Quantcast
Database Italia

Ferrada de Noli: “Gli attacchi occidentali al vaccino russo sono una guerra fredda del profitto contro l’umanità”

Di  Marcello Ferrada de Noli , professore emerito svedese di scienze della salute pubblica esp. epidemiologia, ex ricercatore presso la Harvard Medical School.

Lo Sputnik V, il vaccino russo contro il Covid-19, è stato oggetto di incessanti attacchi da parte dei media occidentali. Invece di schierarsi dietro un colpo potenzialmente salvavita, alcuni sono disposti a mettere in gioco l’intera umanità.

Soprattutto, ci sono due principi essenziali che regolano la sopravvivenza dell’umanità. Uno è l’ontogenetico, legato alla sopravvivenza dell’individuo, l’altro è il filogenetico – connesso alla sopravvivenza della specie. La dialettica suprema è che, affinché la razza umana sopravviva, noi individui dobbiamo garantire la nostra esistenza, sforzarci di mantenerci in salute, di essere. L’unico modo possibile per le generazioni future di nascere ed esistere è continuare con quell’atavismo.

Una guerra nucleare che utilizza le attuali armi nucleari può annientare la maggior parte delle popolazioni umane. E ci sono ancora 35 milioni di tonnellate di uranio da estrarre , l’equivalente di dieci miliardi di bombe di Hiroshima. Più che sufficiente per ripulire la Terra dalla vita umana.

Ma lo stesso potrebbe, in teoria, essere realizzato molto bene da un virus mortale intelligente.

La pandemia di Covid-19 ha attualmente decimato vite ed economie in tutti i paesi, e il suo massacro continua senza sosta. I monitor epidemiologici stimano che quasi un milione (940mila) individui sulla terra siano ora morti . Tra tutti i paesi europei ed europeo-asiatici, i cinque con il maggior numero di morti pro capite sono Belgio, Italia, Spagna, Svezia e Regno Unito. Le morti per Covid-19 in Svezia sono circa cinque volte il bilancio delle vittime in tutti i paesi vicini nordici messi insieme.

Finora, l’unico vaccino funzionante contro un olocausto nucleare a tutto campo è stato l’intelligence umana, la diplomazia intelligente aggiunta a una forte deterrenza, nella lotta per la convivenza pacifica. Sul fronte del virus, a questo punto, il primo vaccino contro il coronavirus ufficialmente registrato (e finora efficace ) al mondo è lo Sputnik V. scoperto in Russia.

Il suo concorrente più vicino, il progetto AstraZeneca AZD1222, ha ripreso gli  studi clinici nel Regno Unito solo di recente dopo che un paziente ha segnalato una reazione avversa. Tuttavia, le autorità statunitensi hanno ora sospeso gli studi clinici di AstraZeneca, compresi i test su pazienti americani, fino a quando non sarà conclusa un’indagine dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

L’  articolo sulla prestigiosa rivista medica The Lancet, che riportava i risultati del vaccino Sputnik V, ha dimostrato che il 100% dei partecipanti agli studi clinici ha raggiunto una risposta immunitaria umorale e cellulare stabile.

Ci sono molti interessi economici intorno alla società britannica / svedese AstraZeneca e al loro progetto sui vaccini. La Commissione europea ha versato un acconto di 336 milioni di euro per acquisire 300 milioni di dosi del vaccino, tanto per cominciare.

E non è l’unica azienda farmaceutica legata agli interessi svedesi. Novavax, Inc. , Una società con sede negli Stati Uniti che sviluppa un progetto di vaccino, ha anche strutture a Uppsala, in Svezia.

Non sorprende che la campagna in Svezia contro il vaccino Sputnik V sia stata tanto forte quanto ingannevole. In generale, i media statali svedesi così come i media corporativi (che ricevono in parte finanziamenti con fondi pubblici), mantengono una chiara posizione anti-russa. Amina Manzoor, un commentatore medico del notiziario Dagens Nyheter (DN), ad esempio, sostiene che “loro [i russi] non hanno vaccino. È solo propaganda ”, ma non ci sono argomenti forniti sul vaccino stesso.

E Anna-Lena Lauren, corrispondente di DN in Russia – e che per quanto ne so non ha né un’educazione accademica medica né epidemiologica – dice a TV4 svedese : “È molto dubbio quanto sia efficace questo vaccino e, soprattutto, quanto sicuro può essere.. il programma conclude così: “Sono emerse domande su questo vaccino nel mondo della ricerca. Può il vaccino essere stato approvato in Russia per motivi politici, uno strumento di propaganda? “

La recente lettera aperta di “critica” di un certo numero di scienziati, che hanno inviato le loro riserve a The Lancet, non presenta argomenti che potrebbero invalidare i risultati del vaccino. Il loro problema è con la “presentazione dei dati”.

La “critica”, ampiamente riportata dai media occidentali, è stata inviata da un gruppo guidato da un ricercatore italiano residente negli Stati Uniti. Gli autori sono anche principalmente medici italiani e alcuni professori. Uno di loro, il professore svedese Anders Björkman , è noto nel dibattito per l’immunità di gregge.

E contrariamente alla reazione della Svezia, ci sono anche recensioni positive sui media occidentali sullo Sputnik V. “Il vaccino russo è promettente” scrive Medical News Today. “Il vaccino non mostra effetti negativi gravi” e crea una risposta anticorpale ” cita CNBC in un titolo. E anche la BBC dirige un rapporto con “il vaccino russo mostra segni di risposta immunitaria”.

Per il mondo aziendale in Occidente e per i governi che li rappresentano, la questione dei vaccini è una corsa, un nuovo confronto simile a una “guerra fredda”, non sulle cui tecnologie per il bene della salute di tutti, ma per amore dei loro profitti. Ora stanno facendo del loro meglio per gettare dubbi infondati e speculativi sullo Sputnik V. Lo fanno senza considerare l’enorme danno che ciò potrebbe causare limitando l’accesso del pubblico nelle nazioni sotto la loro sfera di influenza a uno strumento medico potenzialmente salvavita.

I paesi dovrebbero invece cooperare per decimare questa epidemia, tutti gli sforzi scientifici messi insieme per attaccare una piaga che uccide individui sulla Terra indipendentemente da razza, fede e status. Le posizioni egoistiche di alcuni stati potrebbero finire per essere autodistruttive per quegli stessi stati.

Il fatto è che lo Sputnik V russo è il più vicino al mondo a un vaccino funzionante contro il Covid-19. Attendere troppo a lungo la cooperazione tra i governi nell’attuazione di questa vaccinazione a portata di mano, significa collaborare cinicamente con il virus. Significa prendere una guerra fredda contro l’umanità nel suo insieme.

Le dichiarazioni e le opinioni espresse in questa colonna sono esclusivamente quelle dell’autore e non rappresentano necessariamente quelle di DataBaseItalia.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments