Quantcast
Database Italia

Fuga batteriologica in Cina, migliaia si ammalano di brucellosi

Migliaia di persone nella Cina nord- occidentale sono risultate positive alla brucellosi , una malattia che comunemente infetta il bestiame, dopo che una fabbrica farmaceutica ha accidentalmente scaricato batteri nell’aria l’anno scorso, dicono i funzionari.

Almeno 3.245 persone hanno contratto la malattia a Lanzhou, la capitale della provincia di Gansu, secondo una dichiarazione della commissione sanitaria della città. Nessun decesso è stato segnalato da quando il problema è stato identificato per la prima volta lo scorso novembre.
Gli ultimi numeri sono molto più alti di quanto si pensasse inizialmente, riferisce il Global Times.
Le autorità hanno rintracciato la perdita nella fabbrica farmaceutica biologica di Zhongmu Lanzhou, dove si è scoperto che utilizzava disinfettanti scaduti. La fabbrica ha accidentalmente scaricato nell’aria una versione aerosolizzata di Brucella, il batterio che causa la brucellosi, l’estate scorsa, facendola diffondere nell’area circostante attraverso il vento.
La brucellosi, nota anche come Malta o febbre mediterranea, è una malattia batterica che si trova tipicamente nei bovini, suini, capre, pecore e cani, secondo l’ Organizzazione mondiale della sanità . È stato trovato anche negli esseri umani, ma è estremamente raro vedere la trasmissione da uomo a uomo.
La malattia causa sintomi simil-influenzali tra cui febbre, debolezza, perdita di peso e malessere, dice l’OMS. Può anche causare problemi di lunga durata come artrite e gonfiore in alcuni organi, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) .

La fabbrica farmaceutica stava producendo vaccini per animali contro la brucellosi quando la perdita è avvenuta a luglio e agosto dello scorso anno, afferma la Commissione sanitaria di Lanzhou.
Le prime infezioni sono state segnalate presso l’Istituto di ricerca veterinaria di Lanzhou a novembre e dicembre, riferisce l’ agenzia di stampa Xinhua, gestita dallo stato cinese .
Le autorità cinesi hanno punito l’azienda farmaceutica revocando il permesso di produrre vari farmaci.
La brucellosi può essere trattata con un ciclo di antibiotici di più settimane, secondo l’OMS.
La malattia era abbastanza comune in Cina fino agli anni ’80, quando i vaccini e gli antibiotici aiutarono il paese a frenarla. Tuttavia, è noto che epidemie occasionali causano il caos con il bestiame in tutto il mondo.

A livello nazionale la brucellosi è ancora oggi presente, anche se la maggior parte delle province del nord e centro Italia ha acquisito la qualifica di “territorio ufficialmente indenne”, e la malattia persiste principalmente nelle regioni del sud Italia e in Sicilia.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.