Home Analisi Geo-Politiche non convenzionali FALSE FLAG A BUCHA, CRIMINI DELL’ESERCITO UCRAINO PER IL MAINSTREAM OCCIDENTALE |...

FALSE FLAG A BUCHA, CRIMINI DELL’ESERCITO UCRAINO PER IL MAINSTREAM OCCIDENTALE | RIVELATO ATTACCO PER PROPAGANDA CONTRO LA RUSSIA (FOTO, VIDEO)

0

L’Unione europea inasprirà le sanzioni contro la Russia e rafforzerà il sostegno di Kiev nelle questioni della difesa, secondo il ministro degli Esteri tedesco Anna Lena Berbock su Twitter. Funzionari europei attribuiscono questa decisione ai report delle autorità ucraine sugli eventi di Bucha.

Articolo pubblicato originariamente su Southfront.org.

In seguito al ritiro delle forze russe dalla regione di Kiev, le città situate vicino alla capitale dove si sono appena conclusi aspri combattimenti sono ora la principale area coperta dai media ucraini. Il filmato condiviso dalla gente del posto giorni fa ha confermato l’uccisione di civili in aspri scontri scoppiati durante il ritiro russo. Non appena i giornalisti ucraini hanno raggiunto la zona, le strade di Bucha si sono rivelate ricoperte di cadaveri. Ovviamente, i militari russi sono accusati di aver sparato in massa ai civili quando hanno lasciato l’area.

Il ministero della Difesa russo ha confermato che le informazioni di Kiev sulle uccisioni di massa nel Butcha ucraino non sono vere e il filmato è stato messo in scena.

Ha affermato inoltre che tutti i fatti confermano inconfutabilmente che le foto e i frame video di Bucha sono un’altra messa in scena del regime di Kiev per i media occidentali, come è avvenuto a Mariupol con l’ospedale di maternità, così come in altre città.

È stato aggiunto che:

— Tutte le unità delle truppe russe si sono completamente ritirate da Bucha il 30 marzo e i morti sono apparsi il 4° giorno successivo, quando sono arrivati ​​ufficiali della SBU e rappresentanti della TV ucraina;

— Durante la permanenza dei soldati russi a Bucha, nessun civile è rimasto ferito;

— 452 tonnellate di aiuti umanitari sono state consegnate e distribuite a civili da militari russi negli insediamenti della regione di Kiev.

Questo video di Bucha è stato condiviso contemporaneamente da quasi tutti i media ucraini. Nello specchietto retrovisore puoi vedere uno zombi ucraino che si alza, probabilmente per rilasciare un’intervista ai giornalisti.

Secondo i resoconti dei media ucraini, i civili sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco dai militari russi mentre correvano fuori città. Questo probabilmente dovrebbe essere un motivo per cui i cadaveri giacciono tutti insieme.

Nel video si può notare

  • Tutti i morti giacciono a faccia in giù;
  • Cadaveri giacciono in modo confuso
  • Un cadavere con le mani legate accanto al a un’altra senza le mani legate
  • Qualcuno è sdraiato accanto a una bicicletta
  • A pochi metri ci sono corpi con bracciali bianchi (segnalazione per i civili nelle zone sotto il controllo russo) ;
  • Non c’è presenza di sangue vicino ai morti che sarebbero stati uccisi a colpi di arma da fuoco da militari russi a distanza ravvicinata lungo la strada
  • Non ci sono donne e bambini, solo corpi maschili si vedono nel video;
  • Uno dei morti si alza.
  • Le forze russe hanno lasciato la città il 30 marzo.

Ci sono voluti quattro giorni per preparare falsi report scioccanti da Bucha. In generale, l’installazione diffusa dal MSM mostra chiaramente gli approcci che sono stati ripetutamente utilizzati in Siria all’interno della campagna di propaganda anti-russa.

Ulteriori filmati dall’area non lasciano dubbi su chi c’è dietro i bombardamenti sui civili. Subito dopo che le forze russe hanno lasciato la città, i militanti ucraini della cosiddetta difesa territoriale sono entrati a Bucha. Hanno deliberatamente sparato a tutti gli uomini che non avevano bracciali blu. Lo conferma il video pubblicato il 1 aprile dal leader della difesa territoriale di Kiev, Sergei Korotkov, nominativo “Bossman”. Il video si intitolava “Il lavoro dei Bossman Boys a Bucha”:

All’inizio del video, uno dei militari ucraini ha chiesto:

– Ci sono ragazzi senza bracciali blu, posso sparargli?
– Certo, cazzo!

I civili locali hanno ricevuto braccialetti bianchi come segno per i soldati russi. Ora, i militari ucraini li uccidono.

Un altro filmato di Bucha avrebbe mostrato civili uccisi dai militari russi in uno degli scantinati.

Nel video si vedono gli stessi braccialetti bianchi. Tutti i morti hanno vestiti nuovi e puliti, anche il bracciale bianco è pulito.

L’uomo a sinistra con la fascia bianca al braccio sembra essere lo stesso “cadavere” sdraiato lungo la strada nel primo video, quello che si è alzato. Ha abiti simili e la stessa fascia bianca pulita con un nodo simile.

Tutti i due video diffusi dal MSM ucraino sui presunti crimini dei militari russi sono tutti segni di falsi inscenati.

Allo stesso tempo, i comandanti ucraini nelle loro interviste confermano che le unità di artiglieria dell’AFU hanno effettuato una vasta operazione offensiva sulle forze russe in ritirata da Bucha. Le affermazioni ucraine secondo cui sono scoppiati scontri fuori città e l’artiglieria ucraina ha aspettato che i carri armati russi lasciassero le strade, sono smentite anche dai video condivisi dagli stessi militanti ucraini.

Per le strade si vedono numerosi crateri e carri armati russi distrutti.

Mentre le truppe russe si stavano ritirando, l’AFU ha aperto il fuoco dell’artiglieria pesante cercando di distruggere il più possibile l’equipaggiamento russo. Di conseguenza, un gran numero di civili sono stati uccisi.

L’AFU ha bloccato le persone nella città dilaniata dalla guerra un mese fa, quando hanno fatto saltare in aria i ponti che portavano a Irpen.

Il Consigliere del Capo dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina, Mikhail Podolyak ha già usato i video messi in scena come scusa per richiedere armi ai paesi occidentali su Twitter.

RACCOLTA FONDI DI APRILE | ABBIAMO BISOGNO DEL TUO SUPPORTO!
Previous articleViktor Orban dopo la vittoria schiacciante: “Zelensky e Soros nostri avversari”
Next articleElon Musk acquisisce una quota del 9% nel gigante dei social media Twitter. Le azioni salgono del 25%
Fondatore e Direttore Responsabile di Database Italia.