Database Italia

Game Over per Lukashenko: la prossima mossa del Cremlino

L’ampio schema di ciò che sta accadendo in Bielorussia in questo momento è stato anticipato con mesi di anticipo. Prima delle elezioni, il presidente Alexander Lukashenko avrebbe eliminato tutti gli sfidanti seri, lasciando solo quelli che avrebbe potuto battere senza troppi problemi;  la proclamazione della vittoria di Lukashenko alle urne avrebbe portato a proteste; Lukashenko avrebbe represso le proteste usando la forza; avrebbe quindi respinto le critiche esterne come interferenze negli affari interni della Bielorussia e sarebbe rimasto al potere. In altre parole, una replica dello scenario delle elezioni del 2010 ancora una volta.

Eppure, contro le aspettative, diversi elementi hanno cambiato sostanzialmente, anche in modo cruciale, il quadro. Uno è stato l’ incidente di Wagner : una bizzarra operazione in cui il KGB bielorusso ha arrestato trentatré sospetti mercenari russi undici giorni prima del voto e li ha accusati di essere a Minsk per creare problemi durante le elezioni. Gli arresti hanno permesso a Lukashenko di intensificare la sua retorica anti-russa. Il Cremlino, sconcertato, ha visto questo come il tentativo del sovrano bielorusso di ottenere l’acquiescenza in Occidente per la sua rielezione con un biglietto pro-sovranità e anti-russo. Qualunque fiducia fosse rimasta in Lukashenko a Mosca è a questo punto svanita completamente.  

Il secondo elemento è stata la perseveranza dei manifestanti a Minsk e in tutta la Bielorussia, che non si sono arresi dopo diversi giorni di protesta, nonostante siano stati maltrattati – e in molti casi selvaggiamente picchiati – dalla polizia. Lukashenko aveva sperato che le brutalità avrebbero, come prima cosa, stroncato le proteste sul nascere invece hanno portato al risultato opposto di indignazione e rabbia diffusi. Questo a sua volta ha portato al terzo risultato imprevisto: l’espansione delle proteste oltre la solita folla di giovani cittadini orientati all’Europa per includere gli anziani, anche quelli che un paio di giorni prima avrebbero potuto effettivamente votare per Lukashenko alle elezioni.

La situazione si sta sviluppando rapidamente e ci saranno altre sorprese lungo la strada. Tuttavia, si possono già trarre alcune conclusioni preliminari. Il regime di Lukashenko ha definitivamente perso il Paese. Potrebbe ancora mantenere il potere: il gruppo dirigente composto da burocrati selezionati personalmente e costantemente ruotati da Lukashenko non ha sviluppato crepe visibili e la lealtà della polizia e dei servizi di sicurezza è stata riaffermata dalla responsabilità personale dei loro capi per il post-elezioni. Il classico scenario di una rivoluzione arcobaleno questa volta non si svolgerà in Bielorussia. 

Tuttavia, il presidente, che – se avesse lasciato andare avanti le elezioni senza interferenze, avrebbe potuto anche vincere al primo turno – ha perso il sostegno del popolo. Nonostante il conteggio ufficiale dell’80% dei voti espressi per Lukashenko, non c’è stata alcuna reazione popolare contro i manifestanti di strada. Il popolo bielorusso, ha avuto la sua vera voce in capitolo non il giorno delle elezioni, ma nei giorni successivi. 

Lukashenko, l’autocrate che apparentemente ha costruito da solo lo stato bielorusso, sarebbe potuto passare alla storia come il padre della Bielorussia moderna, se avesse scelto, anche all’inizio di quest’anno, di dimettersi e gestire la propria successione. Ora è sulla buona strada per un’uscita inevitabile e disonorevole. Potrebbero volerci settimane o più, ma per Lukashenko è tutto: la sua legittimità è svanita per sempre. Questo è il risultato più importante dei recenti sviluppi. Questo risultato sta portando sulla scena anche altri giocatori, insieme al popolo bielorusso. Inizia un nuovo atto del dramma.

La posizione strategica che la Bielorussia occupa sull’asse centrale tra l’Unione europea e la Russia rende la successione alla persona che ha governato il Paese con il pugno di ferro per ventisei anni estremamente importante sia per Mosca che per l’Occidente. Il Cremlino non è sposato con Lukashenko: ne ha avuto abbastanza. Non può, tuttavia, consentire alla Bielorussia di seguire la via dell’Ucraina e diventare un altro baluardo anti-russo, appoggiato alla NATO ai suoi confini e molto più vicino a Mosca. Né può permettere una ribellione che porti a un bagno di sangue.

Allora, cosa si dovrebbe fare? Ci sono quattro opzioni di base. Primo, un intervento militare russo in Bielorussia per stabilizzare il suo alleato: questo dovrebbe essere evitato a tutti i costi a causa delle inevitabili conseguenze disastrose. La seconda opzione è non fare nulla e lasciare cadere Lukashenko, sperando che chi verrà dopo di lui tenga conto degli stretti legami della Bielorussia con la Russia, anche in ambito economico: troppo rischioso. Uno sconvolgimento può trasformarsi in un bagno di sangue, costringendo Mosca a esercitare la prima opzione. Il terzo è sfruttare le relazioni interrotte di Lukashenko con l’Occidente e avvolgerlo in un abbraccio stretto: controproducente. Renderebbe la Russia complice del regime condannato e alimenterebbe l’odio per la Russia usando i soldi di Mosca. La quarta opzione è guardare oltre Lukashenko e gestire un trasferimento di potere a Minsk.    

Questa opzione significherebbe facilitare la transizione politica bielorussa convincendo Lukashenko che il ritiro in esilio è per lui l’opzione meno negativa nelle circostanze attuali. Significherebbe coinvolgere contemporaneamente un ampio spettro di personalità pubbliche in Bielorussia e aiutare una nuova leadership rispettata di custodi a programmare le elezioni a tempo debito. Significherebbe anche sondare i bielorussi sulle questioni nelle relazioni bilaterali , compresa la natura dello Stato sindacale e dei suoi vari elementi. Ciò includerebbe i parametri futuri delle relazioni economiche e di sicurezza tra i due paesi. La conversazione dovrebbe essere schietta e gli impegni reciproci riaffermati o adattati secondo necessità.  

Gestire la crisi in Bielorussia in un modo che mantenga quel paese un buon vicino e un partner affidabile per la Russia può sembrare troppo modesto rispetto alla visione a lungo sostenuta di uno stato sindacale , ma è meglio rinunciare alle illusioni e salvare vite e denaro che consentire a un parente stretto di trasformarsi in un nemico implacabile. L’esempio della porta accanto – dell’Ucraina – non deve essere ripetuto. 

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta dal Carnegie Moscow Center.   



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

I commenti sono chiusi.