Database Italia

Gavi Alliance: 76 paesi hanno aderito al piano Covax per la vaccinazione globale . Gli USA dicono NO

LONDRA (Reuters) – Settantasei nazioni ricche sono ora impegnate ad aderire a un piano globale di assegnazione del vaccino COVID-19 co-guidato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che mira ad aiutare ad acquistare e distribuire equamente il vaccino, come dichiarato dal co-responsabile del progetto mercoledì.

Seth Berkley, amministratore delegato dell’alleanza per i vaccini GAVI, guidata Bill Gates, ha affermato che il piano coordinato, noto come COVAX, é stato ratificato anche da Giappone, Germania, Norvegia e oltre 70 altre nazioni, concordando in linea di principio di procurarsi i vaccini COVID-19 attraverso la Gavi per la popolazione.

“Abbiamo, al momento, 76 paesi a reddito medio-alto e ad alto reddito che hanno presentato conferme di intenzione di partecipare – e ci aspettiamo che quel numero aumenti”, ha detto Berkley a Reuters in un’intervista.

“Questa è una buona notizia. Ciò dimostra che la struttura COVAX è aperta al pubblico e sta attirando il tipo di interesse in tutto il mondo come speravamo avrebbe fatto “, ha detto.

I coordinatori di COVAX sono in trattative con la Cina per un’eventuale adesione ha detto Berkley.

“Abbiamo avuto una discussione ieri con il governo (cinese)”, ha detto Berkley. “Non abbiamo ancora firmato alcun accordo con loro”, ma Pechino ha dato “un segnale positivo”, ha aggiunto.

COVAX è co-guidato da GAVI, dall’OMS e dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), ed è progettato per scoraggiare i governi nazionali dall’accumulare i vaccini COVID-19 e per concentrarsi sulla prima vaccinazione delle persone più ad alto rischio in ogni paese.

I suoi sostenitori affermano che questa strategia dovrebbe portare a una riduzione dei costi del vaccino per tutti e una più rapida fine alla pandemia che ha causato circa 860.000 vittime a livello globale.

I paesi ricchi che aderiscono a COVAX finanzieranno gli acquisti di vaccini dai loro bilanci nazionali e collaboreranno con 92 nazioni più povere sostenute attraverso donazioni volontarie al piano per garantire che i vaccini siano distribuiti equamente, ha detto Berkley.

I paesi ricchi partecipanti sono anche liberi di procurarsi vaccini attraverso accordi bilaterali e altri piani.

Gli Stati Uniti hanno detto martedì che non si uniranno a COVAX a causa dell’obiezione dell’amministrazione Trump al coinvolgimento dell’OMS, una mossa descritta da alcuni critici come “deludente”. Berkley ha detto di non essere sorpreso dalla decisione degli Stati Uniti, ma cercherà di continuare i colloqui con Washington.

Mercoledì, in quello che sembrava essere un cambiamento di posizione, l’Unione Europea ha affermato che i suoi stati membri potrebbero acquistare potenziali vaccini COVID-19 attraverso COVAX.

I coordinatori di COVAX hanno cercato di aggiungere flessibilità agli accordi di adesione per incoraggiare una maggiore partecipazione, ha detto Berkley.

L’OMS descrive COVAX come una “polizza assicurativa inestimabile” per tutti i paesi per garantire l’accesso ai vaccini COVID-19 sicuri ed efficaci quando vengono sviluppati e approvati. I coordinatori del piano hanno fissato una scadenza del 18 settembre per i paesi che si iscrivono per assumere impegni vincolanti.

L’obiettivo di COVAX è quello di procurare e fornire 2 miliardi di dosi di vaccini approvati entro la fine del 2021. Attualmente ha nove candidati vaccini COVID-19 nel suo portafoglio che impiegano una gamma di diverse tecnologie e approcci scientifici.

Alcuni sono già in fase avanzata di sperimentazione clinica e potrebbero avere dati disponibili entro la fine dell’anno.



Segui Database Italia su Google News: Database Italia

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments