING: Secondo il “Times” “I No-vax sono una minaccia che deve...

FACT CHECKING: Secondo il “Times” “I No-vax sono una minaccia che deve essere sconfitta” tra le altre affermazioni FALSE ma la verità è che il triplo vaccinato rappresenta il 94% dei decessi per Covid-19

21
0

Secondo un articolo del Times, “I No-Vax sono una minaccia globale che deve essere sconfitta”.

L’autore dell’articolo, Ara Darzi , che è membro della Camera dei Lord del Regno Unito, scrive:

“I NO-VAX SONO UNA MINACCIA GLOBALE CHE VA SCONFITTA”

Darzi, che guarda caso è anche il direttore dell’Institute of Global Health Innovation dell’Imperial College di Londra, prosegue affermando quanto segue:

  • Il crescente movimento anti-vaccino è una minaccia per la salute pubblica qui (Regno Unito) e in tutto il mondo.
  • Oltre 3,7 milioni di persone in Gran Bretagna (6,4%) devono ancora avere una singola dose del vaccino Covid.
  • Il rischio di morte è 14 volte più alto nei non vaccinati e senza una copertura completa aumenta il pericolo per la restante popolazione.
  • Migliaia di morti sono state collegate al rifiuto del vaccino. I dati dell’Office for National Statistics mostrano che 37.961 persone non vaccinate nel Regno Unito sono morte con il Covid-19 menzionato sui loro certificati di morte tra gennaio 2021 e marzo 2022.

L’articolo, che ovviamente è dietro un paywall, può essere letto per intero qui .

Ma ognuna delle affermazioni fatte da Ara Darzi nell’articolo è una vera e propria bugia.

Darzi ha tecnicamente ragione nel dire che ” oltre 3,7 milioni di persone in Gran Bretagna (6,4%) devono ancora avere una singola dose del vaccino Covid”. Ma solo perché usa la parola “oltre”. È solo circa 15,2 milioni in meno rispetto al numero effettivo di persone che devono ancora assumere una singola dose.

Dati di origine – Pagina 65

Secondo i dati dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA), 63,4 milioni di persone erano idonee alla vaccinazione nella sola Inghilterra al 3 luglio 2022.

E secondo le stesse cifre, 44,48 milioni di persone avevano una singola dose, 41,8 milioni di persone avevano due dosi e 32,9 milioni di persone avevano tre dosi al 3 luglio 2022.

Pertanto, circa 18,9 milioni di persone hanno rifiutato il vaccino contro il Covid-19 nella sola Inghilterra e rimangono completamente non vaccinate. Quindi poco più dei 3,7 milioni di persone in tutta la Gran Bretagna che sostiene Darzi, direttore dell’Institute of Global Health Innovation dell’Imperial College di Londra .

Darzi afferma che il rischio di morte è 14 volte superiore nei non vaccinati senza fornire alcuna prova a sostegno. Daremo per scontato che abbia strappato il numero dal nulla perché di certo non è il caso quando si tratta di decessi per Covid-19, e non è nemmeno il caso quando si tratta di decessi per tutte le cause.

Il grafico seguente mostra i tassi di mortalità mensili standardizzati per età in base allo stato di vaccinazione tra ciascuna fascia di età per i decessi non Covid-19 in Inghilterra tra gennaio e maggio 2022, utilizzando le cifre contenute nella tabella 2 del set di dati recentemente pubblicato raccolto dal Regno Unito Agenzia governativa, Ufficio di statistica nazionale –

clicca per ingrandire

Le cifre di cui sopra rivelano che per mesi e mesi, i tassi di mortalità per 100.000 sono stati i più bassi tra i non vaccinati in ogni singola fascia di età.

Si tratta di dati standardizzati per età. Non c’è altra conclusione che si possa trovare per il fatto che i tassi di mortalità per 100.000 sono i più bassi tra i non vaccinati se non che le iniezioni di siero Covid-19 stanno uccidendo le persone.

Quindi, come puoi vedere, il rischio di morte non è sicuramente 14 volte superiore nei non vaccinati, ma nel caso in cui Darzi intendesse effettivamente riferirsi solo ai decessi per Covid-19, dimostriamo una volta per tutte che il membro della Camera dei Lord e il direttore dell’Institute of Global Health Innovation dell’Imperial College di Londra non è altro che un ciarlatano e un bugiardo.

La confutazione dell’affermazione di Darzi secondo cui il rischio di morte è 14 volte più alto tra i non vaccinati copre anche la successiva discutibile affermazione secondo cui “migliaia di morti sono state collegate al rifiuto del vaccino. I dati dell’Office for National Statistics mostrano che 37.961 persone non vaccinate nel Regno Unito sono morte con il Covid-19 menzionato nei loro certificati di morte tra gennaio 2021 e marzo 2022.’

Il grafico seguente mostra i decessi per Covid-19 nel Regno Unito dall’inizio del 2020 ai giorni nostri:

Fonte

a vedere la punta di quell’enorme secondo picco di presunte morti per Covid-19? Finisce intorno al 18 gennaio 2021. Quindi Darzi è bugiardo con i lettori ignari perché ha incluso un’enorme quantità di morti nella sua cifra di 37.961 che si è verificata tra i non vaccinati quando il 99% delle persone di età pari o superiore a 12 anni nel Il Regno Unito non era vaccinato.

Se contiamo effettivamente i decessi dal 1 marzo 2021, quando l’1,3% della popolazione britannica di età pari o superiore a 12 anni era considerato completamente vaccinato…

Fonte

Fino al 31 maggio 2022, un periodo di 15 mesi, quando l’82,3% della popolazione britannica di età pari o superiore a 12 anni era considerata completamente vaccinata…

Fonte

In realtà troviamo che ci sono stati solo 6.235 morti tra i non vaccinati.

Ciò si confronta con 27.726 decessi tra i vaccinati.

E quello che scopriamo anche è che ogni dose somministrata sembra indurre più morti per Covid-19.

Ecco cosa è successo in termini di decessi per Covid-19 nei cinque mesi dal 1 marzo 2021 secondo i dati estratti dalla tabella 1 dell’ultimo dataset ONS ‘ Decessi per stato vaccinale ‘ –

Alla fine di maggio 2022, l’Inghilterra aveva subito 15.113 decessi per Covid-19 e i vaccinati ne rappresentavano uno scioccante 13.666. La maggior parte di loro tra i tripli vaccinati ogni mese.

Ciò significa che nel complesso la popolazione vaccinata ha rappresentato il 90% dei decessi per Covid-19 durante questo periodo. L’82% dei quali era tra i tripli vaccinati nonostante solo il 50% della popolazione avesse avuto tre o più dosi.

Ciò che preoccupa di più in questo periodo, tuttavia, è il massiccio calo dei decessi tra i non vaccinati rispetto all’aumento dei decessi ogni mese tra i vaccinati.

A gennaio i vaccinati hanno rappresentato l’85% dei decessi per Covid-19, il 67% dei quali tra i i triplo vaccinati.

A febbraio i vaccinati hanno rappresentato il 90% dei decessi per Covid-19, il 74% dei quali tra i triplo vaccinati.

A marzo i vaccinati hanno rappresentato il 93% dei decessi per Covid-19, l’82%% dei quali tra i triplo vaccinati.

Ad aprile i vaccinati hanno rappresentato il 94%% dei decessi per Covid-19, il 91% dei quali tra i tra i triplo vaccinati.

Infine, a maggio, mese in cui ci si aspetterebbe un calo delle malattie stagionali, come dimostrano i dati, i vaccinati rappresentavano ancora il 94% dei decessi per Covid-19, l’85% dei quali tra i triplo vaccinati.

Queste cifre urlano che i non vaccinati hanno 14 volte più probabilità di morire, come afferma Ara Darzi, direttore dell’Institute of Global Health Innovation dell’Imperial College di Londra ?

Di certo non è così.

Ara Darzi ha dimostrato di essere un ciarlatano, un bugiardo e un disonore che promuove la propaganda.

E per la cronaca Mr Darzi, si scrive Anti-Vaxxers; non Antivaxer. Ma con la quantità di spazzatura sputata all’interno del tuo articolo che incita all’odio, ” Gli antivaxers [sic] sono una minaccia globale che deve essere sconfitta” , avremmo dovuto sapere che era al di là di te persino scrivere correttamente il titolo.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleRiciclaggio con immunità: il quadro di controllo – Parte 1
Next articleIl grido di battaglia di Vladimir Putin contro il Deep State