Database Italia

FLAVIA GROSAN, LA PNEUMOLOGA CHE SFIDANDO I PROTOCOLLI UFFICIALI HA CURATO IL 100% DEI SUOI PAZIENTI COVID

Flavia Groșan ha scelto di non applicare i protocolli ufficiali per trattare i pazienti COVID-19 in tutte le fasi della malattia, avvicinandosi invece alla malattia come una “polmonite atipica”.



Una pneumologa è stata scagionata dal sospetto di “negligenza” dal Bihor Medical College in Romania dopo essere stata convocata lunedì per presentare il suo metodo personale per il trattamento dei pazienti COVID-19, che lei sostiene abbia già consentitodi curare fino a 1.000 pazienti.

Flavia Groșan, di Oradea vicino al confine ungherese, è stata esplicita nei media rumeni riguardo alla sua scelta di non applicare protocolli ufficiali per trattare i pazienti COVID-19 in tutte le fasi della malattia, avvicinandosi invece alla malattia come una “polmonite atipica”. È arrivata addirittura a sostenere che negli ospedali si commettono enormi errori con un’eccessiva ossigenoterapia e, nei casi peggiori, con intubazioni, che a suo dire  “uccidono” i malati . Troppo ossigeno per periodi troppo lunghi alla volta, dice Groșan, può portare a edema cerebrale che a sua volta può causare la morte. L’intubazione è ancora più pericolosa, secondo il broncopneumologo.

La sua opzione, basata sulla sua esperienza ventennale, è quella di somministrare meno ossigeno per non andare oltre le esigenze del paziente, e fornisce anche antibiotici e pochi altri farmaci economici, contrariamente alle raccomandazioni di molti paesi. Questa opzione, dice, le ha permesso di guarire il “100 percento” di circa 1.000 pazienti che sono passati attraverso le sue mani, con solo una piccola manciata che forse è andata in ospedale più tardi a sua insaputa.

“Il mio obiettivo dall’inizio della pandemia era che nessun paziente indossasse la maschera per l’ossigeno, né fosse intubato. E non è successo “, ha detto al quotidiano  National . “Uso il mio classico farmaco economico, che include anche la claritromicina, un antibiotico che fa parte del gruppo degli antibiotici macrolidi. È l’unico antibiotico con tropismo virale (la proprietà di essere localizzato in alcuni organi). “

“Ci sono solo tre antibiotici nella classe dei macrolidi, l’eritromicina, che tutti conoscono, l’azitromicina e la claritromicina. Non mi piace l’azitromicina perché è una copia più debole della claritromicina. Ho lavorato in alcuni studi clinici molto interessanti sulla polmonite e lì ho imparato a conoscere il tropismo virale della claritromicina, nonché il ruolo antinfiammatorio della claritromicina, che nessun antibiotico ha. Lavoro da 10 anni con questo antibiotico nelle polmoniti virali e atipiche. Quando la pandemia ha colpito sono andata per un trattamento eziologico, claritromicina. Naturalmente, oltre a questo antibiotico, ci sono diversi trattamenti adiuvanti, perché non può farcela da solo. È uno schema di trattamento. “

Le sue dichiarazioni sensazionali hanno portato alcuni pazienti a basso contenuto di ossigeno a causa di un’infezione da COVID-19 a rifiutare il trattamento in ospedale. Forse questo è uno dei motivi per cui le è stato chiesto di comparire davanti a un comitato medico, lunedì, che aveva il potere di sanzionarla.

Ma anche questo non ha portato a una condanna ufficiale del suo trattamento; lunedì, invece, il Bihor Medical College ha detto ai media che l’audizione della dottoressa Flavia Groșan non era una “indagine” ma semplicemente una “discussione” sulle sue dichiarazioni.

Carmen Pantiș, presidente del Medical College, ha  dichiarato dopo l’incontro  che Groșan aveva espresso “amore” per i suoi pazienti, e ha chiarito che non c’erano “elementi di sfiducia” da parte sua per quanto riguarda l’attività medica all’interno dell’ospedale.

La Commissione Etica ha deciso di non sanzionarla, secondo il comunicato ufficiale, perché il trattamento applicato da Groșan “ha il suo ruolo e il suo posto”. Pantiș ha aggiunto che “l’enorme ondata di simpatia” che ha circondato il medico dalla mentalità indipendente ha avuto un ruolo in quanto accaduto lunedì mattina: “conferma che i trattamenti del medico sono buoni”.

Flavia Groșan si è presentata all’udienza accompagnata da un avvocato ed è stata accolta da una  folla di sostenitori di tutte le età e da un gran numero di giornalisti. Le sono stati consegnati dei fiori e applausi.

