Home Coronavirus FREEDOM CONVOY – Il rappresentante della polizia dell’Ontario chiese scusa ai leader...

FREEDOM CONVOY – Il rappresentante della polizia dell’Ontario chiese scusa ai leader del Freedom Convoy per il raid al carburante nel febbraio scorso

0

“Un rappresentante della polizia provinciale dell’Ontario si è scusato con gli organizzatori del Freedom Convoy per le azioni della polizia di Ottawa che fece irruzione nel sito di rifornimento di Coventry, dicendo loro che lui ei suoi colleghi si sono sentiti “traditi” dal servizio di polizia di Ottawa.

Una registrazione appena pubblicata mostra un rappresentante della polizia provinciale dell’Ontario (OPP) scusarsi con gli organizzatori del Freedom Convoy dopo che il servizio di polizia di Ottawa (OPS) ha fatto irruzione nel luogo in cui era stoccata fornitura di gas del convoglio a febbraio.

Venerdì, Andrew Layton di True North ha twittato una registrazione di una chiamata tra un rappresentante OPP e i capitani di strada del Freedom Convoy avvenuta il 6 febbraio a Coventry Road.

“Il rappresentante OPP si è scusato con gli organizzatori di Freedom Convoy dopo che la polizia di Ottawa ha fatto irruzione nel sito di rifornimento di Coventry, dicendo loro che lui e i suoi colleghi si sono sentiti ‘traditi’ dal servizio di polizia di Ottawa”, ha twittato Lawton. “Questo viene da una registrazione della chiamata che ho ottenuto.”

L’ufficiale ha detto che stava parlando per se stesso ma anche per molti altri membri della polizia dell’Ontario che sentivano di essere “… tenuti fuori dal giro” dalla polizia di Ottawa.

“Personalmente voglio scusarmi… per quello che è successo oggi”, ha detto l’ufficiale nella registrazione. “Ci è stata comunicata la posizione della polizia sull’evento e… abbiamo scoperto che non ci veniva detta la verità, o in realtà non venivamo aggiornati e consultati su ciò che stava accadendo”.

L’ufficiale ha continuato dicendo che la polizia dell’Ontario non ha comunicato efficacemente con loro prima del raid. Ha affermato che la polizia dell’Ontario “non era a conoscenza” di molte delle misure adottate dalla polizia di Ottawa, anche in relazione ad alcuni arresti effettuati. Ha detto che anche i contatti e persino alcuni membri della polizia dell’Ontario non sono stati messi a conoscenza di un tweet e di un post su Facebook che è stato pubblicato dalla polizia di Ottawa che avvertiva le persone delle minacce di arresto per aver trasportato gas nell’area del centro.

Tutti gli articoli sul Freedom Convoy

L’ufficiale ha detto che mentre capisce che l’alta dirigenza della polizia di Ottawa era probabilmente sotto pressione dal sindaco e dai suoi consiglieri, avrebbero potuto almeno raccontare ai collegamenti cosa stava succedendo in modo che potesse essere comunicato al Convoglio.

“Noi OPP, per ora, abbiamo fatto un passo indietro per rivalutare ciò che sta accadendo”, ha detto, riferendosi al collegamento, non alla normale polizia dell’Ontario. “Ma per quanto riguarda le operazioni a Ottawa, per ora abbiamo fatto un passo indietro”.

L’ufficiale ha detto che non poteva scusarsi solo per un caso, in cui un partecipante al convoglio è stato arrestato per non aver seguito gli accordi presi da entrambe le parti. Tuttavia, oltre a ciò, l’ufficiale di collegamento si è detto dispiaciuto per eventuali violazioni della fiducia che potrebbero essersi verificate.

“Per gli arresti che sono stati fatti, per il trambusto, tutto ciò che avevamo costruito e detto o promesso che non è stato seguito o che è stato ribaltato dalla dirigenza della polizia di Ottawa, diciamo solo che speriamo di poter ricostruire un rapporto di fiducia”, ha detto. “Per ora, ci siamo rimossi dalle operazioni di polizia di Ottawa”.

L’ufficiale ha detto di aver apprezzato la continua comprensione del Freedom Convoy, che avrebbe potuto facilmente dire che avevano finito di comunicare e sperava che sarebbero stati in grado di mantenere buoni rapporti.

Fonte

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari peri contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleIn Italia ricaricare l’auto elettrica può costare più della benzina
Next articleIl film “Died Suddenly” collega i punti sull’agenda di spopolamento dietro i vaccini COVID