Home Coronavirus GALLI DENUNCIATO PER PROCURATO ALLARME NELLE PROCURE DI MEZZA ITALIA

GALLI DENUNCIATO PER PROCURATO ALLARME NELLE PROCURE DI MEZZA ITALIA

0


Esposto denuncia dell’Ing. Giuseppe Reda (Ricercatore del reparto di chimica alla Unical) nei confronti di Massimo Galli,  direttore del reparto di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano. Denuncia presso le Procure di mezza Italia: Bergamo, Brescia, Catanzaro, Grosseto, Livorno, Milano, Padova, Pisa, Roma, Torino, Venezia, Verona, Napoli, Frosinone, Modena, Prato, Viterbo.

La denuncia recita: “Diffusione di notizie false atte a turbare l’ordine pubblico con conseguente procurato allarme, generazione di crimini contro l’umanità con misure drastiche che portano segnatamente alla libertà di circolazione, alla libertà di iniziativa economica, alla libertà di riunione, di associazione”.

Galli aveva dichiarato: “Dei 20 letti che seguo direttamente almeno uno su tre ormai è occupato da contagiati da una variante”, ma poi è arrivata la smentita dell’ospedale. In una nota, il nosocomio dichiara: “Tali affermazioni al momento attuale non rappresentano la reale situazione epidemiologica all’interno del Presidio”.

fonte www.adhocnews.it

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.
Fai una donazione seguendo il link sicuro qui sotto
SOSTIENI DATABASE ITALIA

Previous articleLE RESTRIZIONI E I LOCKDOWN “UNA FRODE SCIENTIFICA GLOBALE DI PROPORZIONI SENZA PRECEDENTI”, AFFERMA L’UHP
Next articlePUGLIA, CONTINUA IL CAOS DELLA GESTIONE EMILIANO – LOPALCO. IL TAR SOSPENDE L’ORDINANZA: SI TORNA IN CLASSE