Groșan, che è attualmente impiegata in un ospedale privato, ha dichiarato di aver trovato il protocollo COVID-19 ufficiale e obbligatorio “estremamente difficile” – prevede l’attesa fino a quando i pazienti infetti da SARS-CoV-2 non mostrano sintomi pericolosi come mancanza di respiro e ossigeno basso, dando loro nel frattempo solo paracetamolo, la famosa tachipirina e vigile attesa.

Groșan ha spiegato di aver fatto appello alla sua esperienza personale con molti pazienti negli anni precedenti: “Ho trovato un’opzione economica con i farmaci della nomenclatura del Ministero della Salute. È una combinazione economica e incredibilmente bella. Ho 20 anni di esperienza in pneumologia “, ha detto.

Questo approccio tradizionale, in base al quale i medici usano ragionamenti analoghi e confidano nella propria conoscenza dei farmaci e delle reazioni individuali al trattamento, le ha permesso di guarire tutti i quasi 1.000 pazienti a cui ha dato il suo trattamento, qualunque sia lo stadio del malattia in cui si trovavano, ha affermato.

Piuttosto che somministrare dosi massicce di ossigeno quando il livello di saturazione di un paziente raggiunge livelli pericolosamente bassi, Groșan evita “overdose” come quelle utilizzate dagli ospedali e che possono portare a edema nel cervello.

“Quando la loro saturazione è superiore all’80 per cento, do ai miei pazienti solo piccolissime dosi di ossigeno, dell’ordine di 2-3 litri al minuto, sotto forma di brevi somministrazioni giornaliere, da 4 a 5 ore al massimo. È importante sapere che troppo ossigeno inibisce il cervello, perché in generale è il cervello che controlla il nostro corpo, non una macchina. Su questo punto sono in totale disaccordo con l’attuale protocollo COVID: le alte dosi di ossigeno che prescrive, dell’ordine di 20 litri, portano all’acidosi, provocando edema cerebrale nei pazienti … che, a sua volta, porta ovviamente alla loro morte, “ha spiegato.

Ha anche messo in guardia contro la somministrazione di Kaletra (un farmaco anti-HIV, lopinavir) e codeina che apparentemente vengono prescritti ai pazienti COVID-19 in Romania. Possono solo peggiorare i sintomi, ha detto.

“Fortunatamente, c’erano alcune infermiere – quelle che considero delle vere eroine – che osservavano i pazienti e li avvertivano di non ingoiare il Kaletra e di gettare via il farmaco. In seguito, i medici che sono venuti a controllarli sono rimasti stupiti che non avessero la diarrea e che si sentissero bene. La ragione di ciò era che non avevano assunto il farmaco prescritto dal protocollo. Questo è il modo in cui questi caregiver hanno veramente salvato la vita dei loro pazienti. ‘”

“Quando viene utilizzata la codeina, poiché la tosse è bloccata, il paziente non può espirare le secrezioni che si formano nei polmoni, e sono queste secrezioni che li stanno soffocando – non i coaguli di sangue, ma l’accumulo di secrezioni”, ha spiegato. “A questo punto, i pazienti vanno prevedibilmente in uno stato di panico perché non riescono più a respirare, quindi vengono somministrati antidolorifici e messi su un ventilatore – da quel momento in poi, c’è solo la misericordia divina per salvarli!”

Flavia Groșan è diventata una figura molto popolare in Romania, e anche se i giornalisti tendono a usare un tono ostile nei suoi confronti, il messaggio di Groșan viene ascoltato.

In una recente intervista, ha spiegato di aver guarito cinque membri di una famiglia, di età compresa tra 37 e 97 anni, permettendo a tutti di festeggiare il Natale insieme, completamente guariti.

In un’intervista tradotta dal  Visegrad Post , ha deplorato che coloro che si ammalano abbiano molta paura e vogliano andare in ospedale, “anche se puoi stare a casa e guarire assumendo farmaci”.

Lei stessa offre consulenze online e quando sospetta che sia presente la “polmonite atipica” legata al COVID-19, prescrive immediatamente claritromicina, anche se il paziente ha poca o nessuna temperatura. Ha continuato a utilizzare il suo protocollo non raccomandato nonostante fosse stata segnalata alle autorità da un collega per non aver seguito le regole.

Groșan viene rifiutata quasi all’unanimità dai colleghi pneumologi, ma è riuscita a convincere la gerarchia medica della Romania che le sue affermazioni non dovrebbero essere respinte a priori.

Carmen Pantiș del Bihor Medical College ha chiarito che Groșan potrebbe continuare a lavorare come ha sempre fatto: “Il medico continuerà a trattare i suoi pazienti esattamente come ha fatto finora. Tutti i casi gravi saranno indirizzati all’ospedale dove ci sono test più complessi e un trattamento di supporto “, ha affermato.

Ma se le affermazioni di Groșan sono corrette, non ce n’è bisogno quando si seguono le sue raccomandazioni terapeutiche.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.